19.2 C
Bruxelles
Wednesday, May 29, 2024
ReligioneCristianesimoCircolare del Santo Sinodo della Gerarchia della Chiesa di...

Circolare del Santo Sinodo della Gerarchia della Chiesa di Grecia sul Matrimonio

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

prot. 373

No. 204

Atene, 29 gennaio 2024

ECICLIO 3 0 8 5

Ai cristiani della Chiesa di Grecia

Nato nel Signore, amato,

Come vi è stato comunicato, solo pochi giorni fa, cioè il 23 gennaio 2024, la Gerarchia della Chiesa di Grecia, che è l'autorità suprema della nostra Chiesa, ha studiato la questione che si è posta ai nostri giorni, vale a dire l'istituzione del “matrimonio civile” tra omosessuali, con tutte le conseguenze che ciò comporta sul diritto di famiglia.

La Gerarchia ha discusso la questione in modo responsabile e abbastanza sobrio, dimostrando ancora una volta la sua unità, poi ha deciso all'unanimità le cose necessarie che sono state annunciate.

Una delle decisioni che ha preso è quella di informare la sua congregazione che vuole ascoltare le sue decisioni e posizioni.

In questo contesto, la Gerarchia invita tutti voi ad esprimere la verità su questa grave questione.

1. L'azione della Chiesa nel corso dei secoli è duplice, cioè teologica, con la professazione della fede rivelata da Cristo e vissuta dai suoi santi, e pastorale, con la predicazione e la conduzione degli uomini al Cristo vivo. Questa sua opera è riscontrabile nelle Sacre Scritture e nelle decisioni dei Sinodi ecumenici e locali, che stabiliscono le condizioni della fede ortodossa e le regole sacre e definiscono i limiti entro i quali tutti i suoi membri, chierici, monaci e laici, devono osservare. In questo modo la Chiesa pastore, cioè guarisce le malattie spirituali delle persone affinché i cristiani vivano in comunione con Cristo e con i fratelli, si liberino dall'egoismo e sviluppino la filantropia e la filantropia, cioè l'amore egoistico, egoistico per diventare amore disinteressato.

2. Dio ama tutti gli uomini, giusti e ingiusti, buoni e cattivi, santi e peccatori, così fa la Chiesa. Dopotutto, la Chiesa è un ospedale spirituale che guarisce le persone senza escludere nessuno, come mostra la parabola del Buon Samaritano raccontata da Cristo (Lc I, 3037). Ospedali e medici fanno lo stesso per i disturbi fisici. Quando i medici operano le persone, nessuno può affermare di non avere amore.

Ma le persone reagiscono diversamente a questo amore per la Chiesa; alcuni lo vogliono, altri no. Il sole manda i suoi raggi a tutta la creazione, ma alcuni si illuminano e altri bruciano, e questo dipende dalla natura di coloro che ricevono i raggi del sole. Così la Chiesa ama tutti i suoi figli battezzati e tutte le persone che sono creazioni di Dio, giovani e vecchi, celibi e sposati, clero, monaci e laici, dotti e incolti, principi e poveri, eterosessuali e omosessuali, e pratica il suo amore in modo filantropico, è basta, certo, che siano loro stessi a volerlo e a vivere realmente nella Chiesa.

3. La teologia della Chiesa riguardo al matrimonio deriva dalla Sacra Bibbia, dall'insegnamento dei Padri della Chiesa e dalla provvisione del Sacramento del Matrimonio. Nel libro della Genesi è scritto: “27. E Dio creò l'uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. 28. E Dio li benedisse, dicendo loro: siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra e possedetela e dominate sui pesci del mare (e sulle bestie), sugli uccelli del cielo (e su tutto il bestiame, su tutta la terra) e su tutti gli animali che strisciano sul suolo» (Genesi, 1, 27-28). Ciò significa che «la dualità delle due nature e la loro reciproca complementarità non sono invenzioni sociali, ma sono previste da Dio»; “la santità dell'unione dell'uomo e della donna si riferisce al rapporto tra Cristo e la Chiesa”; “Il matrimonio cristiano non è solo un accordo di convivenza, ma un sacro sacramento attraverso il quale l'uomo e la donna ricevono la grazia di Dio per proseguire verso la loro divinizzazione”; “il padre e la madre sono elementi costitutivi dell'infanzia e della vita matura”.

Tutta la teologia del matrimonio si vede chiaramente nella sequenza del mistero del matrimonio, nei riti e nelle benedizioni. In questo mistero viene proclamata l'unione dell'uomo e della donna in Cristo Gesù, con le condizioni necessarie. I risultati del Matrimonio in Cristo sono la creazione di un buon matrimonio e di una buona famiglia, la nascita dei figli, come frutto dell'amore dei due coniugi, l'uomo e la donna, e il loro rapporto con la vita ecclesiale. La mancanza di figli, senza colpa dei coniugi, non distrugge il matrimonio in Cristo.

La famiglia cristiana tradizionale è composta da padre, madre e figli, e in questa famiglia i figli crescono conoscendo la maternità e la paternità, che saranno elementi essenziali per il loro ulteriore sviluppo.

D'altra parte, come si vede nel “Trebnik” della Chiesa, esiste una chiara connessione tra i Misteri del Battesimo, dell'Unzione, del Matrimonio, della Confessione e della Santa Comunione del Corpo e del Sangue di Cristo. Qualsiasi rottura in questo rapporto crea problemi ecclesiastici.

Ecco perché siamo battezzati e unti per partecipare al Corpo e al Sangue di Cristo. La cerimonia nuziale avviene affinché gli sposi e i familiari possano partecipare al Mistero dell'Eucaristia e prendere parte al Corpo e al Sangue di Cristo. Qualsiasi interruzione in questa connessione dei misteri è un allontanamento.

La Chiesa si fonda su questa tradizione donata da Dio ai santi e non può accettare nessun'altra forma di matrimonio, tanto meno il cosiddetto “matrimonio omosessuale”.

4. In uno Stato di diritto, lo Stato con le sue istituzioni ha il potere di elaborare progetti di legge e approvare leggi affinché ci sia unità, pace e amore nella società.

Ma la Chiesa è un'istituzione antica, ha tradizioni secolari, ha partecipato a tutte le prove dei popoli di tutti i tempi, ha avuto un ruolo decisivo nella sua libertà, come ha visto la storia, la più antica e la più recente, e tutti dovrebbero dargli il dovuto rispetto. Dopotutto, tutti i governanti, ad eccezione di pochi, sono suoi membri per potere e benedizione. La Chiesa non sostiene né si oppone, ma governa secondo Dio ed è pastore su tutto. Ha quindi un motivo speciale per essere rispettato.

Sul tema del cosiddetto “matrimonio politico degli omosessuali”, il Santo Sinodo non solo non può tacere, ma deve parlare per amore e misericordia verso tutti. Ecco perché la gerarchia della Chiesa di Grecia nella sua recente decisione, in modo unanime e unitario, per le ragioni da essa addotte, ha annunciato che “si oppone completamente e categoricamente alla proposta di legge”.

E questa chiara decisione si basa sul fatto che “i promotori del disegno di legge e coloro che lo sostengono promuovono l’abolizione della paternità e della maternità e la loro trasformazione in genitorialità neutra, la scomparsa dei ruoli di entrambi i sessi all’interno della famiglia e il luogo al di sopra, la tutela degli interessi dei futuri bambini e le scelte sessuali degli adulti omosessuali».

Inoltre, l’istituzione dell’“adozione dei bambini” condanna i futuri bambini a crescere senza padre o madre in un ambiente di confusione dei ruoli genitoriali, lasciando una finestra aperta per la cosiddetta “gravidanza surrogata” che fornirà incentivi per lo sfruttamento delle donne vulnerabili e cambiando l'istituzione sacra della famiglia.

La Chiesa, che deve esprimere la volontà di Dio e guidare ortodossiamente i suoi membri, non può accettare tutto questo, perché altrimenti tradirebbe la sua missione. E lo fa non solo per amore verso i suoi membri, ma anche per amore verso lo Stato stesso e le sue istituzioni, affinché contribuiscano alla società e alla sua unità.

Accettiamo, ovviamente, i diritti delle persone se si muovono entro limiti consentiti, insieme ai loro doveri, ma la legalizzazione di un “diritto” assoluto ad essere praticamente divinizzato sfida la società stessa.

5. La Chiesa ha interesse per la famiglia, che è la cellula della Chiesa, della società e della nazione. Anche lo Stato deve sostenere questo, poiché nell’attuale Costituzione si prevede che “la famiglia, come base per il mantenimento e la promozione della nazione, così come il matrimonio, la maternità e l’infanzia sono sotto la protezione dello Stato” (articolo 21). ).

Secondo lo Statuto della Chiesa greca, che è una legge statale (590/1977), “La Chiesa greca coopera dopo lo Stato, in questioni di interesse comune come… la promozione dell’istituto del matrimonio e della famiglia” (No .2).

Invitiamo quindi lo Stato ad affrontare il problema demografico che sta diventando una bomba pronta ad esplodere e che costituisce il primo problema nazionale del nostro tempo, la cui soluzione è minata dal disegno di legge che sta per essere approvato, e chiediamo sostenere le famiglie numerose che molto offrono alla società e al Paese.

Tutto ciò annuncia la gerarchia della Chiesa greca a tutti i suoi membri, con senso di responsabilità pastorale e di amore, perché il cosiddetto “matrimonio omosessuale” non solo costituisce un indebolimento del matrimonio cristiano e dell’istituto della famiglia tradizionale greca , che cambia il suo standard, ma anche perché l'omosessualità è condannata da tutta la tradizione della chiesa, a cominciare dall'apostolo Paolo (Rm 1, 2432), e riguarda il pentimento, che è un cambiamento di stile di vita.

Naturalmente vi è il principio di base che mentre la Chiesa condanna ogni peccato come alienante dell'uomo dalla Luce e dall'amore di Dio, allo stesso tempo ama ogni peccatore perché anch'egli ha “l'immagine di Dio” e può raggiungere la “somiglianza”. . se coopera con la grazia di Dio.

Il Santo Sinodo rivolge questa parola responsabile a voi, beati cristiani, ai suoi membri e a tutti coloro che attendono la sua parola, perché la Chiesa «dice la verità con amore» (Ef 4, 15) e «ama con verità». (2 Giovanni 1, 1).

† JEROMEN di Atene, Presidente

† Serafini di Karistias e Skyros

† Eustazio di Monemvasia e Sparta

† Alessio di Nicea †

Crisostomo di Nicopoli e Preveza

† Teoklito di Jerisos, Agios Yoros e Ardamerios

† Teoclito di Marconia e Comotina Panteleimone

† Giorgio di Kitrusi e Katerina

† Massimo di Ioannina

† Ellasson di Charito

† Anfilochio di Tiro, Amorgo e le Isole

† Niceforo di Gortina e Megalopoli

† Damasceno di Etolia e Acarnania

Segretario generale:

archim. Ioannis Karamouzis

Fonte:qui

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -