16.3 C
Bruxelles
Venerdì, aprile 12, 2024
AsiaL'UE esprime indignazione e chiede che vengano avviate indagini sulla morte di Alexei Navalny

L'UE esprime indignazione e chiede che vengano avviate indagini sulla morte di Alexei Navalny

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

In un dichiarazione che ha suscitato eco nella comunità internazionale, l’Unione Europea ha espresso la sua profonda indignazione per la morte di Alexei Navalny, una figura di spicco dell’opposizione russa. L'UE ritiene “responsabili in ultima istanza” il presidente russo Vladimir Putin e le autorità del paese Navalnyè la fine.

"L'Unione europea è indignata per la morte del politico dell'opposizione russa Alexei Navalny, della quale la responsabilità ultima ricade sul presidente Putin e sulle autorità russe", ha affermato l'Alto rappresentante a nome dell'UE. La dichiarazione è stata fatta al termine di una riunione del Consiglio Affari Esteri, dove sono state estese le più sentite condoglianze alla moglie di Navalny, Yulia Navalnaya, ai loro figli, alla famiglia, agli amici e a tutti coloro che hanno collaborato con lui per il miglioramento della Russia.

L’UE ha chiesto alla Russia di consentire “un’indagine internazionale indipendente e trasparente sulle circostanze della sua morte improvvisa”. Ha promesso di coordinarsi strettamente con i suoi partner per ritenere responsabile la leadership politica russa, suggerendo l’imposizione di ulteriori sanzioni come conseguenza delle loro azioni.

La morte di Navalny ha scatenato un'ondata di dolore globale, con tributi pagati in tutto il mondo. Tuttavia, in Russia, le autorità hanno tentato di soffocare questi memoriali, arrestando diverse centinaia di persone. L’UE ha chiesto il loro rilascio immediato.

Il ritorno di Navalny in Russia dopo essere sopravvissuto a un tentativo di omicidio che coinvolgeva l'agente nervino “Novichok” – una sostanza vietata dalla Convenzione sulle armi chimiche – lo ha contrassegnato come una figura di immenso coraggio. Nonostante abbia dovuto affrontare accuse motivate politicamente e sia stato isolato in una colonia penale siberiana, Navalny ha continuato il suo lavoro, con il suo accesso alla famiglia severamente limitato e i suoi avvocati sottoposti a molestie.

L'UE ha costantemente condannato l'avvelenamento di Navalny e le sentenze motivate politicamente contro di lui, chiedendo il suo rilascio immediato e incondizionato e invitando la Russia a garantire la sua sicurezza e salute.

“Nel corso della sua vita, Navalny ha dimostrato incredibile coraggio, dedizione al suo Paese e ai suoi concittadini e determinazione con il suo lavoro anti-corruzione in tutta la Russia”, sottolinea la dichiarazione. Ciò ha sottolineato la paura che Navalny ha instillato in Putin e nel suo regime, soprattutto nel contesto della guerra illegale di aggressione della Russia contro l’Ucraina e delle imminenti elezioni presidenziali russe di marzo.

La morte di Navalny è vista come una testimonianza “scioccante” della “repressione sistematica e accelerata in Russia”. L'UE ha ribadito la sua richiesta di rilascio immediato e incondizionato di tutti i prigionieri politici in Russia, tra cui Yuri Dmitriev, Vladimir Kara-Murza, Ilya Yashin, Alexei Gorinov, Lilia Chanysheva, Ksenia Fadeeva, Alexandra Skochilenko e Ivan Safronov.

Questa dichiarazione segna un momento significativo nelle relazioni UE-Russia, riflettendo la posizione dell'UE sulle violazioni dei diritti umani e la sua disponibilità ad agire contro coloro ritenuti responsabili.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -