5.6 C
Bruxelles
Domenica, Aprile 21, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteI “pronto soccorso” guidati dai giovani brillano di speranza nel Sudan devastato dalla guerra

I “pronto soccorso” guidati dai giovani brillano di speranza nel Sudan devastato dalla guerra

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Le sale di risposta alle emergenze stanno trovando approcci innovativi per fornire assistenza rapida a milioni di persone che affrontano la guerra in Sudan.

Squadre di personale medico volontario, ingegneri e altri esperti di emergenza in tutto il paese stanno affrontando le esigenze civili nel contesto della crisi attuale episodio di violenza e l’insicurezza derivante dagli scontri con le forze militari rivali nell’aprile 2023.

Finora, gli ERR hanno raggiunto più di quattro milioni di civili, contrastando la burocrazia e trovando soluzioni innovative.

Notizie ONU ha incontrato tre giovani volontari che hanno visitato la sede delle Nazioni Unite a New York per partecipare a incontri con funzionari e attori del settore umanitario.

L’obiettivo è semplice: raggiungere coloro che corrono il rischio di morte, carestia, malattie e difficoltà nell’ottenere acqua potabile, elettricità e servizi di comunicazione.

I bisogni sono grandi

I bisogni sono grandi, hanno detto. Il conflitto in corso ha portato alla partenza delle agenzie umanitarie, al collasso delle istituzioni statali e all’interruzione dei servizi di base in gran parte del Paese, tra l’aumento delle vittime civili e lo sfollamento su larga scala.

Oltre 7.4 milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case in cerca di sicurezza dentro e fuori il Sudan. 

Operando negli stati di tutto il paese, gli ERR funzionano come un “governo di emergenza locale”.

Le sale di pronto intervento gestite dai giovani sono state ampliate dopo lo scoppio della guerra in Sudan per colmare il vuoto creato dalla partenza delle organizzazioni umanitarie internazionali.

Le sale di pronto intervento gestite dai giovani sono state ampliate dopo lo scoppio della guerra in Sudan per colmare il vuoto creato dalla partenza delle organizzazioni umanitarie internazionali.

"Riempire il vuoto"

Dopo lo scoppio della guerra, Hanin Ahmed, giovane attivista sudanese con un master in genere e specializzata in pace e conflitti, ha fondato insieme a una sua collega un pronto soccorso nella zona di Omdurman.

Lei e i suoi colleghi hanno visitato il quartier generale delle Nazioni Unite, tra le altre cose, per far luce sulla questione del Sudan, che secondo lei non riceve abbastanza attenzione nonostante il catastrofico deterioramento della situazione sul terreno.

“Siamo uniti dal lavoro umanitario e dal senso di rispondere alle ripercussioni della guerra e di aiutare le persone”, ha detto Notizie ONU.

I pronto soccorso contribuiscono a riempire parte del vuoto lasciato dall’abbandono delle organizzazioni umanitarie internazionali, ha spiegato Ahmed.

Ogni iniziativa gode di un'intensa partecipazione comunitaria da parte di giovani di tutti gli orientamenti politici, ha affermato, evidenziando alcune delle loro storie di successo, dall'assistenza alle vittime di violenza sessuale alla fornitura di percorsi verso la sicurezza.

“Attraverso le nostre reti giovanili e le nostre relazioni personali, siamo stati in grado di aprire corridoi sicuri per evacuare i cittadini dai quartieri sotto attacco e portarli nei centri di accoglienza”, ha detto la signora Ahmed. 

“Ne siamo orgogliosi”.

“Ma affrontiamo il furto e siamo esposti”, ha detto. “I giovani vengono presi di mira, arrestati e uccisi mentre lavorano in condizioni molto difficili”.

Una struttura semplice, pratica e 'lontana dalla burocrazia'

L’iniziativa ha iniziato utilizzando grandi reti giovanili costruite sulla scia della Rivoluzione di dicembre del 2018 in risposta alla COVID-19 Pandemia, ha detto Muhammad Al-Ebaid, capo del comitato di segnalazione nello stato di Khartoum.

I soccorritori guidati dai giovani stanno aiutando le comunità di fronte alla guerra.

I soccorritori guidati dai giovani stanno aiutando le comunità di fronte alla guerra.

Gli sforzi si sono ampliati dopo lo scoppio della guerra in aprile.

"Abbiamo cercato di trovare una struttura semplice e pratica per svolgere i compiti, lontano dalla burocrazia", ​​ha affermato. “Finora siamo stati in grado di fornire cibo, elettricità, acqua e servizi di protezione a quasi quattro milioni di persone nel Darfur e a Khartoum”.

Laddove ce n’è bisogno, gli ERR agiscono. I servizi elettrici instabili sono affrontati da volontari che svolgono operazioni di manutenzione.

In mezzo alla violenza crescente, i pronto soccorso sono stati finora in grado di evacuare circa 12,000 persone, di cui più di 800 dalla zona di Al-Fitaihab a Omdurman a dicembre, ha detto Al-Ebaid.

Bambini e donne fanno la fila per raccogliere acqua pulita e sicura nella città di Zalingei, nel Darfur centrale.

Bambini e donne fanno la fila per raccogliere acqua pulita e sicura nella città di Zalingei, nel Darfur centrale.

"Un governo locale d'emergenza"

Il coordinatore dei pronto soccorso del Darfur, AbuZar Othman, ha affermato che queste iniziative equivalgono a “un governo di emergenza locale” che cerca di fornire servizi umanitari continui gestiti da uomini e donne sudanesi “al fine di costruire una solidarietà che preservi il nostro tessuto sociale e la nostra dignità e copra i nostri bisogni”.

Hanin Ahmed (a sinistra) e Muhammad Al-Ebaid lavorano nelle sale di pronto intervento in Sudan.

Hanin Ahmed (a sinistra) e Muhammad Al-Ebaid lavorano nelle sale di pronto intervento in Sudan.

Facendo riferimento all'enorme sofferenza che la popolazione del Darfur sta sperimentando a causa dei conflitti armati dal 2003 fino all'attuale guerra, ha affermato che le violazioni contro i civili “sono arrivate a essere descritte come crimini di genocidio e pulizia etnica, lasciando dietro di sé un quadro umanitario estremamente complesso, realtà economica e sociale”.

In un momento in cui la guerra si espande insieme a sfide intrecciate, ha affermato che la creazione di pronto soccorso in quattro stati è un passo decisivo per fornire il supporto necessario e una risposta rapida ai bisogni dei cittadini.

Dalla diffusione delle armi alle tensioni etniche, Othman ha affermato che le sfide sono ampie, tra cui affrontare la crisi in corso nel settore agricolo e del pascolo, le interruzioni delle reti di comunicazione e la mancanza di servizi sanitari.

Trovare soluzioni innovative

Presso la sede delle Nazioni Unite, i tre volontari hanno chiesto alla comunità internazionale di riconoscere i pronto soccorso come attori in campo umanitario e di fornire loro sostegno.

"Stiamo cercando di adattarci a tutte le sfide esistenti e di trovare soluzioni innovative, ma abbiamo ancora bisogno di sviluppo e di un sistema forte che sia compatibile con tutte queste sfide", ha affermato la signora Ahmed.

“Noi dei pronto soccorso non possiamo coprire tutte le necessità nelle aree di conflitto, quindi chiediamo alla comunità internazionale e alle organizzazioni internazionali di far luce sulla questione sudanese e di fare pressione per mettere a tacere il rumore delle armi, proteggere i civili e fornire maggiore sostegno per aiutare coloro che sono colpiti dalla guerra”.

Fatti veloci

Cosa sono le sale di risposta alle emergenze (ERR)?

  • Iniziative informali guidate dalla comunità in Sudan
  • Spinto da attori locali, tra cui un numero crescente di giovani
  • Mobilitato durante la pandemia di COVID-19
  • Ampliato in seguito allo scoppio della guerra nel 2023
  • Risposte rapide ai bisogni urgenti
  • Fornitori di servizi umanitari essenziali alle popolazioni colpite

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -