13.5 C
Bruxelles
Lunedi, June 17, 2024
EuropaApprovate dagli eurodeputati le nuove regole fiscali Ue

Approvate dagli eurodeputati le nuove regole fiscali Ue

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Le nuove regole, approvate martedì, erano provvisoriamente concordato accordo tra il Parlamento europeo e i negoziatori degli Stati membri a febbraio.

Focus sugli investimenti

I deputati hanno rafforzato significativamente le regole per proteggere la capacità di investimento di un governo. Ora sarà più difficile per la Commissione sottoporre uno Stato membro a una procedura per disavanzo eccessivo se sono in corso investimenti essenziali, e tutta la spesa nazionale per il cofinanziamento dei programmi finanziati dall’UE sarà esclusa dal calcolo della spesa del governo, creando maggiori incentivi investire.

Garantire la credibilità delle regole – meccanismi di riduzione del deficit e del debito
I paesi con un debito eccessivo saranno tenuti a ridurlo in media dell’1% all’anno se il loro debito è superiore al 90% del Pil, e dello 0.5% in media all’anno se è compreso tra il 60% e il 90%. Se il deficit di un paese è superiore al 3% del PIL, dovrebbe essere ridotto durante i periodi di crescita per raggiungere l’1.5% e creare un buffer di spesa per le difficili condizioni economiche.

Più spazio per respirare

Le nuove norme contengono diverse disposizioni per concedere più respiro. In particolare, concedono tre anni in più rispetto ai quattro standard per raggiungere gli obiettivi del piano nazionale. I deputati hanno assicurato che questo tempo aggiuntivo possa essere concesso per qualunque motivo il Consiglio ritenga opportuno, e non solo se vengono soddisfatti criteri specifici, come inizialmente proposto.

Migliorare il dialogo e la proprietà

Su richiesta dei deputati, i paesi con un disavanzo o debito eccessivo possono richiedere un processo di discussione con la Commissione prima che questa fornisca indicazioni sul percorso di spesa. Ciò darebbe maggiori opportunità al governo di far valere le proprie ragioni, soprattutto in questo punto cruciale del processo . Uno Stato membro può richiedere la presentazione di un piano nazionale rivisto se esistono circostanze oggettive che ne impediscono l’attuazione, ad esempio un cambio di governo.

Il ruolo delle istituzioni fiscali nazionali indipendenti, incaricate di verificare l'idoneità dei bilanci governativi e delle proiezioni fiscali, è stato notevolmente rafforzato dagli eurodeputati, con l'obiettivo che questo ruolo maggiore contribuisca a rafforzare ulteriormente il consenso nazionale ai piani.

Citazioni dei correlatori

Markus Ferber (PPE, DE) ha dichiarato: “Questa riforma costituisce un nuovo inizio e un ritorno alla responsabilità fiscale. Il nuovo quadro sarà più semplice, più prevedibile e più pragmatico. Tuttavia, le nuove norme potranno rivelarsi un successo solo se adeguatamente attuate dalla Commissione”.

Margarida Marques (S&D, PT) ha affermato: “Queste regole offrono più spazio per gli investimenti, flessibilità per gli Stati membri per agevolare i loro aggiustamenti e, per la prima volta, assicurano una dimensione sociale “reale”. L’esenzione del cofinanziamento dalla regola della spesa consentirà di elaborare politiche nuove e innovative nell’UE. Ora abbiamo bisogno di uno strumento di investimento permanente europeo livello per integrare queste regole.

I testi sono stati adottati come segue:

Regolamento che istituisce il nuovo braccio preventivo del Patto di stabilità e crescita (PSC): 367 voti favorevoli, 161 contrari, 69 astenuti;

Regolamento che modifica la parte correttiva del PSC: 368 voti favorevoli, 166 voti contrari, 64 astenuti e

Direttiva che modifica i requisiti per i quadri di bilancio del

Stati membri: 359 voti favorevoli, 166 voti contrari, 61 astenuti.

Prossimi passi

Il Consiglio dovrà ora dare la sua approvazione formale alle norme. Una volta adottati, entreranno in vigore il giorno della loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'UE. Gli Stati membri dovranno presentare i primi piani nazionali entro il 20 settembre 2024.

Contesto: come funzioneranno le nuove regole

Tutti i paesi forniranno piani a medio termine che delineeranno i loro obiettivi di spesa e le modalità con cui verranno intrapresi gli investimenti e le riforme. Gli Stati membri con livelli elevati di deficit o debito riceveranno indicazioni pre-piano sugli obiettivi di spesa. Per garantire una spesa sostenibile, sono state introdotte garanzie di riferimento numerico per i paesi con debito o deficit eccessivi. Le norme aggiungeranno anche un nuovo obiettivo, vale a dire la promozione degli investimenti pubblici nei settori prioritari. Infine, il sistema sarà più adattato a ciascun paese caso per caso piuttosto che applicare un approccio unico per tutti e terrà conto meglio delle preoccupazioni sociali.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -