12.3 C
Bruxelles
Sabato, Maggio 25, 2024
Diritti umani"Attualmente non è sicuro tornare" in Bielorussia, sente il Consiglio per i diritti umani

"Attualmente non è sicuro tornare" in Bielorussia, sente il Consiglio per i diritti umani

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Concentrandosi sugli sviluppi nel 2023, il rapporto si basa su risultati precedenti all’indomani delle grandi proteste pubbliche scoppiate nel 2020 a seguito di un contestato voto presidenziale. 

Nonostante la mancanza di cooperazione da parte delle autorità bielorusse, l’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR), le prove raccolte dimostrano che la portata e la tipologia delle violazioni sono continuate.

“L’Ufficio ha riscontrato che l’effetto cumulativo delle violazioni della libertà di espressione, associazione e riunione dal 1° maggio 2020 ha chiuso lo spazio civico indipendente e hanno di fatto privato le persone in Bielorussia della capacità di esercitare tali diritti", ha affermato Christian Salazar Volkmann, direttore delle operazioni sul campo e della cooperazione tecnica presso l'OHCHR, informando il gruppo Consiglio per i diritti umani.

Bloccata l'opposizione

Lo ha notato nessun partito di opposizione potrebbe nemmeno registrarsi per le elezioni parlamentari tenutesi il mese scorso, sollevando preoccupazioni mentre la Bielorussia si avvicina alle nuove elezioni presidenziali del prossimo anno.

Le leggi adottate o modificate dal 2021 hanno portato all’oppressione e alla punizione delle voci dell’opposizione, mentre diversi eminenti difensori dei diritti umani, giornalisti e sindacalisti hanno ricevuto lunghe pene detentive.

Migliaia sono stati arrestati arbitrariamente e detenuti per aver esercitato la libertà di espressione e di riunione, alcuni per azioni risalenti al 2020. Gli arresti sono continuati nel 2024.

Trattamento degradante in detenzione

Dal 2020, migliaia di bielorussi hanno subito trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti nelle strutture di detenzione di tutto il Paese, afferma il rapporto. 

Si sono verificati alcuni casi di tortura lesioni gravi e violenza sessuale e di genere. L’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite ha inoltre riscontrato violazioni del diritto alla vita dovute a negligenza medica e due decessi registrati in custodia nel 2024.

Esprimendo allarme per possibili sparizioni forzate di noti membri dell'opposizione che stavano affrontando accuse motivate politicamente, i funzionari delle Nazioni Unite hanno esortato le autorità a fornire informazioni sulla loro sorte e dove si trovano. 

Bambini arrestati

Con molti giovani alla guida delle proteste del 2020, l’OHCHR ha riscontrato in seguito diffusi arresti arbitrari di bambini, con oltre 50 processi penali a sfondo politico contro minori di 18 anni privi delle tutele garantite dal diritto internazionale.

Le autorità hanno utilizzato il pretesto della procedura per “situazioni socialmente pericolose”. allontanare i figli dai genitori, lasciandone alcuni senza cure o in custodia di parenti o amici.

Non è sicuro tornare 

Da maggio 300,000, fino a 2020 bielorussi sono stati costretti ad andarsene, stima il rapporto, con il governo che limita i diritti delle persone in esilio, impedendo tra l'altro il rilascio di passaporti all'estero e una politica di arresto dei rimpatriati. 

“Secondo quanto riferito, almeno 207 persone sono state arrestate nel 2023 al loro ritorno in Bielorussia e gli arresti sono continuati nel 2024. Attualmente non è sicuro per coloro che sono in esilio tornare in Bielorussia”, ha affermato Volkmann, invitando gli Stati membri a facilitare la protezione internazionale dei rifugiati per coloro che sono in esilio.

Il rapporto dice che ci sono fondati motivi per ritenere che “potrebbe essere stato commesso il crimine contro l’umanità della persecuzione”.".

L'OHCHR esorta la Bielorussia a rilasciare tutte le persone detenute arbitrariamente e a porre fine alle continue violazioni dei diritti, invitando al contempo gli Stati membri a fare tutto il possibile per riportare la Bielorussia al rispetto del diritto internazionale. 

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -