18.5 C
Bruxelles
Sabato, Maggio 18, 2024
ReligioneCristianesimoCosta del Capo. Lamenti dal Global Christian Forum

Costa del Capo. Lamenti dal Global Christian Forum

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

Di Martin Hoegger

Accra, 19 aprile 2024. La guida ci avverte: la storia di Cape Coast – a 150 km da Accra – è triste e rivoltante; dobbiamo essere forti per sopportarlo psicologicamente! Questa fortezza costruita nel XVII secolo dagli inglesi ha ricevuto la visita di circa 17 delegati del Global Christian Forum (GFM)

Visitiamo i passaggi sotterranei, alcuni senza lucernario, dove erano ammassati gli schiavi in ​​transito verso le Americhe. Che contrasto con la grande stanza del governatore con nove finestre e la sua luminosa camera da letto con cinque finestre! Sopra questi luoghi oscuri, una chiesa anglicana costruita dalla “Società per la propagazione del Vangelo”. “Dove si cantava l’alleluia, mentre di sotto gli schiavi gridavano la loro sofferenza”, spiega la nostra guida!

La cosa più preoccupante è la giustificazione religiosa della schiavitù. Oltre alla chiesa fortezza e alla cattedrale metodista a poche centinaia di metri, ecco questa iscrizione in olandese sulla sommità di una porta, in un'altra fortezza situata non lontano dalla nostra, mostratami da un partecipante che l'ha visitata: “The Il Signore scelse Sion, desiderò farne la sua dimora” Cosa voleva dire la persona che ha scritto questa citazione dal Salmo 132, versetto 12? Un'altra porta porta la scritta “porta del non ritorno”: portati nelle colonie, gli schiavi perdevano tutto: la loro identità, la loro cultura, la loro dignità!

Per celebrare i 300 anni dalla costruzione di questa fortezza, l'African Genesis Institute ha posto una targa commemorativa con questa citazione da un passaggio del libro della Genesi: “(Dio) disse ad Abramo: Sappi che i tuoi discendenti soggiorneranno come immigrati in un paese quello non è loro; là saranno schiavi e saranno afflitti per quattrocento anni. Ma io giudicherò la nazione di cui sono stati schiavi, e allora usciranno con grandi possedimenti”. (15.13-14)

Nella cattedrale metodista di Cape Coast

La domanda che avevo in mente quando sono entrato in questa cattedrale contemporanea della tratta degli schiavi è stata posta da Casely Essamuah, il segretario generale della GFM: “dove continuano oggi questi orrori? »

Viene poi condotta una “preghiera di lamento e riconciliazione” alla presenza del vescovo metodista locale. Questo versetto del Salmo 130 dà il tono alla celebrazione: «Dal profondo gridiamo a te. Signore, ascolta la mia voce» (v.1). La predicazione è tenuta dal Rev. Merlyn Hyde Riley della Jamaica Baptist Union e vice moderatore del comitato centrale del Consiglio ecumenico delle chiese. Si identifica come una “discendente di genitori schiavi”. Basandosi sul libro di Giobbe, mostra che Giobbe protesta contro la schiavitù, con la difesa della dignità umana come principio fondamentale, contro ogni previsione. L’imperdonabile non può essere scusato, né l’ingiustificabile giustificato. “Dobbiamo riconoscere i nostri fallimenti e lamentarci come Giobbe, e riaffermare la nostra comune umanità, creata a immagine di Dio”, ha detto.

Il prossimo, Setri Nyomi, segretario generale ad interim della Comunione mondiale delle chiese riformate, insieme ad altri due delegati delle chiese riformate, ha ricordato la Confessione di Accra pubblicata nel 2004, che denunciava la complicità dei cristiani nell'ingiustizia. “Questa complicità continua e ci chiama oggi al pentimento”.

Per quanto riguarda i Rosemarie Wenner, vescovo metodista tedesco, ricorda che Wesley prese posizione contro la schiavitù. Tuttavia, i metodisti lo hanno compromesso e giustificato. Sono necessari il perdono, il pentimento e la restaurazione: «Lo Spirito Santo ci conduce non solo al pentimento ma anche alla riparazione», precisa.

La celebrazione è stata scandita da canzoni, tra cui la commovente “Oh libertà”, composta da uno schiavo delle piantagioni di cotone americane:

Oh Oh Libertà / Oh Oh Libertà su di me
Ma prima di essere schiavo / sarò sepolto nella mia tomba
E torna a casa dal mio Signore e sii libero

Echi dalla visita a Cape Coast

Questa visita ha segnato l'incontro del GCF. Diversi oratori hanno successivamente espresso l'impressione che ciò ha suscitato in loro. Mons. Flavio Pace, segretario del Dicastero per la Promozione dell'Unità dei Cristiani (Vaticano), racconta che durante la Settimana Santa ha pregato nel luogo dove Gesù era rinchiuso, sotto la chiesa di S. Pietro in Gallicante, a Gerusalemme, con il Salmo 88: «Hai messo io nella fossa più profonda, negli abissi più oscuri”. (v.6). Pensò a questo salmo nella fortezza degli schiavi. “Dobbiamo lavorare insieme contro ogni forma di schiavitù, testimoniare la realtà di Dio e portare la forza riconciliatrice del Vangelo”, ha affermato.

Meditando la “voce del buon pastore” (Gv 10), Lawrence Kochendorfer, vescovo luterano in Canada, ha detto: “Siamo stati testimoni degli orrori di Cape Coast. Abbiamo sentito le grida degli schiavi. Oggi esistono nuove forme di schiavitù su cui gridano altre voci. In Canada, decine di migliaia di indiani furono portati dalle loro famiglie in scuole residenziali religiose.

Il giorno dopo questa visita indimenticabile, Esmé Bowers dell’Alleanza Evangelica Mondiale si è svegliata con una canzone accorata sulle labbra, scritta dal capitano di una nave negriera: “Amazing Grace”. Divenne un ardente combattente contro la schiavitù.

Ciò che più ha toccato Michel Chamoun, Il vescovo siro-ortodosso in Libano, in questi giorni del Forum, si è posto questa domanda: “Come è stato possibile giustificare questo grande peccato della schiavitù? » Ogni schiavo è un essere umano con diritto di vivere con dignità e destinato alla vita eterna mediante la fede in Gesù. La volontà di Dio è che tutti siamo salvati. Ma esiste anche un’altra forma di schiavitù: essere prigioniero del proprio peccato. “Rifiutare di chiedere perdono a Gesù ti mette in una situazione terribile perché ha conseguenze eterne”, dice.

Daniele Okoh, dell'organizzazione delle Chiese africane costituite, vede nell'amore del denaro la radice della schiavitù, come di ogni iniquità. Se riusciamo a capirlo, possiamo chiedere perdono e riconciliarci.

Per il teologo evangelico indiano Riccardo Howell, il perdurante sistema delle caste in India ci porta a riaffermare con forza la verità dell'essere umano creato a immagine di Dio, secondo il primo capitolo della Genesi. Nessuna discriminazione è quindi possibile. Questo è ciò a cui ha pensato quando ha visitato Cape Coast.

Cari lettori, sollecitati a raccontare ciò che abbiamo visto in questo luogo orribile e poi vissuto nella Cattedrale di Cape Cost, vi consegno questo momento significativo del quarto incontro mondiale del Forum Cristiano, con le riflessioni che ha suscitato .

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -