10.7 C
Bruxelles
Giovedi, April 18, 2024
NotizieChristian ARTworks, La “Chiesa Blu” di Santa Elisabetta in Slovacchia

Christian ARTworks, La “Chiesa Blu” di Santa Elisabetta in Slovacchia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Questo mese, il ns 'Patrimonio cristiano mese per mese' colonna presenta la chiesa di Santa Elisabetta, il 20th “chiesa blu” del secolo scorso nell’arcidiocesi di Bratislava, in Slovacchia.

Originariamente progettata come una piccola cappella adiacente al liceo cattolico reale di uno dei quartieri in crescita di Bratislava all'epoca, la Chiesa di Santa Elisabetta – oggi conosciuta come la “Chiesa blu” – è un elemento esemplare dell'architettura culturale e architettonica cristiana paesaggio della capitale slovacca.

Sebbene l’edificio religioso fosse destinato esclusivamente a soddisfare le esigenze degli studenti e del personale scolastico, all’inizio del XX secolo divenne chiaro cheth secolo che una chiesa del genere dovesse essere progettata anche per accogliere il crescente numero di abitanti della zona.

Per celebrare il 700th anniversario della nascita di Santa Elisabetta d'Ungheria, nel 1909 fu posta la prima pietra e iniziarono i lavori per costruire un luogo di contemplazione e di preghiera in onore della Santa, sostenuti sia da cittadini modesti che da famiglie nobili. Successivamente consacrata nel 1913, la chiesa fu costruita in stile secessionista ungherese e nel suo specifico colore, ottenuto da minuscole lastre di ceramica blu, sia sulle pareti esterne che sul tetto.

Evidentemente è presente anche il leitmotiv delle rose, che richiama con forza la storia di santa Elisabetta, protettrice della carità, che con generosità aiutava con tenacia i poveri e gli emarginati.

Oggi la chiesa è diventata un'attrazione turistica, grazie al suo colore non convenzionale. Ma ricorda con forza sia ai turisti che ai fedeli la generosità di Santa Elisabetta e la devozione dei cittadini di Bratislava verso la Santa ungherese.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -