15.2 C
Bruxelles
Martedì, 28, 2024
Diritti umaniI leader umanitari si uniscono in un appello urgente per Gaza

I leader umanitari si uniscono in un appello urgente per Gaza

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Dopo i brutali attacchi terroristici del 7 ottobre da parte di Hamas e altri militanti nel sud di Israele e il conseguente attacco militare da parte di Israele a Gaza, più di tre quarti della popolazione dell’enclave è stata sfollata dalle proprie case, molte volte.

Vi è una diffusa carenza di cibo, acqua e servizi igienico-sanitari, e il sistema sanitario continua a essere sistematicamente degradato, con conseguenze catastrofiche, ha affermato il presidi del comitato permanente interagenzia (IASC), l'organismo di coordinamento delle organizzazioni umanitarie mondiali.

“Le malattie dilagano. La carestia incombe. L'acqua è a un rivolo. Le infrastrutture di base sono state decimate. La produzione alimentare si è fermata. Gli ospedali si sono trasformati in campi di battaglia. Un milione di bambini affrontano traumi quotidiani”, hanno osservato in a dichiarazione il Mercoledì.

Un “colpo mortale” per gli sforzi di aiuto

La situazione è particolarmente grave a Rafah, all’estremo sud di Gaza.

“Rafah, l’ultima destinazione per oltre un milione di sfollati, affamati e traumatizzati stipati in un piccolo frammento di terra, è diventata un altro campo di battaglia in questo brutale conflitto”, hanno detto i capi dell’IASC.

“Un’ulteriore escalation di violenza in quest’area densamente popolata causerebbe vittime di massa. Potrebbe anche infliggere un colpo mortale a una risposta umanitaria che è già in ginocchio”, hanno avvertito.

Umanitari a rischio

I dirigenti della IASC hanno evidenziato i rischi che gli operatori umanitari affrontano quotidianamente nel loro impegno per aiutare le persone in disperato bisogno, aggiungendo che “non possono fare molto”.

“Gli operatori umanitari, essi stessi sfollati e esposti a bombardamenti, morte, restrizioni di movimento e crollo dell’ordine civile, continuano gli sforzi per aiutare chi è nel bisogno”, hanno affermato.

“Ma, di fronte a così tanti ostacoli – comprese le restrizioni sulla sicurezza e sui movimenti – non possono fare molto”.

L'essenziale

I presidi hanno sottolineato che nessuna risposta umanitaria potrà compensare i mesi di privazione che le famiglie di Gaza hanno sopportato.

“Questo è il nostro sforzo per salvare l’operazione umanitaria in modo da poter fornire, almeno, lo stretto necessario: medicine, acqua potabile, cibo e riparo mentre le temperature precipitano”, hanno detto.

Per questo hanno sottolineato la necessità di 10 elementi indispensabili: un cessate il fuoco immediato; protezione dei civili e delle infrastrutture civili; rilascio immediato degli ostaggi; punti di ingresso affidabili per gli aiuti; garanzie di sicurezza e accesso senza ostacoli; un sistema di notifica umanitaria funzionante; strade ripulite dagli ordigni esplosivi; e una rete di comunicazione stabile.

Inoltre, hanno chiesto che l’agenzia delle Nazioni Unite assista i rifugiati palestinesi (UNRWA) per ricevere le risorse necessarie per fornire assistenza salvavita e per porre fine alle campagne che cercano di screditare le Nazioni Unite e le ONG che fanno del loro meglio per salvare vite umane.

“Chiediamo a Israele di adempiere ai suoi obblighi legali, nell’ambito umanitario e internazionale diritti umani legge, per fornire cibo e forniture mediche e facilitare le operazioni di aiuto, e sul mondoper evitare che accada una catastrofe ancora peggiore”, hanno concluso i leader umanitari.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -