15.4 C
Bruxelles
Wednesday, May 29, 2024
ReligioneCristianesimoIn Lituania è stato registrato un Esarcato del Patriarcato Ecumenico

In Lituania è stato registrato un Esarcato del Patriarcato Ecumenico

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

L’8 febbraio il Ministero della Giustizia della Lituania ha registrato una nuova struttura religiosa – l’esarcato, che sarà subordinato al Patriarcato di Costantinopoli. Nel Paese verranno così riconosciute ufficialmente due Chiese ortodosse: una appartenente al Patriarcato ecumenico e l'attuale diocesi del Patriarcato di Mosca in Lituania.

La nuova comunità religiosa conta dieci sacerdoti e prevede di formare nel prossimo futuro organi di governo. Ora è guidato dal sacerdote estone Justinus Kiviloo, che ha svolto il suo primo servizio in Lituania all'inizio di gennaio 2024. I restanti sacerdoti precedentemente prestavano servizio nella Chiesa ortodossa russa (ROC): sei in Lituania, due in Bielorussia e uno in Russia .

Il sostegno del Patriarca Kirill alla guerra della Federazione Russa contro l'Ucraina è il motivo della creazione del nuovo esarcato. Questa posizione ha portato ad un conflitto tra nove chierici e la leadership della Chiesa ortodossa russa. Nel 2022, il metropolita Innocenzo di Vilnius e della Lituania ne ha rimossi cinque dal ministero e il patriarca Bartolomeo li ha reintegrati e li ha accettati sotto la sua giurisdizione. Nel marzo 2023, il Patriarca Bartolomeo ha visitato Vilnius e ha firmato un accordo con il governo lituano per istituire nel Paese l’Esarcato del Patriarcato di Costantinopoli.

La diocesi della Chiesa ortodossa russa in Lituania ha reagito con calma all'avvento della nuova chiesa. Il metropolita Innocenzo ha affermato che la nuova comunità religiosa deve essere accettata come una “realtà del nostro tempo”.

I media locali hanno notato che dall'inizio dell'invasione su vasta scala dell'Ucraina da parte della Russia, la diocesi della Repubblica Cinese in Lituania ha cercato una maggiore indipendenza dal Patriarcato di Mosca.

Ci sono 105,000 credenti ortodossi in Lituania, la maggior parte dei quali sono di lingua russa. I cristiani ortodossi sono considerati una delle nove comunità religiose tradizionali del Paese.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -