10.5 C
Bruxelles
Domenica, Aprile 14, 2024
Diritti umaniIl Regno Unito ha esortato a porre fine alla “minaccia nazionale” di violenza contro donne e ragazze

Il Regno Unito ha esortato a porre fine alla “minaccia nazionale” di violenza contro donne e ragazze

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Concludendo un Visita di 10 giorni Per quanto riguarda il paese, il relatore speciale Reem Alsalem ha osservato che una donna viene uccisa da un uomo ogni tre giorni nel Regno Unito e che una donna su quattro subirà una qualche forma di violenza domestica nel corso della sua vita.

"Patriarcato radicato a quasi tutti i livelli della società, combinato con l’aumento della misoginia che permea il mondo fisico e online, sta negando a migliaia di donne e ragazze in tutto il Regno Unito il diritto di vivere in sicurezza, libere dalla paura e dalla violenza”, ha affermato in una dichiarazione riassumendo le sue scoperte e osservazioni preliminari.

Leadership e ispirazione 

La signora Alsalem riconosciuto il solido quadro giuridico per la promozione dell’uguaglianza di genere, compreso l'Equality Act 2010 e altre leggi applicabili in tutto il Regno Unito, sottolineando che questo quadro è integrato da importanti leggi e politiche nelle regioni devolute, con riferimento a Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

Ha affermato che il Regno Unito è stato leader nel rafforzare il proprio quadro giuridico per affrontare le forme attuali ed emergenti di violenza contro donne e ragazze, compreso il controllo coercitivo, la violenza facilitata digitalmente e lo stalking, nonché il miglioramento dell’accesso alla giustizia.

“Molti paesi cercheranno ispirazione nel Regno Unito, nonché esempi di innovazione e buone pratiche su come rendere la vita più sicura per donne e ragazze e responsabilità per i crimini commessi contro di loro”, ha aggiunto.

Tradurre la politica in azione 

Tuttavia, il Relatore Speciale ha osservato che una serie di realtà minano la capacità del Regno Unito di realizzare il pieno potenziale della sua legislazione e delle sue politiche sulla violenza contro le donne.

Includono la diluizione del legame tra queste politiche e gli obblighi internazionali del Regno Unito in materia di diritti umani; un discorso critico generale e una posizione sui diritti umani, in particolare in relazione ai migranti, ai richiedenti asilo e ai rifugiati; e il frammentazione delle politiche sulla violenza maschile contro le donne e le ragazze nelle aree decentrate e non decentrate.

"Il Regno Unito può fare di più per tradurre in azione il riconoscimento politico della portata della violenza contro le donne e le ragazze”, ha affermato, prima di offrire diverse raccomandazioni, come riunire tutti gli aspetti legislativi e programmatici di intervento sulla questione, aggiornare e formalizzare la responsabilità per la discriminazione e la violenza contro le donne e le ragazze nel governo e ancorarla agli impegni in materia di diritti umani. 

Gruppi di base in difficoltà 

La signora Alsalem ha espresso preoccupazione per come le organizzazioni di base e i fornitori di servizi specializzati in prima linea che lavorano con donne e ragazze stiano lottando per soddisfare i bisogni dei più vulnerabili, sia stranieri che nazionali, che cadono nel dimenticatoio e non sono coperti dai fornitori di servizi statutari. 

Questi gruppi “stanno lottando per sopravvivere in un contesto sempre più difficile l’aumento del costo della vita, una crisi immobiliare sempre più grave e una grave mancanza di finanziamenti, "Ha detto.

“La situazione delle ONG che lavorano sull’uguaglianza di genere e sulla violenza contro donne e ragazze ha raggiunto un punto di crisi ed è semplicemente insostenibile”, ha aggiunto, esortando le autorità britanniche a ripristinare finanziamenti prevedibili e adeguati alle organizzazioni in prima linea. 

La signora Alsalem, relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne e le ragazze, è stata nominata dalle Nazioni Unite Consiglio per i diritti umani a Ginevra. 

Gli esperti indipendenti che ricevono mandati dal Consiglio non fanno parte del personale delle Nazioni Unite e non sono pagati per il loro lavoro. 

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -