9.6 C
Bruxelles
Venerdì, Marzo 1, 2024
CulturaSpaces of Respect, Bridge-Builder promuove il dialogo con le minoranze religiose al Parlamento europeo

Spaces of Respect, Bridge-Builder promuove il dialogo con le minoranze religiose al Parlamento europeo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil - at The European Times Notizie - Principalmente nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa e a livello internazionale, con particolare attenzione ai diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non viene ascoltato dai media generalisti.

Bruxelles, Belgio – “Da qui la necessità oggi di questo tipo di dibattito, che permetta a una minoranza religiosa di trovare uno spazio pulito e rispettoso in cui esprimere la propria religione in modo responsabile e trasparente, all’interno di un quadro democratico”, ha affermato Lahcen Hammouch in un discorso lo scorso settimana al Parlamento europeo. Il giornalista e attivista della Convivenza per la Pace è intervenuto il 30 novembre nell'ambito di una conferenza sulla tutela dei diritti delle minoranze spirituali.

Organizzato dall'eurodeputata francese Maxette Pirbakas, l'incontro di lavoro ha riunito diversi gruppi religiosi per discutere le esperienze in Europa. Nel suo discorso, Hammouch, amministratore delegato della testata Bruxelles Media, con sede a Bruxelles, ha fatto riferimento a un'educazione che ha favorito i legami interreligiosi. Cresciuti in Marocco, “abbiamo vissuto insieme alla comunità ebraica fin da quando eravamo bambini”, ha ricordato. Tuttavia, dopo essere immigrato in Belgio a 18 anni, Hammouch ha incontrato razzismo e divisioni sconosciute.

Sulla scia degli “attacchi terroristici in Europa da parte di estremisti islamici radicali”, il dialogo è diventato più urgente, ha sostenuto Hammouch. “Da qui la necessità oggi che tutti – neri, bianchi, blu, gialli, verdi – parlino tra loro”, ha sottolineato, anche laddove un pieno accordo si rivela impossibile. Il suo lavoro è incentrato sulla facilitazione di tali conversazioni attraverso piattaforme mediatiche, seminari e “apéros della diversità” che coinvolgono diverse filosofie e organizzazioni religiose.

Pur riconoscendo che la comunità musulmana deve far fronte ai pregiudizi, Hammouch ha distinto il nucleo spirituale della religione dall'ideologia politica dell'islamismo. Il suo prossimo libro esplora questo panorama complesso. “Esiste ovviamente un Islam di pace, un Islam tradizionale, un Islam di valori”, ha scritto. “E poi c’è un islamismo che porta con sé un progetto politico”.

Fornendo un forum per lo scambio pluralistico, ha suggerito Hammouch, eventi come la conferenza organizzata dall'eurodeputato francese Pirbakas, consentono una comprensione trasparente tra persone di diversa estrazione. Ringraziando l'eurodeputata per i suoi sforzi, ha ribadito la necessità di uno “spazio rispettoso” in cui le minoranze religiose possano esprimere liberamente le proprie convinzioni come membri integrali delle democrazie europee.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -