7.4 C
Bruxelles
Sabato, Aprile 20, 2024
EuropaRiduzione degli sprechi alimentari e tessili: nuove norme UE a sostegno dell’economia circolare

Riduzione degli sprechi alimentari e tessili: nuove norme UE a sostegno dell’economia circolare

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

La commissione per l’ambiente ha adottato le sue proposte per prevenire e ridurre meglio i rifiuti tessili e alimentari in tutta l’UE.

Ogni anno, 60 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari (131 kg a persona) e 12.6 milioni di tonnellate dei rifiuti tessili vengono generati nel EU. Solo abbigliamento e calzature rappresentano 5.2 milioni di tonnellate di rifiuti, equivalenti a 12 kg di rifiuti pro capite ogni anno. È stimato che meno dell’1% di tutti i prodotti tessili nel mondo vengono riciclati in nuovi prodotti.

Mercoledì gli eurodeputati della commissione per l'ambiente hanno adottato la loro posizione sull' revisione proposta della direttiva quadro sui rifiuti, con 72 voti favorevoli, nessuno contrario e tre astensioni.

Obiettivi più ambiziosi di riduzione degli sprechi alimentari

I deputati vogliono aumentare gli obiettivi vincolanti di riduzione dei rifiuti proposti dalla Commissione ad almeno il 20% nella trasformazione e produzione alimentare (invece del 10%) e al 40% pro capite nella vendita al dettaglio, nei ristoranti, nei servizi di ristorazione e nelle famiglie (invece del 30%). , rispetto alla media annua generata tra il 2020 e il 2022. Paesi dell'UE dovrebbe garantire che questi obiettivi siano raggiunti a livello nazionale entro il 31 dicembre 2030.

I deputati vogliono inoltre che la Commissione valuti la possibilità e presenti proposte legislative adeguate per introdurre obiettivi più elevati per il 2035 (almeno 30% e 50% rispettivamente).

Responsabilità estesa del produttore per i prodotti tessili, abbigliamento e calzature

Le nuove norme, adottate dai deputati, istituirebbero regimi di responsabilità estesa del produttore (EPR), attraverso i quali gli operatori economici che mettono i tessili disponibili sul mercato dell’UE coprirebbero i costi per la loro raccolta differenziata, cernita e riciclaggio. Gli Stati membri dovrebbero istituire questi regimi 18 mesi dopo l'entrata in vigore della direttiva (rispetto ai 30 mesi proposti dalla Commissione). Parallelamente, i paesi dell’UE dovrebbero garantire, entro il 1° gennaio 2025, la raccolta separata dei tessili per il riutilizzo, la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio.

Queste norme riguarderebbero prodotti tessili come abbigliamento e accessori, coperte, biancheria da letto, tende, cappelli, calzature, materassi e tappeti, compresi i prodotti che contengono materiali tessili come pelle, cuoio ricostituito, gomma o plastica.

Quote

Relatore Anna Zalewska (ECR, PL) ha dichiarato: “Forniamo soluzioni mirate per ridurre gli sprechi alimentari, come promuovere frutta e verdura “brutte”, tenere d’occhio le pratiche di mercato sleali, chiarire la data di etichettatura e donare cibo invenduto ma consumabile. Per quanto riguarda i tessili, colmiamo le lacune includendo anche prodotti non domestici, tappeti e materassi, nonché la vendita tramite piattaforme online. Chiediamo inoltre un obiettivo di riduzione dei rifiuti tessili, con un controllo sui tessili usati esportati. Migliori infrastrutture per aumentare la raccolta differenziata dovrebbero essere integrate da una separazione più efficiente dei rifiuti urbani misti, in modo che gli elementi che possono essere riciclati vengano estratti prima di essere inviati all’inceneritore o alla discarica”.

Prossimi passi

L’intera Camera voterà sulla sua posizione durante la sessione plenaria di marzo 2024. Il dossier sarà seguito dal nuovo Parlamento dopo le elezioni europee del 6-9 giugno.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -