6.3 C
Bruxelles
Lunedì, aprile 22, 2024
NotizieDalla Guadalupa e oltreoceano fino all'Europa, Pirbakas lotta per i diritti degli agricoltori

Dalla Guadalupa e oltreoceano fino all'Europa, Pirbakas lotta per i diritti degli agricoltori

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Mentre il settore agricolo in Francia si prepara all’annuale Salon de l’agriculture di Parigi, nel mezzo di una ripresa della mobilitazione degli agricoltori e di un crescente malcontento, i riflettori spesso perdono un segmento critico del panorama agricolo francese: i territori d’oltremare. L’eurodeputata Maxette Pirbakas, lei stessa agricoltrice di quinta generazione della Guadalupa, lo ha fatto alzò la voce per garantire che queste regioni non vengano dimenticate.

In una dichiarazione forte, Pirbakas ha sottolineato le sfide specifiche affrontate dagli agricoltori nei dipartimenti e territori francesi d'oltremare. “In un momento in cui assistiamo a una rinascita della mobilitazione degli agricoltori, a causa del crescente malcontento a pochi giorni dall'apertura del Salon de l'agriculture a Parigi; mentre il movimento dei contadini gode attualmente di un significativo sostegno pubblico; e gli agricoltori sono corteggiati da tutti i partiti politici per guadagni politici; è fondamentale non dimenticare gli operatori agricoli dei territori d'oltremare”, ha detto Pirbakas.

Ha sottolineato le problematiche uniche che questi territori devono affrontare, che differiscono in modo significativo da quelli della terraferma. Questi includono concorrenza sleale, prezzi insufficienti dei prodotti agricoli e un eccesso di norme e vincoli amministrativi. Un punto specifico di contesa è il modello di prezzo della canna da zucchero in Guadalupa, rimasto immutato per oltre 60 anni, spingendo gli agricoltori locali alla mobilitazione.

I geografico, climatico e storico Le specificità di questi territori richiedono un approccio su misura all’agricoltura. Nonostante le sfide comuni a queste regioni, ogni territorio deve affrontare ostacoli unici dovuti alle sue specifiche condizioni geografiche, demografiche e climatiche e all’ambiente regionale.

Pirbakas ha sottolineato la multifunzionalità dell’agricoltura nei territori d’oltremare come fattore comune, che comprende componenti economiche, ecologiche e sociali. Una caratteristica notevole dell’agricoltura in queste regioni è la prevalenza di aziende agricole piccole e molto piccole, o micro-aziende, che svolgono un ruolo cruciale nel prevenire l’esodo urbano e nel mantenere l’attività rurale, soprattutto nelle aree ad alto potenziale.

Inoltre, le aziende agricole più grandi e produttive di questi territori, spesso focalizzate sulle esportazioni di zucchero e banane, devono affrontare una serie di sfide specifiche. Queste aziende agricole, insieme alle loro controparti più piccole, contribuiscono in modo significativo all’economia e svolgono un ruolo ecologico e sociale fondamentale, più delle loro controparti della terraferma.

Sottolineando la classificazione amministrativa di queste aziende agricole su piccola scala come “Agricoltura bioeconomica e agroecologica su piccola scala” (APEBA), Pirbakas ha chiesto l’integrazione di pratiche che preservino la qualità dell’acqua e del suolo, riabilitino i sistemi di irrigazione e rivedano le politiche agricole pubbliche e le norme sui prezzi garantire condizioni di parità con i concorrenti diretti che non sono soggetti agli stessi obblighi.

Considerati i fragili ecosistemi dei territori d’oltremare, esiste l’urgente necessità di bilanciare la produzione agricola con il rispetto ambientale. Ciò include affrontare sfide come il cambiamento climatico, che questi territori affrontano in modo più grave rispetto alla terraferma.

Facendo riferimento a un rapporto del Senato del 2016 intitolato “Agricoltura nei territori d'oltremare: non c'è futuro senza l'adattamento del quadro normativo”, Pirbakas ha messo in dubbio ciò che le autorità pubbliche hanno fatto dopo il rapporto per migliorare la situazione degli agricoltori d’oltremare. Ha invitato le autorità metropolitane e sindacali a non trascurare i loro colleghi d'oltremare nelle discussioni e nei negoziati. “Dobbiamo essere rappresentati e ascoltati,” ha concluso Pirbakas, sottolineando la necessità di un approccio unitario per affrontare le specifiche sfide agricole dei territori francesi d'oltremare.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -