15.7 C
Bruxelles
Wednesday, May 29, 2024
ReligioneCristianesimoIl povero Lazzaro e il ricco

Il povero Lazzaro e il ricco

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

Dal prof. AP Lopuchin

Capitolo 16 – 1. La parabola dell'amministratore ingiusto. 13 – 14. La parabola del ricco e del povero Lazzaro.

Luca 16:1. E disse ai suoi discepoli: un uomo era ricco e aveva un amministratore, a proposito del quale gli fu portato perché sperperasse i suoi beni;

La parabola dell'amministratore ingiusto si trova solo nell'evangelista Luca. È stato detto, senza dubbio, lo stesso giorno in cui il Signore ha raccontato le tre parabole precedenti, ma questa parabola non ha alcun legame con esse, poiché sono state pronunciate da Cristo in riferimento ai farisei, mentre questa si riferisce ai “discepoli”. " di Cristo, cioè molti dei suoi seguaci che avevano già iniziato a servirlo, lasciando il ministero del mondo – per lo più ex pubblicani e peccatori (Prot. Timothy Butkevich, “Spiegazione della parabola dell'amministratore ingiusto”. Church Bulletins, 1911, pagina 275).

"una persona". Si trattava evidentemente di un ricco proprietario terriero che abitava in città, abbastanza lontano dai suoi possedimenti, e quindi non poteva visitarla da solo (che qui dobbiamo intendere in senso figurato – questo risulta chiaro subito dopo aver spiegato il significato letterale della parabola).

“ikonom” (οἰκονόμον) – lett. un maggiordomo, un amministratore della casa, a cui era affidata l'intera gestione della tenuta. Questi non era uno schiavo (presso gli ebrei gli amministratori venivano spesso scelti tra gli schiavi), ma un uomo libero, come risulta dal fatto che, dopo essere stato liberato dalle funzioni di amministratore, intendeva vivere non con i suoi padrone, ma con gli altri (vv. 3-4).

“gli fu portato”. La parola greca διεβλήθη (da διαβάλλω) qui presente, anche se non significa che si trattasse di una semplice calunnia, come suggerisce ad esempio la nostra traduzione slava, tuttavia chiarisce che è stata fatta da persone ostili nei confronti dell'amministratore della casa. /addetto alle pulizie.

“si disperde”. (ὡς διασκορπίζων – cfr. Luca 15:13; Mt 12:30), cioè trascorre una vita dispendiosa e peccaminosa, sperpera la proprietà del padrone.

Luca 16:2. e quando lo chiamò, gli disse: che è questo che sento di te? Rendi conto della tua decenza, perché non potrai più essere una decenza.

“Che cosa ho sentito?” Il proprietario del terreno, chiamato a sé l'amministratore della casa, gli disse con una certa irritazione: “Che fai lì? Ho sentito brutte voci su di te. Non voglio più che tu sia il mio manager e darò la mia proprietà a qualcun altro. Devi darmi un resoconto dell'immobile” (ovvero eventuali contratti di locazione, documenti di debito, ecc.). Questo è il senso dell'appello del proprietario all'amministratore. È proprio così che quest'ultimo intendeva il suo maestro.

Luca 16:3. Allora l'amministratore disse tra sé: cosa devo fare? Il mio padrone mi toglie la decenza; scavare non posso; mendicare, mi vergogno;

Cominciò a pensare a come vivere adesso, perché si rendeva conto che era davvero colpevole davanti al suo padrone e non aveva speranza di perdono, e non aveva risparmiato alcun mezzo di sussistenza, e non poteva o non voleva lavorare nei frutteti e negli ortaggi. giardini. i suoi poteri. Poteva ancora vivere di elemosina, ma a lui, abituato a condurre una vita sontuosa e stravagante, questo sembrava molto vergognoso.

Luca 16:4. Ho pensato a cosa dovrei fare per essere accolto nelle loro case quando sarò sottratto al pudore.

Alla fine l'usciere pensò a cosa avrebbe potuto fare per aiutarlo. Trovò il mezzo con cui gli sarebbero state aperte le porte delle case dopo che non avesse avuto più posto (intendeva le “case” dei debitori del suo padrone). Convocò i debitori, ciascuno separatamente, e iniziò le trattative con loro. È difficile dire se questi debitori fossero affittuari o commercianti che prendevano in vendita vari prodotti della tenuta, ma questo non è importante.

Luca 16:5. E quando chiamò i debitori del suo padrone, ciascuno per sé, disse al primo: Quanto devi al mio padrone?

Luca 16:6. Rispose: cento misure d'olio. E gli disse: prendi la ricevuta, siediti e scrivi velocemente: cinquanta.

“cento misure”. L'ufficiale giudiziario chiese uno dopo l'altro ai debitori: quanto devono al suo padrone? Il primo rispose: “cento misure” o più precisamente “bagni” (bat – βάτος, ebraico בַּת bat̠, unità di misura per liquidi – più di 4 secchi) “olio”, riferito all’olio d’oliva, che all’epoca era molto caro all'epoca, quindi 419 secchi di petrolio costavano a quel tempo in nostri soldi 15,922 rubli, che corrispondono a ca. 18.5 chilogrammi. oro (Prot. Butkevich, p. 283 19).

"Più veloce". Il maggiordomo gli ha detto di scrivere rapidamente una nuova ricevuta in cui il debito del debitore sarebbe stato ridotto della metà – e qui vediamo come tutti siano pronti a peggiorare.

Luca 16:7. Poi disse all'altro: quanto devi? Rispose: cento gigli di grano. E gli disse: prendi la ricevuta e scrivi: ottanta.

“cento gigli”. L’altro debitore doveva “cento gigli” di grano, anch’esso valutato caro (il giglio – κόρος – è una misura di corpi sfusi, solitamente di grano). Cento krine di grano costavano allora, in moneta nostra, circa 20,000 rubli (ibid., p. 324), l'equivalente di ca. 23 chilogrammi. oro. E con lui il governatore ha agito come con il primo.

In questo modo rese un grande servizio a questi due debitori, e poi probabilmente ad altri, i quali, a loro volta, si sentirono per sempre debitori verso l'ufficiale giudiziario, a causa dell'ingente importo della remissione. Nelle loro case gli avrebbero sempre trovato riparo e sostentamento.

Luca 16:8. E il padrone lodò l'usciere infedele per aver agito ingenuamente; poiché i figli di questo secolo sono più esigenti nella loro specie dei figli della luce.

"intelligente". Il signore del maniero, saputo di questo atto del guardiano, lo elogiò, trovando che aveva agito con accortezza, o, meglio tradotto, saggiamente, meditatamente e opportunamente (φρονίμως). Non ti sembra strano questo elogio?

"lode". Il padrone ha subito molto danno, eppure loda il governatore infedele, meravigliandosi della sua prudenza. Perché dovrebbe lodarlo? L'uomo, a quanto pare, dovrebbe sporgere denuncia contro di lui in tribunale, non lodarlo. Pertanto, la maggior parte degli interpreti insistono sul fatto che il padrone in realtà si meraviglia solo della destrezza del padrone di casa, senza approvare affatto la natura dei mezzi stessi che quest'ultimo ha trovato per la sua salvezza. Ma una tale soluzione alla domanda è insoddisfacente, perché presuppone che Cristo insegni inoltre ai Suoi seguaci solo la destrezza o la capacità di trovare una via d'uscita da circostanze difficili imitando persone indegne (ingiuste).

Ecco perché la spiegazione data dal Prot. Timotei Butkevich di questo “elogio” e del comportamento del direttore della casa sembra più credibile, anche se neanche noi possiamo essere del tutto d'accordo con lui. Secondo la sua interpretazione, il padrone di casa detraeva dai conti dei debitori solo ciò che gli era dovuto, poiché aveva precedentemente registrato nelle sue ricevute sia l'importo per il quale aveva concesso la terra agli affittuari previo accordo con il suo padrone, sia ciò che intendeva ottenere per sé personalmente. Poiché ora non aveva più la possibilità di ricevere per sé la somma convenuta – stava lasciando il servizio – modificò le ricevute senza causare alcun danno al suo padrone, perché doveva ancora ricevere la sua (Butkevich, p. 327).

Ma è impossibile concordare con il Prot. T. Butkevich, che ora l'amministratore della casa “si è rivelato onesto e nobile” e che il padrone lo ha elogiato proprio per aver rifiutato l'opportunità di ricevere il suo reddito.

Così infatti il ​​padrone, da uomo d'onore, non era costretto a pretendere che i debitori gli pagassero tutto ciò che esigeva loro dal governatore: riteneva che gli dovessero una somma molto minore. Il manager in pratica non gli ha fatto del male: perché il padrone non dovrebbe lodarlo? Qui si parla proprio di tale approvazione dell'opportunità della condotta dell'amministratore.

“i figli di questo secolo sono più perspicaci dei figli della luce”. L'interpretazione abituale di questa frase è che le persone mondane sanno come organizzare i propri affari meglio dei cristiani e come raggiungere gli obiettivi elevati che si prefiggono. Tuttavia è difficile concordare con questa interpretazione, in primo luogo perché a quel tempo il termine “figli della luce” difficilmente indicava i cristiani: nell’evangelista Giovanni, a cui si riferisce il vescovo Michele e che in questo luogo si unisce agli altri interpreti, anche se questa espressione viene usata una volta, non è per denotare “cristiani” (cfr Gv 12).

E in secondo luogo, in che modo le persone mondane, attaccate al mondo, sono più intraprendenti delle persone devote a Cristo? Questi ultimi non hanno forse mostrato la loro saggezza abbandonando tutto e seguendo Cristo? Ecco perché anche nel caso di specie siamo propensi ad accogliere il parere del Prot. T. Butkevich, secondo cui i “figli di questo secolo” sono i pubblicani, i quali, secondo i farisei, vivono nelle tenebre spirituali, occupati solo in meschini interessi terreni (la riscossione delle tasse), e i “figli della luce” sono i Farisei che si considerano illuminati (cfr Rm 2) e che Cristo chiama “figli della luce”, ovviamente con ironia, secondo la propria immagine di sé.

“nel suo genere”. Anche l'espressione aggiunta da Cristo: “secondo la sua specie” si adatta a questa interpretazione. Con queste parole Egli mostra che non intende “figli della luce” nel senso proprio della parola, ma “figli della luce” in un modo speciale, la loro specie.

Quindi il significato di questa espressione sarebbe: perché i pubblicani sono più ragionevoli dei farisei (prot. T. Butkevich, p. 329).

Ma su questa spiegazione – e su questo non dobbiamo sorvolare – resta poco chiaro il collegamento delle ultime parole del versetto in questione con l'osservazione secondo cui il maestro lodava il guardiano infedele.

Resta da ammettere che il pensiero della seconda metà del versetto 8 non si riferisce a tutta l'espressione della prima metà, ma spiega solo una cosa “discreta” o “discreta”.

Il Signore conclude la parabola con le parole: «E il Signore lodò l'amministratore infedele perché aveva agito con accortezza». Ora vuole applicare la parabola ai suoi discepoli e qui, guardando i pubblicani che si avvicinano a Lui (cfr Lc 15), come a dire: «Sì, la sapienza, la prudenza nel cercare la propria salvezza è una cosa grande, e ora dobbiamo ammettere che, con sorpresa di molti, tale saggezza è dimostrata dai pubblicani, e non da quelli che si sono sempre considerati il ​​popolo più illuminato, cioè i farisei”.

Luca 16:9. E io vi dico: fatevi amici le ricchezze ingiuste, affinché, quando diventerete poveri, vi accolgano nelle dimore eterne.

Il Signore aveva già elogiato i pubblicani che lo seguivano, ma lo ha fatto con una frase generale. Ora Egli parla loro direttamente in persona: «E io – come quel padrone al quale gli uomini dovevano molto – vi dico che se qualcuno possiede ricchezze – come le aveva l'amministratore sotto forma di ricevute – allora siete obbligati, come lui, per farti degli amici che, come gli amici del guardiano, ti accoglieranno nelle dimore eterne”.

“ricchezza ingiusta”. La ricchezza che il Signore chiama “ingiusta” (μαμωνᾶ τῆς ἀδικίας), non perché è stata acquisita con mezzi ingiusti – tale ricchezza deve per legge essere restituita come rubata (Lev. 6:4; Deut. 22:1), ma perché è vana , ingannevolmente, transitoriamente, e spesso rende l'uomo avido, avaro, dimenticando il suo dovere di fare del bene al prossimo, e costituisce un grande ostacolo sulla strada per raggiungere il Regno dei Cieli (Marco 10:25).

“quando diventi povero” (ἐκλίπητε) – più correttamente: quando essa (la ricchezza) viene privata del suo valore (secondo la lettura migliore – ἐκλίπῃ). Ciò indica il tempo della seconda venuta di Cristo, quando la ricchezza terrena e temporale cesserà di avere alcun significato (cfr Luca 6; Giacomo 24ss).

“per accettarti”. Non è detto chi siano, ma dobbiamo supporre che siano gli amici che si possono acquisire con il retto uso delle ricchezze terrene, cioè. quando viene utilizzato in modo gradito a Dio.

“dimore eterne”. Questa espressione corrisponde all'espressione “nelle loro case” (versetto 4) e denota il Regno del Messia, che durerà per sempre (cfr 3 Esdra 2).

Luca 16:10. Chi è fedele nelle cose più piccole è fedele anche nel molto, e chi è ingiusto nelle cose più piccole è ingiusto anche nel molto.

Sviluppando l'idea della necessità di un uso prudente delle ricchezze, il Signore cita innanzitutto, per così dire, il proverbio: "Chi è fedele nel poco, è fedele anche nel molto".

Questo è un pensiero generale che non necessita di spiegazioni particolari. Ma poi si rivolge direttamente ai suoi seguaci tra i pubblicani. Avevano indubbiamente grandi ricchezze a loro disposizione, e non sempre erano fedeli nell'uso: spesso, nella riscossione delle tasse e dei tributi, prendevano per sé una parte della riscossione. Pertanto, il Signore insegna loro ad abbandonare questa cattiva abitudine. Perché dovrebbero accumulare ricchezza? È ingiusto, estraneo e dobbiamo trattarlo come estraneo. Hai l'opportunità di ottenere un vero e proprio, ad es. un tesoro davvero prezioso, che vi deve essere particolarmente caro, poiché ben si adatta alla vostra posizione di discepoli di Cristo. Ma chi ti affiderà questa ricchezza superiore, questo ideale, il vero bene, se non sai governare quella inferiore? Puoi essere onorato delle benedizioni che Cristo dà ai Suoi veri seguaci nel glorioso Regno di Dio che sta per essere rivelato?

Luca 16:11. Se dunque non foste fedeli nelle ricchezze ingiuste, chi vi affiderà quelle vere?

“chi ti affiderà la cosa vera”. Cristo dice loro: avete l'opportunità di acquisire un vero tesoro, cioè un tesoro prezioso, che dovrebbe esservi particolarmente caro, poiché ben si adatta alla vostra posizione di discepoli di Cristo. Ma chi ti affiderà questa ricchezza superiore, questo ideale, il vero bene, se non sai governare quella inferiore? Puoi essere onorato delle benedizioni che Cristo dà ai Suoi veri seguaci nel glorioso Regno di Dio che sta per essere rivelato?

Luca 16:12. E se non fossi stato fedele all'estero, chi ti darà il tuo?

Luca 16:13. Nessun servo può servire due padroni, perché o odierà l'uno e amerà l'altro; oppure piacerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non puoi servire Dio e mammona.

Dalla fedeltà nell'uso delle ricchezze terrene, Cristo passa alla questione del servizio esclusivo di Dio, che è incompatibile con il servizio di Mammona. Vedi Matteo 6:24 dove questa frase è ripetuta.

Nella parabola del governatore ingiusto, Cristo, che con questo insegnamento ha in mente soprattutto i pubblicani, insegna anche a tutti i peccatori in generale come raggiungere la salvezza e la beatitudine eterna. Questo è il significato misterioso della parabola. Il ricco è Dio. Il proprietario ingiusto è un peccatore che spreca con noncuranza i doni di Dio per molto tempo, finché Dio non lo chiama a rendere conto attraverso alcuni segni minacciosi (malattia, sventura). Se il peccatore non ha ancora perso la ragione, si pente, proprio come un amministratore perdona ai debitori del suo padrone qualunque debito pensasse che gli dovessero.

Non ha senso addentrarsi in dettagliate spiegazioni allegoriche di questa parabola, perché qui dovremo lasciarci guidare solo da coincidenze del tutto casuali e ricorrere a convenzioni: come ogni altra parabola, la parabola dell'amministratore ingiusto contiene, oltre ai principali idea, funzionalità aggiuntive che non necessitano di spiegazioni.

Luca 16:14. I farisei, che erano amanti del denaro, udirono tutto questo e lo schernirono.

“si sono fatti beffe”. Tra gli ascoltatori della parabola del proprietario ingiusto c'erano i farisei, che deridevano (ἐξεμυκτήριζον) Cristo – apparentemente perché pensavano che la sua opinione sulla ricchezza terrena fosse ridicola. La legge, dicevano, considerava le ricchezze in modo diverso: lì le ricchezze sono promesse come ricompensa ai giusti per le loro virtù, quindi non può in alcun modo essere definita ingiusta. Del resto gli stessi farisei amavano il denaro.

Luca 16:15. Disse loro: voi vi presentate giusti agli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori; poiché ciò che è elevato tra gli uomini è un abominio davanti a Dio.

“vi presentate come giusti”. È proprio questa comprensione della ricchezza che Cristo ha in mente, e sembra dire loro: «Sì, nella legge ci sono promesse anche di ricompense terrene, e soprattutto di ricchezze per una vita giusta. Ma non hai il diritto di considerare le tue ricchezze come una ricompensa di Dio per la tua giustizia. La tua giustizia è immaginaria. Anche se con la vostra ipocrita giustizia riuscite a trovare per voi stessi il rispetto degli uomini, non troverete il riconoscimento da parte di Dio, Che vede il vero stato del vostro cuore. E questo stato è davvero terribile. “

Luca 16:16. La legge e i profeti durarono fino a Giovanni: da allora fu annunziato il regno di Dio, e tutti cercavano di entrarvi.

Questi tre versetti (16-18) contengono parole che sono già state spiegate nei commenti al Vangelo di Matteo (cfr Mt 11-12; 14). Qui hanno il significato di introduzione alla seguente parabola del ricco e del povero Lazzaro. Attraverso di loro il Signore conferma la grande importanza della legge e dei profeti (che saranno menzionati anche nella parabola), che preparano i giudei ad accogliere il regno del Messia, il cui araldo è Giovanni Battista. Grazie a loro, l'anelito al Regno di Dio rivelato si risveglia nel popolo.

Luca 16:17. Ma è più facile che passino il cielo e la terra, che venga meno uno iota della Legge.

“un trattino della Legge”. La legge non deve perdere nessuna delle sue caratteristiche, e come esempio di questa rivendicazione della legge Cristo sottolinea che egli intendeva la legge del divorzio ancora più rigorosamente di quanto non fosse interpretata nella scuola farisaica.

Luca 16:18. Chiunque ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra commette adulterio, e chiunque sposa una donna divorziata da un uomo commette adulterio.

B. Weiss dà un'interpretazione particolare di questa frase in questo versetto. Secondo lui, l'evangelista Luca intende questa affermazione in modo allegorico, come caratterizzante il rapporto tra la legge e il nuovo ordine del Regno di Dio (cfr Rm 7-1). Chi, per amore di questa, abbandona la prima, commette davanti a Dio lo stesso peccato di adulterio, di chi, dopo che Dio ha liberato l'uomo dall'obbedienza alla legge mediante l'annuncio del vangelo, desidera continuare la sua prima rapporti con la legge. Uno ha peccato riguardo all'immutabilità della legge (versetto 3), e l'altro ha peccato non volendo partecipare alla ricerca delle persone della nuova vita della grazia (versetto 17).

Luca 16:19. C'era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di lino finissimo e ogni giorno banchettava lautamente.

Nella seguente parabola del ricco Lazzaro e del povero Lazzaro, il Signore mostra le terribili conseguenze del cattivo uso delle ricchezze (cfr v. 14). Questa parabola non è diretta direttamente contro i farisei, perché non potevano essere paragonati all'uomo ricco che non curava la sua salvezza, ma contro la loro visione della ricchezza come qualcosa di completamente innocuo per l'opera di salvezza, anzi come testimonianza della giustizia dell'uomo. , chi lo possiede. Il Signore mostra che la ricchezza non è affatto una prova di rettitudine e che spesso arreca il danno più grande a chi la possiede, gettandolo nell'abisso dell'inferno dopo la morte.

"calendula". È un tessuto fibroso di lana tinto con un costoso colorante viola utilizzato per i capispalla (di colore rosso).

“Visione”. Si tratta di un pregiato tessuto bianco di cotone (quindi non di lino) utilizzato per realizzare biancheria intima.

“ogni giorno banchettava magnificamente”. Da ciò risulta chiaro che il ricco non si interessava degli affari pubblici e dei bisogni dei suoi simili, né della salvezza della propria anima. Non era un uomo violento, un oppressore dei poveri, né commise altri crimini, ma questo banchetto costante e spensierato era un grande peccato davanti a Dio.

Luca 16:20. C'era anche un povero, di nome Lazzaro, che giaceva a terra davanti alla sua porta

"Lazzaro" è un nome abbreviato di Eleazar, - l'aiuto di Dio. Possiamo concordare con alcuni interpreti che il nome del mendicante sia stato menzionato da Cristo per dimostrare che questo povero sperava solo nell'aiuto di Dio.

“stendersi” – ἐβέβλέτο – è stato scacciato, non come nella nostra traduzione “stendersi”. Il povero fu scacciato dal popolo alla porta del ricco.

“la sua porta” (πρὸς τὸν πυλῶνα) – all’ingresso che dal cortile conduceva alla casa (cfr Mt 26).

Luca 16:21. e ci vollero cinque giorni per mangiare le briciole che cadevano dalla tavola del ricco, e i cani vennero e leccarono le sue croste.

“le briciole cadute dalla tavola”. Nelle città orientali era consuetudine gettare tutti gli avanzi del cibo direttamente in strada, dove venivano mangiati dai cani che vagavano per le strade. Nel caso presente, Lazzaro malato dovette condividere questi avanzi con i cani. I cani, animali sporchi e impuri dal punto di vista ebraico, leccavano le sue croste e trattavano lo sfortunato uomo che non riusciva a scacciarli come uno della sua specie. Non c'è alcun accenno di rimorso da parte loro qui.

Luca 16:22. Il povero morì e gli angeli lo portarono nel seno di Abramo; morì anche il ricco e lo seppellirono;

“fu portato via dagli Angeli”. Si riferisce all'anima del mendicante, che fu portata via dagli angeli che, secondo la concezione ebraica, portano in cielo le anime dei giusti.

“Seno di Abramo”. È il termine ebraico per la beatitudine celeste dei giusti. I giusti rimangono dopo la loro morte nella più stretta comunione con il patriarca Abramo, posando il capo sul suo seno. Tuttavia, il seno di Abramo non è la stessa cosa del paradiso – è, per così dire, una posizione scelta e migliore, che fu occupata in paradiso dal mendicante Lazzaro, che trovò qui un rifugio tranquillo tra le braccia del suo antenato (l'immagine qui non è preso dalla cena o dalla tavola, per esempio, di cui parla Mt 8 e Luca 11-13, e dall'abitudine dei genitori di scaldare i propri figli tra le braccia (cfr Gv 29). .

Naturalmente qui il cielo non è inteso nel senso del regno della gloria (come in 2 Cor 12 ss.), ma solo come designazione dello stato felice dei giusti che hanno lasciato la vita terrena. Questo stato è temporaneo e i giusti vi rimarranno fino alla seconda venuta di Cristo.

Luca 16:23. e nell'inferno, mentre era nei tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo e Lazzaro nel suo seno

"all'inferno". La parola ebraica “sheol”, qui resa “inferno”, come nella Settanta, denota la dimora generale delle anime dei defunti fino alla risurrezione, ed è divisa in cielo per i devoti (Luca 23:43) e inferno per i malvagi. Inoltre, il Talmud dice che il paradiso e l'inferno sono disposti in modo tale che da un luogo si possa vedere cosa sta succedendo nell'altro. Ma da questa e dalla successiva conversazione tra il ricco e Abramo non è necessario ricavare alcun pensiero dogmatico sull'aldilà, perché senza dubbio in questa parte della parabola abbiamo davanti a noi una rappresentazione puramente poetica di un pensiero ben noto simile a quello che si incontra, ad esempio, in 3 Sam. 22, dove il profeta Micaia descrive la rivelazione che gli fu rivelata sulla sorte dell'esercito di Achab. È possibile, ad esempio, prendere alla lettera ciò che il ricco dice della sua sete? Beh, non ha corpo all'inferno.

“vide Abramo da lontano e Lazzaro nel suo seno”. Ciò, ovviamente, aumentò la sua angoscia, perché era estremamente seccato nel vedere uno spregevole mendicante godere di una tale intimità con il patriarca.

Luca 16:24. e, gridando, disse: Padre Abramo, abbi pietà di me, e manda Lazzaro a bagnare nell'acqua la punta del dito e a rinfrescarmi la lingua, perché soffro in questa fiamma.

Vedendo Lazzaro nel seno di Abramo, il ricco sofferente chiese ad Abramo di mandare Lazzaro ad aiutarlo con almeno una goccia d'acqua.

Luca 16:25. Abramo disse: figlio, ricorda che hai già ricevuto il tuo bene durante la tua vita, e Lazzaro - il male: e ora qui è consolato, e tu sei tormentato;

"il tuo bene". Tuttavia Abramo, chiamando in modo lusinghiero il ricco suo “figlio”, rifiuta di esaudire la sua richiesta: ha già ricevuto abbastanza di ciò che considerava bene (“il suo bene”), mentre Lazzaro ha visto nella sua vita solo il male (qui nessun pronome è ha aggiunto “suo”, indicando che la sofferenza non è una sorte necessaria dell’uomo giusto).

Dall'opposizione di Lazzaro all'uomo ricco, che senza dubbio era responsabile della propria amara sorte perché viveva malvagiamente, risulta chiaro che Lazzaro era un uomo pio.

Luca 16:26. inoltre c'è un grande abisso tra noi e voi, così che quelli che vogliono passare da qui a voi non possono, così non possono nemmeno passare da lì a noi.

“vede un grande abisso”. Abramo sottolinea la volontà di Dio affinché l'uomo non passi dal paradiso all'inferno e viceversa. Esprimendo figurativamente questo pensiero, Abramo dice che tra la Geenna e il Paradiso c'è un grande abisso (secondo l'opinione rabbinica, solo un pollice), sicché Lazzaro, se volesse andare dal ricco, non potrebbe farlo.

“che non possono”. Da questa risposta di Abramo possiamo concludere sulla falsità dell'insegnamento dello spiritismo, che ammette la possibilità di apparizioni di morti, che presumibilmente potrebbero convincere qualcuno di una verità più alta: abbiamo la Santa Chiesa come guida nella vita e noi non servono altri mezzi.

Luca 16:27. E lui disse: Ti prego allora, padre, di mandarlo a casa di mio padre,

Luca 16:28. poiché ho cinque fratelli, per dare loro testimonianza, affinché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento.

“testimoniare loro”, cioè raccontare loro quanto soffro perché non volevo cambiare la mia vita spensierata.

Luca 16:29. Abramo gli disse: hanno Mosè e i profeti: ascoltino loro.

Qui si afferma che c'è un solo modo per sfuggire alla sorte del ricco che sprofonda nell'inferno, e cioè il pentimento, un cambiamento di vita oziosa e piena di piaceri, e che la legge e i profeti sono i mezzi indicati per tutti coloro che cercano istruzione. Persino il ritorno dei morti non può fare tanto bene a coloro che conducono una vita spensierata quanto questi mezzi di istruzione sempre presenti.

Luca 16:30. E lui disse: no, padre Abramo, ma se uno dei morti va da loro, si pentiranno.

Luca 16:31. Allora Abramo gli disse: se Mosè è un profeta, se non ascoltano, anche se qualcuno risorge dai morti, non saranno convinti.

“non saranno convinti”. Quando l'evangelista scrisse questo, potrebbe essere sorta nella sua mente l'idea di incredulità con cui gli ebrei affrontarono la risurrezione di Lazzaro (Gv 12) e la risurrezione di Cristo stesso. Inoltre, Cristo e gli apostoli avevano già compiuto la risurrezione dei morti, e questo funzionava anche per i farisei non credenti? Hanno cercato di spiegare questi miracoli con cause naturali o, come è realmente accaduto, con l'aiuto di qualche forza oscura.

Alcuni interpreti, oltre al significato diretto sopra menzionato, vedono in questa parabola un significato allegorico e profetico. Secondo loro, l'uomo ricco, con tutto il suo comportamento e il suo destino, personifica l'ebraismo, che ha vissuto con noncuranza nella speranza dei suoi diritti nel Regno dei Cieli, e poi, alla venuta di Cristo, si è trovato improvvisamente fuori dalla soglia di quello Regno, e il mendicante rappresenta il paganesimo, che si estraniò dalla società israelita e visse in povertà spirituale, per poi essere improvvisamente accolto nel seno della Chiesa di Cristo.

Fonte in russo: Bibbia esplicativa o Commentari su tutti i libri delle Sacre Scritture dell'Antico e del Nuovo Testamento: In 7 volumi / Ed. prof. AP Lopuchin. – Ed. 4°. – Mosca: Dar, 2009. / T. 6: Quattro Vangeli. – 1232 pp. / Vangelo di Luca. 735-959 pag.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -