13.5 C
Bruxelles
Venerdì, Maggio 17, 2024
ReligioneCristianesimoIl cristianesimo è molto scomodo

Il cristianesimo è molto scomodo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

By Natalya Trauberg (intervista rilasciata nell'autunno del 2008 Dato a Elena Borisova e Darja Litvak), Esperto n. 2009(19), 19 maggio 657

Essere cristiano significa donare se stessi a favore del prossimo. Ciò non ha nulla a che vedere con una denominazione particolare, ma dipende solo dalla scelta personale della persona e quindi difficilmente potrà diventare un fenomeno di massa.

Natalia Trauberg è un'eccezionale traduttrice dall'inglese, francese, spagnolo, portoghese e italiano. L'uomo che ha rivelato al lettore russo il pensatore cristiano Gilbert Chesterton, l'apologista Clive Lewis, le opere evangeliche di Dorothy Sayers, il triste Graham Greene, il mite Wodehouse, i bambini Paul Gallico e Frances Burnett. In Inghilterra, Trauberg era chiamata “Madame Chesterton”. In Russia era la monaca Joanna, membro del consiglio direttivo della Società Biblica e della redazione della rivista “Letteratura Straniera”, trasmessa alle radio “Sofia” e “Radonezh”, insegnava all'Istituto Biblico-Teologico di San Apostolo Andrea.

Natalia Leonidovna amava parlare di ciò che Chesterton chiamava “semplicemente cristianesimo”: non di ritirarsi nella “pietà dei santi padri”, ma della vita cristiana e dei sentimenti cristiani qui e ora, in quelle circostanze e nel luogo in cui ci troviamo. Riguardo Chesterton e Sayers, una volta scrisse: “Non c’era nulla in loro che allontanasse dalla “vita religiosa” – né gravità, né dolcezza, né intolleranza. E ora, quando il “lievito dei farisei” sta riprendendo forza, la loro voce è molto importante, avrà più peso”. Oggi queste parole possono essere pienamente attribuite a lei e alla sua voce.

È successo che Natalia Trauberg ha rilasciato una delle sue ultime interviste alla rivista Expert.

Natalia Leonidovna, sullo sfondo della crisi spirituale vissuta dall'umanità, molti stanno aspettando la rinascita del cristianesimo. Inoltre, si ritiene che tutto inizierà in Russia, poiché è l'Ortodossia russa che racchiude la pienezza del cristianesimo in tutto il mondo. Cosa ne pensi?

Mi sembra che parlare della coincidenza tra russicità e ortodossia sia un'umiliazione del Divino ed Eterno. E se cominciamo a sostenere che il cristianesimo russo è la cosa più importante al mondo, allora abbiamo grossi problemi che ci mettono in discussione come cristiani. Per quanto riguarda i revival… Non sono mai accaduti nella storia. Ci sono stati alcuni ricorsi relativamente grandi. Una volta un certo numero di persone pensavano che dal mondo non uscisse nulla di buono e seguirono Antonio Magno fuggendo nel deserto, anche se Cristo, notiamo, trascorse nel deserto solo quaranta giorni... Nel XII secolo, quando i mendicanti vennero i monaci, molti all'improvviso. Sentirono che la loro vita era in qualche modo in contrasto con il Vangelo, e iniziarono a creare isole separate, monasteri, in modo che fossero conformi al Vangelo. Poi ci ripensano: qualcosa non va. E decidono di provare a vivere non nel deserto, non in un monastero, ma nel mondo, vicino al Vangelo, ma recintati dal mondo con i voti. Tuttavia, ciò non influisce molto sulla società.

Negli anni '70 in Unione Sovietica molte persone andavano in chiesa, per non parlare degli anni '90. Cos'è questo se non un tentativo di rinascita?

Negli anni '70 l'intellighenzia, per così dire, venne in chiesa. E quando si “convertì”, si poteva notare che non solo non mostrava qualità cristiane, ma, come si scoprì, smise anche di mostrare qualità intellettuali.

Cosa significa: intelligente?

Che riproducono lontanamente qualcosa di cristiano: essere delicati, tolleranti, non afferrarsi, non staccare la testa a un altro, e così via… Cos'è uno stile di vita mondano? Questo è “voglio”, “desiderio”, ciò che nel Vangelo si chiama “lussuria”, “concupiscenza”. E una persona mondana vive semplicemente come vuole. Quindi eccolo qui. All'inizio degli anni '70, un certo numero di persone che avevano letto Berdyaev o Averintsev iniziarono ad andare in chiesa. Ma cosa ne pensi? Si comportano come prima, come vogliono: allontanano la folla, spingono tutti da parte. Quasi fanno a pezzi Averintsev alla sua prima conferenza, anche se in questa conferenza parla di semplici cose evangeliche: mitezza e pazienza. E loro, respingendosi: “Io! Voglio un pezzo di Averintsev!" Naturalmente puoi realizzare tutto questo e pentirti. Ma quante persone hai visto che sono arrivate a pentirsi non solo per aver bevuto o commesso adulterio? Pentirsi dell'adulterio è benvenuto, questo è l'unico peccato che ricordano e si rendono conto, che però non impedisce loro di lasciare la moglie in seguito... E che un peccato molto più grande è essere orgogliosi, importanti, intolleranti e aridi con le persone , per spaventare, per essere scortese...

Sembra che il Vangelo parli molto rigorosamente anche dell'adulterio dei coniugi?

E' stato detto. Ma non tutto il Vangelo è dedicato a questo. C'è una conversazione straordinaria in cui gli apostoli non riescono ad accettare le parole di Cristo secondo cui due dovrebbero diventare una sola carne. Si chiedono: come è possibile? È impossibile per gli esseri umani? E il Salvatore svela loro questo segreto, dice che il vero matrimonio è un’unione assoluta, e aggiunge con molta misericordia: “Chi può accogliere, si accomodi”. Cioè, chi può capire capirà. Allora hanno capovolto tutto e hanno addirittura fatto una legge nei paesi cattolici secondo cui non si può divorziare. Ma prova a fare una legge che non puoi urlare. Ma Cristo ne parla molto prima: "Chi si adira invano contro suo fratello è soggetto a giudizio".

E se non fosse vano, ma al punto?

Non sono un buon studioso della Bibbia, ma sono sicuro che la parola “invano” qui sia un’interpolazione. Cristo non lo ha pronunciato. In genere elimina tutto il problema, perché chi si arrabbia e urla è sicuro di non farlo invano. Ma è detto che se “tuo fratello pecca contro di te, rimproveralo tra te e lui solo”. Solo. Educatamente e con attenzione, come vorresti essere esposto. E se quella persona non ha sentito, non ha voluto sentire, “…allora prendi uno o due fratelli” e parlagli ancora. E infine, se non li ascoltasse, allora sarà per te come un “pagano e un pubblicano”.

Cioè come nemico?

No. Ciò significa: sia come una persona che non capisce questo tipo di conversazioni. E allora ti fai da parte e dai spazio a Dio. Questa frase – “fare spazio a Dio” – si ripete nella Scrittura con una frequenza invidiabile. Ma quante persone hai visto che hanno sentito queste parole? Quante persone abbiamo visto venire in chiesa e rendersi conto: “Sono vuoto, non ho altro che stupidità, vanteria, desideri e voglia di affermarmi... Signore, come sopporti tutto questo? Aiutami a migliorare!” Dopotutto, l'essenza del cristianesimo è che capovolge l'intera persona. C’è una parola che deriva dal greco “metanoia” – un cambiamento di pensiero. Quando tutto ciò che è considerato importante al mondo – la fortuna, il talento, la ricchezza, le proprie buone qualità – cessa di avere valore. Qualsiasi psicologo ti dirà: credi in te stesso. E in chiesa non sei nessuno. Nessuno, ma molto amato. Lì l’uomo, come un figliol prodigo, si rivolge a suo padre, a Dio. Viene da lui per ricevere il perdono e una sorta di presenza, almeno nel cortile di suo padre. Suo padre, povero di spirito, si inchina davanti a lui, piange e lo lascia andare avanti.

Qual è allora il significato dell’espressione “povero in spirito”?

Beh si. Tutti pensano: come potrebbe essere? Ma non importa come lo interpreti, tutto si riduce al fatto che non hanno nulla. Una persona mondana ha sempre qualcosa: il mio talento, la mia gentilezza, il mio coraggio. Ma questi non hanno nulla: dipendono da Dio per tutto. Diventano come bambini. Ma non perché i bambini siano creature belle e pure, come sostengono alcuni psicologi, ma perché il bambino è completamente indifeso. Non esiste senza suo padre, non potrà mangiare, non imparerà a parlare. E i poveri in spirito sono così. Avvicinarsi al cristianesimo significa che un certo numero di persone vivranno una vita impossibile dal punto di vista mondano. Naturalmente, accadrà anche che una persona continui a fare ciò che è tipico per noi, patetico, infelice e divertente. Può ubriacarsi come un cavallo grigio. Potresti innamorarti nel momento sbagliato. In generale, tutto ciò che è umano in lui rimarrà. Ma dovrà contare le sue azioni e i suoi pensieri da Cristo. E se una persona lo accettava, apriva non solo il suo cuore, ma anche la sua mente, allora avvenne la conversione al cristianesimo.

Partigianeria invece di amore

La maggior parte dei cristiani conosce l'esistenza di fedi diverse, alcuni sono interessati alle differenze canoniche. Questo ha importanza per la vita quotidiana di un cristiano?

Penso che nessuno. Altrimenti, si scopre che quando siamo venuti in chiesa, siamo semplicemente venuti in una nuova istituzione. Sì, è bellissimo, sì, c'è un canto meraviglioso lì. Ma è molto pericoloso quando dicono: dicono: amo questa e quella chiesa, perché lì cantano bene... Sarebbe meglio se tacessero, onestamente, perché Cristo non ha mai cantato da nessuna parte. Quando le persone vengono in chiesa, si ritrovano in un'istituzione dove tutto è il contrario.

Questo è l'ideale. E infatti?

In effetti, questo è molto comune oggi: il nostro è tuo. Chi è più figo: i cattolici o gli ortodossi? O forse scismatici. Seguaci di padre Alexander Men o padre Georgy Kochetkov. Tutto è diviso in piccoli lotti. Per alcuni la Russia è un'icona di Cristo, per altri, al contrario, non è un'icona. È comune anche a molti di noi, non è vero? Ho fatto la comunione, sono uscito per strada e disprezzo tutti coloro che non si sono uniti alla chiesa. Ma siamo andati verso coloro ai quali il Salvatore ci ha inviato. Ci ha chiamato non schiavi, ma amici. E se per amore di idee, convinzioni e interessi cominciamo a spargere marciume su coloro che non vivono secondo la nostra “legge”, allora non siamo cristiani, davvero. Oppure c'è un articolo di Semyon Frank, in cui parla della bellezza delle chiese ortodosse: sì, abbiamo visto un mondo di meravigliosa bellezza e l'abbiamo amato moltissimo, e ci siamo resi conto che questa è la cosa più importante al mondo, ma ci sono persone intorno a noi che non lo capiscono. E c'è il pericolo che inizieremo a combatterli. E noi, purtroppo, ci stiamo muovendo in questa direzione. Ad esempio, la storia del miracolo del Fuoco Sacro. Pensare che noi cristiani ortodossi siamo i migliori, perché solo per noi, nella nostra Pasqua, appare il Fuoco Santo, e per tutti gli altri – cavolo, è fantastico! Si scopre che le persone nate, diciamo, in Francia, dove c'è il cattolicesimo, sono rifiutate da Dio. Da Dio, che dice che il cristiano deve, come il sole per l'uomo, splendere sul giusto e sullo sbagliato! Cosa c’entra tutto questo con la Buona Novella? E cos'è questo se non giochi di società?

In sostanza, questa è ipocrisia?

SÌ. Ma se Cristo non ha perdonato nessuno, allora solo i “ipocriti”, cioè i farisei. Non si può costruire una vita secondo il Vangelo usando la legge: non va bene, questa non è geometria euclidea. E proviamo anche gioia nella potenza di Dio. Ma perché? Ci sono moltissime di queste religioni. Qualsiasi religione pagana ammira il potere di Dio, la magia. Alexander Schmemann scrive, sì, forse lo hanno già scritto prima, che il cristianesimo non è una religione, ma un legame personale con Cristo. Ma cosa sta succedendo? Ecco ragazzi giovani, che sorridono, parlano, vanno alla comunione... E dietro di loro ci sono donne anziane con le bacchette, dopo l'intervento chirurgico. E ai ragazzi non verrebbe nemmeno in mente la mancanza delle nonne. E questo subito dopo la liturgia, dove ancora una volta è stato detto tutto! Non sono andata più volte a fare la comunione per la rabbia. E poi alla radio "Radonezh", che di solito va in onda la domenica, ha detto agli ascoltatori: "Ragazzi, oggi non ho preso la comunione a causa vostra". Perché guardi, e già nella tua anima sta accadendo qualcosa che, non solo prendi la comunione, ma anche vergognati di guardare la chiesa. La comunione non è un atto magico. Questa è l'Ultima Cena, e se siete venuti a celebrare con Lui la sera, ormai eternamente celebrata, prima della Sua morte, allora provate a sentire almeno una cosa che Cristo ha aggiunto all'Antico Testamento e che ha capovolto tutto: “…amatevi gli uni gli altri”. , come ti ho amato...».

La frase comunemente citata è “Non fare ciò che non vuoi fare”.

Sì, l'amore per ogni brava persona significa questa regola d'oro. Abbastanza ragionevole: non farlo e sarai salvato. La matrice dell'Antico Testamento, poi ripresa dall'Islam. E l’amore cristiano è un peccato straziante. Potrebbe non piacerti affatto quella persona. Potrebbe essere assolutamente disgustoso per te. Ma capisci che, oltre a Dio, lui, come te, non ha protezione. Quanto spesso vediamo tale pietà anche nel nostro ambiente ecclesiale? Sfortunatamente, anche questo ambiente nel nostro Paese è ancora molto spesso spiacevole. Anche la stessa parola “amore” è già compromessa. Minacciando le ragazze con l'inferno per aver abortito, il prete dice: "E la cosa principale è l'amore..." Quando senti questo, anche con totale non resistenza, c'è il desiderio di prendere una buona mazza e...

L'aborto non è un male?

Cattivo. Ma sono cose profondamente private. E se la principale attività cristiana è la lotta contro l’aborto, allora c’è un certo fascino in questo – nel senso originale della parola. Supponiamo che una ragazza volesse l'amore, come qualsiasi persona normale, e si trovasse in una situazione in cui era difficile partorire. E il prete le dice che se muore durante l'aborto, andrà subito all'inferno. E batte i piedi e grida: “Non andrò in nessuna delle vostre chiese!” E sta facendo la cosa giusta calpestando. Bene, andiamo, Christian, vai a vietare l'aborto e spaventa a morte le ragazze che hanno sentito che non c'è niente di più alto dell'innamoramento e che non puoi rifiutare nessuno perché è antiquato, o non cristiano, o Qualunque cosa. È terribile, ma i cattolici hanno queste abitudini...

E gli ortodossi?

Dall'altra parte abbiamo di più: chiedono se è possibile tenere i cani in una casa dove sono appese le icone, e uno dei temi principali è il digiuno. Alcune strane cose pagane. Ricordo che quando stavo appena iniziando a trasmettere su un piccolo canale radiofonico della chiesa, mi hanno fatto una domanda: "Per favore dimmi, è un grosso peccato se mangio davanti alla stella alla vigilia di Natale?" Sono quasi scoppiato in lacrime poi in onda e ho parlato per due ore di ciò di cui stiamo parlando adesso.

Nega te stesso

Allora cosa possiamo fare qui?

Ma non c'è niente di così spaventoso in questo. Quando non abbiamo avuto il concetto di peccato per così tanto tempo, e abbiamo iniziato ad accettare qualsiasi cosa come peccato tranne l’amor proprio, “la capacità di vivere”, la caparbietà, la fiducia nella nostra rettitudine e perseveranza, abbiamo bisogno di iniziare tutto da capo. Molti hanno dovuto ricominciare da capo. E chi ha orecchi da intendere, intenda. Ecco, ad esempio, il beato Agostino, un grande santo. Era intelligente, era famoso, ha avuto una carriera meravigliosa, se la misuriamo secondo i nostri termini. Ma la vita è diventata difficile per lui, il che è molto tipico.

Cosa significa: per Agostino divenne difficile vivere?

Questo è il momento in cui inizi a capire che qualcosa non va. Al giorno d'oggi le persone alleviano questa sensazione andando in una bella chiesa e ascoltando un bel canto. È vero, allora molto spesso iniziano a odiare tutto o diventano ipocriti, senza aver mai sentito quello che ha detto Cristo. Ma con Agostino non era così. Un amico venne da lui e gli disse: “Guarda, Agostino, anche se siamo scienziati, viviamo come due sciocchi. Cerchiamo la saggezza e non c’è tutto”. Agostino si eccitò moltissimo e corse fuori in giardino. E ho sentito da qualche parte: "Prendilo e leggilo!" Sembra che questo ragazzo stesse urlando a qualcuno per strada. E Agostino sentì che era per lui. Corse nella stanza e aprì il Vangelo. E mi sono imbattuto nel messaggio di Paolo, sulle parole: “Rivestitevi del Signore Gesù Cristo e non mutate le preoccupazioni della carne in concupiscenze”. Frasi semplici: rinnega te stesso e prendi la croce, non trasformare le preoccupazioni per te stesso nei tuoi desideri idioti, e comprendi che la legge mondana più importante del mondo è fare quello che mi passa per la testa o, non so cos'altro , vuole – non è per un cristiano, non importa. Queste parole cambiarono completamente Agostino.

Tutto sembra essere semplice. Ma perché una persona riesce così raramente a negare se stessa?

Il cristianesimo è in realtà molto scomodo. Ebbene, diciamo che lasciano che qualcuno sia il capo, e lui deve pensare che sia molto difficile comportarsi come un cristiano in una situazione del genere. Di quanta saggezza ha bisogno! Quanta gentilezza ci vuole! Deve pensare a tutti come a se stesso e, idealmente, come Cristo pensa alle persone. Deve mettersi al posto di tutti quelli che camminano sotto di lui e prendersi cura di lui. Oppure, ricordo, mi chiedevano perché, quando ho avuto una simile opportunità, non sono emigrato. Ho risposto: “Perché ucciderebbe i miei genitori. Non oserebbero andarsene e rimarrebbero qui, vecchi, malati e soli”. E abbiamo una scelta simile ad ogni passo. Ad esempio, qualcuno dall'alto ha allagato il tuo appartamento e non ha i soldi per risarcirti per le riparazioni... Puoi denunciarlo o iniziare a discutere con lui e quindi avvelenargli la vita. Oppure puoi lasciare tutto così com'è e poi, se si presenta l'occasione, fare le riparazioni da solo. Puoi anche rinunciare al tuo turno... Stai zitto, non importante... Non offenderti... Cose molto semplici. E il miracolo della rinascita avverrà gradualmente. Dio ha onorato l'uomo con la libertà, e solo noi stessi, di nostra libera volontà, possiamo spezzarlo. E poi Cristo farà tutto. Dobbiamo solo, come ha scritto Lewis, non aver paura di aprire l’armatura in cui siamo incatenati e lasciarlo entrare nei nostri cuori. Solo questo tentativo cambia completamente la vita e le dà valore, significato e gioia. E quando l’apostolo Paolo disse “Rallegratevi sempre!”, intendeva proprio questa gioia – alle più alte altezze dello spirito.

Ha detto anche “piangere con coloro che piangono”…

Il fatto è che solo chi sa piangere può gioire. Condivide i suoi dolori e le sue pene con coloro che piangono e non scappa dalla sofferenza. Cristo dice che coloro che piangono sono beati. Beato significa felice e avere tutta la pienezza della vita. E le Sue promesse non sono celesti, ma terrene. Sì, la sofferenza è terribile. Tuttavia, quando le persone soffrono, Cristo offre: “Venite a me, voi tutti che soffrite e siete oppressi, io vi darò riposo”. Ma ad una condizione: prendete su di voi il mio giogo e troverete riposo per le vostre anime. E la persona trova davvero la pace. Inoltre, c'è una pace profonda, e non è affatto che andrà in giro come se fosse congelato: inizia semplicemente a vivere non nella vanità, non nel disordine. E poi lo stato del Regno di Dio arriva qui e ora. E forse, avendolo imparato, possiamo aiutare anche gli altri. E qui c'è una cosa molto importante. Il cristianesimo non è un mezzo di salvezza. Cristiano non è colui che si salva, ma colui che salva.

Dovrebbe cioè predicare e aiutare il prossimo?

Non solo. Soprattutto, introduce nel mondo un piccolo elemento di un diverso tipo di vita. La mia madrina, la mia tata, hanno introdotto un elemento del genere. E non potrò mai dimenticare di aver visto una persona simile e di conoscerla. Era molto vicina al Vangelo. Serva senza un soldo, visse da perfetta cristiana. Non ha mai fatto del male a nessuno, non ha mai detto una parola offensiva. Ricordo solo una volta... ero ancora piccola, i miei genitori andavano da qualche parte e io scrivevo loro lettere ogni giorno, come avevamo concordato. E una donna che era in visita da noi guarda questo e dice: “Ebbene, come affrontare il senso del dovere di un bambino? Non fare mai, tesoro, niente che non vuoi fare. E sarai una persona felice. E poi la mia tata impallidì e disse: “Per favore, perdonaci. Tu hai la tua casa, noi abbiamo la nostra. Quindi una volta in tutta la mia vita ho sentito una sua parola dura.

La tua famiglia, i tuoi genitori erano diversi?

Anche mia nonna, Mar'ja Petrovna, non alzava mai la voce. Ha lasciato la scuola dove lavorava come insegnante perché lì doveva dire cose antireligiose. Mentre il nonno era vivo, lei gli girava intorno come una vera signora: con un cappello e un cappotto formale. E poi si è trasferita da noi. E non è stato facile per lei, una persona molto dura, apparentemente per tipologia, con noi, persone sbadate. Ecco mia madre, sua figlia, ecco suo marito non sposato, regista cinematografico e bohémien in generale… Mia nonna non ha mai detto che fosse ebreo, perché un cristiano normale non può essere antisemita. E quanto ha sofferto con me! Io, un cretino di diciassette anni che non andava a scuola, andai all'università e lì quasi impazzii di gioia, di successo, di innamoramento… E se ti ricordi tutte le stupidaggini che ho fatto! Mi sono innamorato e ho rubato l'anello nuziale di mio nonno, credendo che i grandi sentimenti che ho provato mi dessero il diritto di riempire questo anello con un batuffolo di cotone, mettermelo al dito e portarlo in giro. La tata probabilmente avrebbe detto più piano, ma la nonna avrebbe detto duramente: “Non farlo. Senza senso."

Ed è difficile?

Per lei – moltissimo. E mia madre, affinché mi vestissi più alla moda di quanto credessi possibile dopo l'educazione di mia nonna e della tata, poteva sbattermi la testa contro il muro per dimostrarmi qualcosa. Ma lei, tormentata dalla vita bohémien, a lei estranea anche a causa della sua educazione, che però è stata costretta a condurre, non può essere giudicata. E lei ha sempre creduto di dovermi distogliere dalla fede, perché mi rovinavo. Anche Messinga mi ha invitato a riportarmi in me. No, non ha combattuto il cristianesimo, ha solo capito che sarebbe stata dura per sua figlia. E non perché vivevamo in Unione Sovietica, dove dichiaravano che Dio non esisteva. In ogni secolo, i genitori cercano di dissuadere i propri figli dal cristianesimo.

Anche nelle famiglie cristiane?

Ebbene, ad esempio, Antonio Magno, San Teodosio, Caterina da Siena, Francesco d'Assisi… Tutte e quattro le storie hanno genitori cristiani. E tutto sul fatto che tutti i bambini sono persone come le persone, e mio figlio è un cretino. Teodosio non vuole vestirsi in modo elegante come dovrebbero i suoi compagni di classe e dedica molte energie e tempo alle buone azioni. Caterina si prende cura ogni giorno dei malati e dei poveri, dormendo un'ora al giorno, invece di uscire con le amiche e prendersi cura della casa. Francis rifiuta una vita allegra e l'eredità di suo padre... Queste cose sono sempre state considerate anormali. Ebbene, ora che i concetti di “successo”, “carriera”, “fortuna” sono praticamente diventati una misura della felicità, lo sono ancora di più. L’attrazione del mondo è molto forte. Questo non accade quasi mai: “mettiti a testa in giù”, secondo Chesterton, e vivi così.

Che senso ha tutto questo se solo pochi diventano cristiani?

Ma non era previsto nulla di massiccio. Non è un caso che Cristo abbia pronunciato queste parole: “lievito”, “sale”. Misure così piccole. Ma cambiano tutto, ti cambiano tutta la vita. Mantenere la pace. Tengono qualsiasi famiglia, anche quella in cui hanno raggiunto la disgrazia assoluta: da qualche parte, qualcuno, con qualche tipo di preghiera, con qualche tipo di impresa. Lì si apre tutto un mondo così strano a prima vista: quando è facile fallo, quando è difficile parla, quando è impossibile prega. E funziona.

E anche l'umiltà, con l'aiuto della quale solo si può superare il male che trionfa intorno.

Illustrazione: Tipo iconografico “Guarigione di un sonnambulo indemoniato”

Fonte: http://trauberg.com/chats/hristianstvo-e-to-ochen-neudobno/

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -