14.2 C
Bruxelles
Giovedi, April 11, 2024
InternazionaleLa Corte internazionale di giustizia chiede a Israele di impedire il "genocidio" a Gaza

La Corte Internazionale di Giustizia chiede a Israele di prevenire il “genocidio” a Gaza

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Venerdì 26 gennaio, la più alta corte delle Nazioni Unite ha esortato Israele ad adottare tutte le misure per prevenire qualsiasi atto di genocidio nella Striscia di Gaza. L'attesa decisione è stata presa dalla Corte internazionale di giustizia (ICJ) con sede all'Aia, nei Paesi Bassi.

Inoltre la corte ha invitato Israele a concedere l'accesso a Gaza. Ha sottolineato che Israele dovrebbe facilitare tempestivamente ed efficacemente la fornitura dei servizi e degli aiuti umanitari urgenti richiesti dai palestinesi per affrontare le loro condizioni di vita.

Il primo ministro israeliano ha sottolineato che la Corte internazionale di giustizia non sta togliendo a Israele il diritto di difendersi, ma che è indignato dal fatto che la corte si sia dichiarata competente a pronunciarsi nel merito del caso. Ha continuato affermando che Israele sta conducendo una guerra giusta contro i mostri di Hamas che hanno ucciso, rapito, violentato e torturato cittadini israeliani, e che continuerà a farlo finché Hamas costituirà una minaccia alla sicurezza e all'esistenza di Israele.

In risposta a questi sviluppi, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu ha prontamente denunciato le accuse di “genocidio” del Sud Africa a Gaza come oltraggiose. ha sottolineato che la Corte internazionale di giustizia non sta togliendo a Israele il diritto di difendersi, ma che è indignato dal fatto che la corte si sia dichiarata competente a pronunciarsi nel merito del caso. Ha continuato affermando che Israele sta conducendo una guerra giusta contro i mostri di Hamas che hanno ucciso, rapito, violentato e torturato cittadini israeliani, e che continuerà a farlo finché Hamas costituirà una minaccia alla sicurezza e all'esistenza di Israele.

Reazioni da diversi paesi

Il Sudafrica ha salutato una “vittoria decisiva per il governo del internazionale legge e un passo importante nella ricerca di giustizia per il popolo palestinese”. Il Ministero degli Affari Esteri sudafricano ha ritenuto che la Corte “ha stabilito che le azioni di Israele a Gaza sono plausibilmente genocide e ha indicato misure provvisorie su tale base”, ringraziandolo “per la sua rapida decisione”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri dell'Autorità Palestinese Riyad al-Maliki in un videomessaggio. L'ordinanza di venerdì è “un avvertimento importante sul fatto che nessuno Stato è al di sopra della legge”, ha affermato. “Gli Stati hanno ora il chiaro obbligo legale di porre fine alla guerra genocida di Israele contro il popolo palestinese di Gaza”.

Hamas, al potere a Gaza dal 2007, ha salutato “uno sviluppo importante” che, a suo avviso, “isola Israele” sulla scena internazionale.

Il ministro della Sicurezza nazionale, esponente dell'estrema destra, ritiene che le misure precauzionali richieste a Israele dalla Corte internazionale di giustizia siano di natura antisemita e invita Israele a non conformarsi a tale decisione.

Anche gli Stati Uniti hanno reagito attraverso un portavoce del Dipartimento di Stato: “Continuiamo a credere che le accuse di genocidio siano infondate e notiamo che la Corte non ha accertato il genocidio né ha chiesto un cessate il fuoco”.

L’Unione Europea ha chiesto l’attuazione “piena e immediata” di questa decisione, accolta con favore da diversi paesi tra cui Turchia, Iran e Spagna.

Puoi leggi l'ordinanza della ICJ per intero qui e guarda il video completo della sentenza qui.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -