15.7 C
Bruxelles
Thursday, June 13, 2024
NotizieIl primo farmaco che rallenta la malattia di Alzheimer esiste già, ma perché i medici...

Il primo farmaco che rallenta la malattia di Alzheimer esiste già, ma perché i medici sono scettici?

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Nove mesi dopo la sua introduzione negli Stati Uniti, il farmaco contro l'Alzheimer Leqembi, prodotto da Eisai e Biogen, è disponibile incontro significativa resistenza alla sua adozione diffusa, in gran parte dovuta allo scetticismo di alcuni medici sull’efficacia del trattamento di questa malattia degenerativa del cervello.

Nonostante sia il primo farmaco che ha dimostrato di rallentare la progressione dell'Alzheimer, i dubbi radicati tra gli operatori sanitari sull'utilità del trattamento della malattia si stanno rivelando un grosso ostacolo.

Gli specialisti dell'Alzheimer inizialmente si aspettavano sfide legate al protocollo impegnativo di Leqembi, che comprende test diagnostici aggiuntivi, infusioni bimestrali e scansioni cerebrali regolari per monitorare gli effetti collaterali potenzialmente gravi. In effetti, questi requisiti hanno contribuito alla lenta adozione del farmaco dopo la sua approvazione da parte della Food and Drug Administration statunitense, come evidenziato dalle discussioni con 20 neurologi e geriatri in varie regioni degli Stati Uniti.

Secondo Reuters, sette medici hanno espresso la loro esitazione a prescrivere Leqembi, citando dubbi sull'efficacia del farmaco, sul suo costo e sui rischi associati. Inoltre, un gruppo di sei massimi esperti nel campo ha indicato che il “nichilismo terapeutico” – la percezione che l'Alzheimer sia una condizione insormontabile – sta avendo un impatto più significativo del previsto nel limitare l'entusiasmo tra medici di base, geriatri e neurologi. Questo scetticismo sta influenzando la loro volontà di indirizzare i pazienti a specialisti della memoria per un potenziale trattamento con Leqembi.

Alcuni esperti affermano che la riluttanza di alcuni medici potrebbe derivare dal lungo periodo di dubbio che ha offuscato l'efficacia di prendere di mira la proteina beta amiloide dell'Alzheimer per rallentare la progressione della malattia. Prima dei risultati incoraggianti dello studio Leqembi, molti in campo medico consideravano infruttuosa questa direzione di ricerca.

Altri professionisti medici hanno sollevato preoccupazioni riguardo agli effetti collaterali di Leqembi, come gonfiore ed emorragia cerebrale, oltre ai costi legati al prezzo annuale di $ 26,500, alle risonanze magnetiche frequenti e alle infusioni bimestrali.

Leqembi è stato il primo farmaco mirato all'amiloide a ricevere la piena approvazione della FDA dopo aver dimostrato un rallentamento del 27% nel declino cognitivo tra i pazienti con Alzheimer in stadio iniziale durante gli studi clinici. Nonostante l’obiettivo iniziale di curare 10,000 americani entro la fine di marzo, solo poche migliaia avevano iniziato il trattamento entro la fine di gennaio, come riportato da Eisai, il cui portavoce ha rifiutato di fornire dati aggiornati.

L’adozione di nuovi farmaci, anche di quelli che non richiedono cambiamenti significativi nella pratica medica, è tristemente lenta. La ricerca ha dimostrato che possono essere necessari in media 17 anni affinché la ricerca clinica diventi una pratica di routine. L'Alzheimer colpisce oltre 6 milioni di americani, ma meno della metà dei neurologi statunitensi raccomandano Leqembi ai propri pazienti, secondo un sondaggio di gennaio condotto da Life Scienza ricercatore di mercato Spherix Global Insights.

Scritto da Alius Noreika

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -