15.3 C
Bruxelles
Martedì, Giugno 18, 2024
AmbienteRecord battuti: il nuovo rapporto globale conferma che il 2023 è il XNUMX più caldo finora

Record battuti: il nuovo rapporto globale conferma che il 2023 è il XNUMX più caldo finora

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Un nuovo rapporto globale pubblicato martedì dalla World Meteorological Organization (WMO), un’agenzia delle Nazioni Unite, mostra che ancora una volta sono stati battuti i record per i livelli di gas serra, le temperature superficiali, il calore e l’acidificazione degli oceani, l’innalzamento del livello del mare, la copertura dei ghiacci e il ritiro dei ghiacciai. .

Ondate di caldo, inondazioni, siccità, incendi e cicloni tropicali in rapida intensificazione hanno causato miseria e caos, sconvolgendo la vita quotidiana di milioni di persone e causando perdite economiche per molti miliardi di dollari. WMO Rapporto sullo stato del clima globale 2023.

"Le sirene risuonano su tutti i principali indicatori… Alcuni record non sono solo in vetta alle classifiche, stanno sfondando le classifiche. E i cambiamenti si stanno accelerando”, hanno affermato le Nazioni Unite Segretario Generale António Guterres in un videomessaggio per il lancio.

allarme rosso

Sulla base dei dati di diverse agenzie, lo studio ha confermato che il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato, con una temperatura media globale in prossimità della superficie pari a 1.45°C al di sopra della base preindustriale. Ha coronato il decennio più caldo mai registrato.

La dott.ssa Celeste Saulo (al centro), segretaria generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) al lancio del rapporto sullo stato del clima globale 2023
UN News/Anton Uspensky – La dott.ssa Celeste Saulo (al centro), segretaria generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) al lancio del rapporto sullo stato del clima globale 2023

“La conoscenza scientifica sul cambiamento climatico esiste da più di cinquant’anni, eppure esiste ancora abbiamo perso un’intera generazione di opportunità”, ha affermato il segretario generale dell’OMM Celeste Saulo presentando il rapporto ai media a Ginevra. Ha esortato la risposta al cambiamento climatico a essere governata dal “benessere delle generazioni future, ma non dagli interessi economici a breve termine”.  

“In qualità di Segretario generale dell’Organizzazione meteorologica mondiale, lancio ora l’allarme rosso sullo stato del clima globale”, ha sottolineato. 

Mondo allo sbando 

Tuttavia, il cambiamento climatico non riguarda solo la temperatura dell’aria, spiegano gli esperti dell’OMM. Anche il calore senza precedenti dell’oceano e l’innalzamento del livello del mare, il ritiro dei ghiacciai e la perdita del ghiaccio marino antartico fanno parte di questo quadro cupo. 

Secondo il rapporto, in una giornata media del 2023, quasi un terzo della superficie oceanica è stata colpita da un’ondata di caldo marino, danneggiando ecosistemi vitali e sistemi alimentari. 

Secondo i dati preliminari, i ghiacciai osservati hanno subito la più grande perdita di ghiaccio mai registrata dal 1950, con uno scioglimento estremo sia nel Nord America occidentale che in Europa. 

Le calotte glaciali alpine hanno vissuto una stagione di scioglimento estremo, ad esempio, con quelle in La Svizzera perde circa il 10% del volume rimanente negli ultimi due anni. 

La perdita di ghiaccio marino antartico è stata di gran lunga la più bassa mai registrata – un milione di chilometri quadrati in meno rispetto all’anno record precedente – equivalente alla dimensione di Francia e Germania messe insieme.

Le concentrazioni osservate dei tre principali gas serra – anidride carbonica, metano e protossido di azoto – hanno raggiunto livelli record nel 2022 e continueranno ad aumentare nel 2023, mostrano i dati preliminari. 

Ripercussioni globali

Secondo il rapporto, gli eventi meteorologici e climatici estremi sono la causa principale o gravi fattori aggravanti che nel 2023 hanno innescato sfollamenti, insicurezza alimentare, perdita di biodiversità, problemi sanitari e altro ancora.

Il rapporto, ad esempio, cita dati secondo cui il numero di persone che soffrono di grave insicurezza alimentare in tutto il mondo è più che raddoppiato, da 149 milioni prima del COVID-19 pandemia a 333 milioni nel 2023 in 78 paesi monitorato dal Programma alimentare mondiale (Il PAM).

“La crisi climatica lo è la sfida decisiva che l’umanità si trova ad affrontare. È strettamente intrecciato con la crisi della disuguaglianza, come testimoniano la crescente insicurezza alimentare, lo sfollamento della popolazione e la perdita di biodiversità”, ha affermato la Saulo.

Un barlume di speranza

Il rapporto dell’OMM non solo suscita allarme ma offre anche motivi di ottimismo. Nel 2023, l’aggiunta di capacità rinnovabile è aumentata di quasi il 50%, per un totale di 510 gigawatt (GW), il tasso più alto osservato in due decenni. 

L’impennata della produzione di energia rinnovabile, alimentata principalmente dalla radiazione solare, dal vento e dal ciclo dell’acqua, l’ha posizionata come una forza trainante nell’azione sul clima per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione.

Sistemi efficaci di allerta precoce multi-rischio sono fondamentali per mitigare l’impatto dei disastri. IL Avvertimenti precoci per tutti L’iniziativa mira a garantire una protezione universale attraverso sistemi di allerta precoce entro il 2027. 

Dall'adozione del Quadro Sendai per la riduzione del rischio di catastrofi, si è verificato un aumento nello sviluppo e nell’attuazione di strategie locali di riduzione del rischio di catastrofi.

Dal 2021 al 2022, i flussi finanziari globali legati al clima sono quasi raddoppiati rispetto ai livelli del 2019-2020, raggiungendo quasi 1.3 trilioni di dollari

Tuttavia, ciò equivale solo a circa l’1.5% del PIL globale, sottolineando un significativo gap finanziario. Per raggiungere gli obiettivi di un percorso di 9°C, gli investimenti annuali in finanziamenti per il clima devono aumentare di oltre sei volte, raggiungendo quasi 2030mila miliardi di dollari entro il 10, con ulteriori 2050mila miliardi di dollari necessari entro il XNUMX.

Costo dell'inazione

Il costo dell’inazione è sconcertante, avverte il rapporto. Tra il 2025 e il 2100, esso può raggiungere i 1,266 trilioni di dollari, che rappresenta la differenza in perdite tra uno scenario di business as usual e un percorso di 1.5° C. Notando che questa cifra è probabilmente notevolmente sottostimata, gli esperti meteorologici delle Nazioni Unite chiedono un’azione immediata sul clima. 

Il rapporto viene lanciato prima della riunione ministeriale sul clima di Copenaghen, dove i leader e i ministri del clima di tutto il mondo si riuniranno per la prima volta da allora. COP28 a Dubai per spingere per un’azione accelerata sul clima, inclusa la realizzazione di un ambizioso accordo sui finanziamenti alla COP29 a Baku entro la fine dell’anno – per trasformare i piani nazionali in azioni.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -