15.4 C
Bruxelles
Thursday, May 30, 2024
ReligioneCristianesimoUn incontro costitutivo e una tavola rotonda per l'unificazione dell'Ucraina...

A Kiev si è svolto un incontro costitutivo e una tavola rotonda per l'unificazione dell'ortodossia ucraina

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Di Hristianstvo.bg

In “S. Sofia di Kiev” si è tenuta l’Assemblea Costituente dell’organizzazione pubblica “Fratellanza di Sofia”. I partecipanti all'incontro hanno eletto il presidente dell'arciprete Alexander Kolb e i membri del consiglio di amministrazione della confraternita. L'evento si è svolto nell'ambito del Forum per l'unità dell'ortodossia ucraina, che si è svolto sul territorio della Riserva nazionale “St. Sofia di Kiev”.

La confraternita di Sofia si propone come un'associazione di ucraini ortodossi, credenti della Chiesa ucraina, della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" e di altre chiese locali. L'obiettivo principale dell'attività della confraternita è il sostegno globale al dialogo interortodosso per raggiungere l'unità dell'Ortodossia ucraina, l'unificazione degli sforzi e il sostegno alle iniziative dei cristiani ortodossi mirate al suo sviluppo.

Nell'ambito del Forum si è svolta la tavola rotonda “Chiesa, società, Stato: dialogo per l'unità e la vittoria”.

Per molto tempo l’ortodossia ucraina ha sofferto di divisioni e ostilità. I ripetuti tentativi di superare lo scisma, tuttavia, incontrarono costantemente la resistenza sia nascosta che aperta da parte del Patriarcato di Mosca. In particolare, il desiderio sincero del Patriarca ecumenico di sanare tale divisione restituendo alla comunione ecclesiale la parte dell'ortodossia ucraina che era in scisma, conferendo alla Chiesa ortodossa ucraina (Chiesa ortodossa ucraina (Chiesa ortodossa dell'Ucraina) un Tomos per l'autocefalia, non solo non ha trovato sostegno nella Chiesa ortodossa russa e nei suoi satelliti in Ucraina, ma è diventato anche una sorta di stimolo per creare e approfondire uno scisma nell'Ortodossia universale. Diventava sempre più evidente che il Patriarcato di Mosca era interessato solo ad espandere la propria influenza sul mondo ortodosso e non avrebbe lasciato uscire nessuno dai suoi “artigli canonici”.

L’aggressione russa su larga scala iniziata il 24 febbraio 2022 è diventata un punto di svolta e un punto sanguinoso nella storia sia dello Stato ucraino che della Chiesa ortodossa ucraina. Nonostante le dichiarazioni fuorvianti del patriarca di Mosca Kirill sulla “nazione unita” e sulla “congregazione ortodossa unita”, la Chiesa ortodossa russa ha cercato di giustificare la sanguinosa guerra e ha benedetto l'aggressore per il “peccato di Caino”. I comandamenti di Dio, gli insegnamenti di Cristo e dei santi padri della Chiesa hanno cessato di costituire un'autorità per il capo della Chiesa ortodossa russa, che nelle sue parole e nelle sue azioni si basava già sulle idee criminali del dittatore russo e sulle istruzioni dell’onnipotente FSB. In queste condizioni, il patriarca Kirill non aveva né il diritto canonico né morale di essere “grande maestro e padre” per la multimilionaria congregazione ucraina. È stato questo a spingere parte del clero ucraino ad un'azione decisiva.

Il 10 aprile 2022, l'arciprete Andrii Pinchuk, chierico della diocesi di Dnipropetrovsk della Chiesa ortodossa ucraina, ha tenuto un discorso video al Consiglio dei prelati delle antiche Chiese orientali, in cui ha chiesto un concilio per condannare la dottrina della "pace russa" sollevato dal Patriarca di Mosca, nonché per aver affidato il Patriarca Kirill alla responsabilità canonica e averlo privato del diritto di occupare il trono patriarcale.

Attorno all'appello rivolto ai Patriarchi d'Oriente si è formato un gruppo di chierici provenienti da diverse diocesi, che cercano di trovare vie per risolvere i problemi urgenti dello sviluppo della Chiesa. Si tengono diversi incontri online ai quali sono invitati a comunicare rappresentanti delle strutture amministrative della metropolia di Kiev, scienziati, teologi, vescovi della Chiesa ortodossa ucraina, ecc.

Lo svolgimento di tali incontri, così come la creazione di gruppi sulle reti sociali, gettano le basi di un'associazione informale del clero, il cui portavoce mediatico è la Voce del clero della Chiesa ortodossa ucraina sul social network Facebook.

Fonte: hristianstvo.bg.

Foto: sofiyske-bratstvo.org.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -