16.2 C
Bruxelles
Venerdì, giugno 21, 2024
Diritti umaniVogliamo tutti un Afghanistan in pace, ha detto il capo delle Nazioni Unite a Doha

Vogliamo tutti un Afghanistan in pace, ha detto il capo delle Nazioni Unite a Doha

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

António Guterres, parlando ai giornalisti durante un incontro di due giorni con gli inviati speciali regionali e nazionali per l'Afghanistan, ha affermato che c'è consenso tra i delegati su ciò che deve accadere, anche se i talebani non vi prendono parte.

“Vogliamo un Afghanistan in pace, in pace con se stesso e in pace con i suoi vicini e in grado di assumere gli impegni e gli obblighi internazionali di uno Stato sovrano… in relazione alla comunità internazionale, ai suoi vicini e in relazione ai diritti delle sue stesse popolazioni ," Egli ha detto.

C'è consenso anche sul processo per raggiungere questo obiettivo, ha aggiunto, rilevando le proposte delineate in una revisione indipendente su un approccio integrato e coerente condotta da Feridun Sinirlioğlu, in linea con Consiglio di Sicurezza risoluzione 2679.

Preoccupazioni chiave

Ha coperto tutte le principali aree di preoccupazione, ha affermato Guterres, inclusa la garanzia che l’Afghanistan non diventi un “focolaio” di attività terroristiche e che disponga di istituzioni inclusive in cui tutti i suoi diversi gruppi si sentano rappresentati in uno Stato “veramente inclusivo”.

L’analisi rileva l’importanza di difendere i diritti umani, in particolare delle donne e delle ragazze, e di riconoscere i progressi compiuti nella lotta alla produzione e al traffico di droga.

Il capo delle Nazioni Unite ha inoltre sottolineato la necessità di un'efficace assistenza umanitaria al paese nonché le questioni a lungo termine sul futuro sviluppo dell'Afghanistan.

Guterres ha inoltre sottolineato la cooperazione in corso tra l’Afghanistan e i paesi vicini, come lo sviluppo del commercio e delle infrastrutture o gli accordi bilaterali sulla lotta al traffico illecito di droga.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres si rivolge ai media a Doha, in Qatar.

Domande chiave

Tuttavia, ci sono una serie di domande chiave “nelle quali siamo bloccati”, ha aggiunto.

"Da una parte, L’Afghanistan resta con un governo non riconosciuto a livello internazionale e per molti aspetti non integrato nelle istituzioni globali e nell’economia globale”, ha affermato.

D’altro canto, esiste una percezione comune a livello internazionale di un deterioramento dei diritti umani, in particolare per le donne e le ragazze.

“In una certa misura ci troviamo nella situazione dell’uovo o della gallina”, ha affermato, sottolineando la necessità di superare la situazione di stallo e produrre una road map comune che affronti contemporaneamente le preoccupazioni internazionali e quelle delle autorità di fatto”.

Presupposti inaccettabili

In risposta alla domanda di un corrispondente sulla mancata partecipazione delle autorità di fatto talebane, il capo delle Nazioni Unite ha affermato che il gruppo presentava una serie di condizioni per la sua partecipazione “che non erano accettabili”.

“Queste condizioni innanzitutto ci ha negato il diritto di parlare con altri rappresentanti della società afghana e richiesto un trattamento che sarebbe, direi, in larga misura simile al riconoscimento. "

Su un’altra questione, Guterres ha affermato che l’incontro è stato molto utile e che le discussioni erano “assolutamente necessarie”.

“Ovviamente sarebbe meglio se avessimo l’opportunità anche dopo l’incontro… di discutere le nostre conclusioni con le autorità di fatto. Non è successo oggi; accadrà nel prossimo futuro. "

Il Segretario generale Guterres si rivolge ai media a Doha.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -