13.5 C
Bruxelles
Sabato, Maggio 25, 2024
Scelta dell'editoreSono necessari sforzi più determinati per combattere i pregiudizi anti-musulmani in un contesto di odio,...

Sono necessari sforzi più determinati per combattere i pregiudizi anti-musulmani in un contesto di odio crescente, afferma l’OSCE

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

VALLETTA/VARSAVIA/ANKARA, 15 marzo 2024 – In un contesto di aumento dei pregiudizi e della violenza contro i musulmani in un numero crescente di paesi, sono necessari maggiori sforzi per costruire il dialogo e contrastare l’odio anti-musulmano, l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa ha detto in una dichiarazione di oggi Giornata internazionale per la lotta all'islamofobia.

Il presidente in esercizio dell’OSCE, ministro degli affari esteri ed europei e del commercio di Malta, Ian Borg, ha dichiarato che “In questo giorno, ci viene ricordato il nostro dovere collettivo di contrastare i pregiudizi e abbracciare la diversità” sottolineando che “La nostra forza risiede nella nostra unità e nella nostra incrollabile determinazione a promuovere società in cui il dialogo prevale sul confronto, la comprensione sulla paura e la tolleranza sul pregiudizio – una società in cui le libertà fondamentali e i diritti umani sono protetti e goduti da tutti.” Il Ministro Borg ha invitato tutti gli Stati partecipanti “intensificare gli impegni e le azioni verso questo sforzo cruciale, sforzandosi di coltivare un ambiente in cui ogni persona possa vivere libera dall’odio e dalla discriminazione."

L’odio contro persone appartenenti a specifiche comunità religiose o di credo raramente si manifesta in modo isolato, spesso andando di pari passo con altre forme di intolleranza. La violenza e la discriminazione non solo danneggiano gli individui e le comunità interessate, ma possono anche minare la sicurezza in tutta l’OSCE regione, con tensioni che potrebbero degenerare in conflitti più ampi.

C’è stato un aumento dell’odio contro i musulmani soprattutto dopo la ripresa delle ostilità in Medio Oriente nell’ottobre dello scorso anno, con discorsi di odio, minacce e violenza online e offline che hanno avuto un impatto negativo sulle comunità musulmane, in particolare su donne e ragazze. Gli Stati dell’OSCE hanno riconosciuto la necessità che leader politici e parlamentari respingano e condannino le manifestazioni di razzismo, xenofobia e intolleranza contro i musulmani e altri gruppi religiosi, pur continuando a rispettare la libertà di espressione.

“Gli stereotipi negativi e gli atti di intolleranza e discriminazione contro i musulmani sono aumentati negli ultimi anni, rendendo ancora più importante agire urgentemente e garantire di evitare la stigmatizzazione o la retorica provocatoria," disse Il Direttore dell'ODIHR Matteo Mecacci. "Allo stesso tempo, siamo incoraggiati dal crescente riconoscimento della necessità di maggiore dialogo e comprensione. Sono convinto che questo debba rimanere un contributo cruciale per contrastare con successo i pregiudizi e l’odio anti-musulmano."

Tutti gli Stati partecipanti all’OSCE si sono impegnati a combattere la discriminazione e i crimini generati dall’odio ed è responsabilità primaria dei governi garantire la sicurezza di tutti i cittadini, qualunque sia il loro background, e promuovere il rispetto e il dialogo. Il sostegno ai paesi della regione dell’OSCE nella lotta ai reati generati dall’odio anti-musulmano è un ambito fondamentale del lavoro dell’ODIHR, ma sebbene i dati sull’odio anti-musulmano siano disponibili nel sito dell’ODIHR banca dati sui crimini d’odio, molte vittime nell’area dell’OSCE sono riluttanti a denunciare le proprie esperienze alle autorità.

Le vittime dell’odio spesso si rivolgono alle organizzazioni della società civile per denunciare un crimine, cercare sostegno e accedere ai servizi di cui hanno bisogno. Attraverso un’autentica collaborazione con la società civile, gli Stati possono sviluppare attività efficienti e mirate per contrastare i crimini ispirati dall’odio e soddisfare le diverse esigenze delle singole vittime.

La libertà di religione o di credo è un diritto umano fondamentale che sancisce il diritto di ogni individuo ad avere, adottare o abbandonare una religione o un credo. Alla base c’è la consapevolezza che rispettare le nostre differenze è l’unico modo per vivere insieme pacificamente. In questo contesto, il dialogo e la comprensione tra religioni e culture emergono come uno strumento fondamentale, offrendo una piattaforma per scambi aperti e rispettosi che trascendono i confini religiosi. Attraverso queste interazioni significative, possiamo scoprire un terreno comune, apprezzare le nostre differenze e creare un percorso inclusivo e armonioso.

Il Rappresentante personale del Presidente in esercizio per la lotta all’intolleranza e alla discriminazione contro i musulmani, l’Ambasciatore Evren Dagdelen Akgun, ha osservato che “sono stati attaccati casi di tentativi deliberati di offuscare la santità dell’Islam, di stereotipi sui musulmani; i casi in cui le loro convinzioni vengono sminuite o la loro cultura viene rappresentata come una minaccia e giustificata con il pretesto di preoccupazioni per la sicurezza sono diffusi, persino normalizzati in alcuni paesi”. Ha sottolineato che “gli sforzi per affrontare questi problemi nella loro interezza non solo contribuiranno a creare società armoniose ma anche alla pace internazionale”. Dagdelen Akgun ha esortato tutti gli Stati partecipanti a cercare modi per attuare efficacemente i propri impegni.

Riconoscendo la discriminazione e l’odio che molti musulmani devono affrontare in tutto il mondo, le Nazioni Unite hanno dichiarato il 15 marzo Giornata internazionale per la lotta all’islamofobia. Tutti gli stati dell’OSCE lo hanno fatto impegnata alla lotta contro i pregiudizi, l’intolleranza e la discriminazione contro i musulmani e i membri di altre religioni.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -