9.4 C
Bruxelles
Domenica, Aprile 21, 2024
EconomiaSALONE INTERNAZIONALE DELLA VIGNETO E DELLA PRODUZIONE DEL VINO, FESTA DEL VINO

SALONE INTERNAZIONALE DELLA VIGNETO E DELLA PRODUZIONE DEL VINO, FESTA DEL VINO

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

VINARIA si è svolto a Plovdiv, Bulgaria, dal 20 al 24 febbraio 2024.

Il Salone Internazionale della Viticoltura e del Vino VINARIA è la piattaforma più prestigiosa per l'industria del vino nell'Europa sudorientale. Mette in mostra una ricca selezione di bevande: dagli autentici prodotti locali ai marchi globali, dai gusti tradizionali consolidati ai nuovi gusti e sapori moderni nei cataloghi di vini e liquori.

VINARIA unisce la diversità del prodotto con la sua natura tecnologica e il formato produttivo presentato attraverso tecnologie antiche e moderne, attrezzature e materiali moderni. La fiera è un punto di riferimento per il futuro del settore vitivinicolo con le innovazioni che presenta nel campo dei vitigni, dei metodi e delle attrezzature di lavorazione e dei sistemi di controllo della qualità.

Questo è il motivo per cui VINARIA attira specialisti, giornalisti del vino, importanti commercianti e intenditori.

La 31a edizione di VINARIA è organizzata nuovamente sotto gli auspici del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con la collaborazione della Camera Nazionale della Vite e del Vino (NVWC) e in partenariato con l'Accademia di Agraria.

I numeri chiave di VINARIA 2023

    Espositori: 120 aziende provenienti da 11 paesi

    Visitatori: più di 40,000 visitatori locali e internazionali

    Crescita in termini di superficie espositiva: 8%

    Copertura mediatica: 230 pubblicazioni su diversi media

Innovazioni industriali

La zona tecnologica di VINARIA è uno spazio dedicato alle innovazioni in tutti i segmenti della viticoltura e dell'industria enologica. Si tratta di una sorta di panorama su larga scala delle innovazioni del settore: dai nuovi vitigni e tecniche per la realizzazione dei vigneti alle attrezzature per la lavorazione delle materie prime e lo stoccaggio del prodotto finito.

Città del vino e delle prelibatezze

È il palcoscenico più importante per le anteprime delle nuove collezioni di vini, liquori, cibi e prelibatezze per professionisti e consumatori in Bulgaria. L'ampia area espositiva e la sua visione attraente creano opportunità per organizzare degustazioni eccezionali, presentazioni di prodotti, masterclass e altri eventi.

Ambiente unico. Città del Vino

La visione ricrea lo stile e lo spirito delle case e delle strade del Rinascimento bulgaro per fornire un diverso ambiente di incontro tra produttori, commercianti, specialisti e consumatori.

VINARIA si concentra sull'idea di creare una rete per l'interazione dei partner e una piattaforma di marketing per la comunicazione con consumatori e clienti in un ambiente unico. I rappresentanti dell'industria del vino e i loro omologhi comunicano in un ambiente unico dove vengono svelati la magia del vino e i segreti della sua produzione. Ciò facilita i contatti, rimuove le barriere comunicative e crea collegamenti commerciali essenziali per gli affari di decine di specialisti e intenditori provenienti dalla Bulgaria e dall'Europa.

L'Agenzia esecutiva per la vigna e il vino segnala un grande interesse per il programma di investimenti nelle imprese vitivinicole, ha annunciato il direttore esecutivo dell'agenzia, ing. Krasimir Koev, durante la conferenza stampa del 20.02.2024 che precede l'apertura delle mostre specializzate Agra, Winery e Foodtech alla Fiera Internazionale di Plovdiv.

I vini bulgari sono di altissima qualità e nel 2023 hanno vinto 127 medaglie d'oro in tutte le competizioni internazionali. Attualmente sono 360 le aziende vinicole che operano sul territorio del Paese, di cui 109 a partecipazione straniera. Entro l'inizio della campagna di vendemmia entreranno in funzione altre 15 nuove imprese.

"I nostri tecnologi sono a livello mondiale e un forum come Agra, in particolare - Winery, offre a tutti l'opportunità di mostrare ciò che hanno prodotto, in modo che possano realizzare maggiori quantità di questi risultati" - ha annunciato Koev.

In Bulgaria gli ettari effettivamente vitati sono 60,011. Su questa base, la Commissione Europea, dopo un’accurata ispezione, dà al Paese la possibilità di aumentare il potenziale viticolo dell’1% all’anno e così via fino al 2030. Ciò significa che ogni anno il Paese ha la possibilità di aumentare il potenziale della vigneto di 6,000 decari, ha detto Koev.

Dei 60,011 ettari vitati, 15,882 ettari sono a denominazione di origine protetta, 20,548 ettari a indicazione geografica protetta e 23,581 ettari.

Sono 41,432 i viticoltori registrati con vigneti. Il nuovo catasto vitivinicolo, finanziato da Eurostat, ha iniziato i lavori nel dicembre 2023. Al momento sono in fase di aggiornamento tutti i dati sui vigneti del Paese.

Il Programma di ristrutturazione e riconversione consente di sovvenzionare fino al 75% per il rinnovo dei vigneti e ogni anno tra i 10 e gli 11mila ettari di vigneti nel Paese vengono rinnovati con nuovi per essere più competitivi rispetto a quelli vecchi. Koev ha ricordato che nelle vecchie aree venivano piantate 240-260 viti per ettaro, e ora – 500-550 viti per ettaro, per una resa maggiore, più competitiva e più resistente a tutte le condizioni climatiche.

Per quanto riguarda l'insoddisfazione dei produttori di uva da vino, che ricevono sovvenzioni inferiori rispetto ai produttori di uva da tavola, è stato sottolineato che la squadra del ministro Kiril Vatev sta lavorando per unificare le sovvenzioni nel nostro Paese e in Europa con una scadenza del 2027.

Secondo Krasimir Koev, l'importazione di vino da paesi terzi non è aggressiva e ha sottolineato che nel 2022 nel nostro Paese sono stati importati 17,173,355 litri e nel 2023 11 milioni di litri. Allo stesso tempo, nei produttori di vino tradizionali Italia e Francia, le importazioni di vino sono rispettivamente del 37% e del 40%.

Il vino bulgaro, in termini di qualità e prezzo, è molto buono, e negli ultimi 10 anni non ci sono persone che hanno consumato vino e hanno avuto problemi di salute, ha riassunto il capo dell'agenzia.

Foto: www.fair.bg

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -