20.6 C
Bruxelles
Domenica, Maggio 19, 2024
ColloquioSpettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni in Francia: verifica dei fatti

Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni in Francia: verifica dei fatti

Operazione Villiers-sur-Marne: testimonianza

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Operazione Villiers-sur-Marne: testimonianza

Operazione Villiers-sur-Marne: testimonianza

Il 28 novembre 2023, poco dopo le 6 del mattino, una squadra SWAT composta da circa 175 poliziotti con maschere nere, elmetti e giubbotti antiproiettile è scesa contemporaneamente su otto case e appartamenti separati a Parigi e dintorni ma anche a Nizza, brandendo semiautomatiche fucili. Sfondarono le porte d'ingresso e corsero su e giù per le scale, gridando ordini.

Questi luoghi ricercati sono stati utilizzati dai praticanti di yoga collegati alla scuola di yoga MISA in Romania per ritiri spirituali. Quella fatidica mattina, la maggior parte di loro era ancora a letto. Alcuni erano in cucina a bollire l'acqua per la tisana. La polizia mascherata ha ammanettato alcuni di loro, li ha fatti stare fuori senza cappotti né scarpe nel cortile gelido, poi li ha portati in autobus alla stazione di polizia.

Risultati di questa vasta operazione: alcune decine di persone sono state arrestate, 15 delle quali – 11 uomini e 4 donne, tutti di nazionalità rumena – sono state incriminate per “traffico di esseri umani”, “reclusione forzata” e “abuso di vulnerabilità”, in banda organizzata.

Gregorian Bivolaru (72), uno dei fondatori e leader spirituale di MISA, era tra gli arrestati ma nel suo caso era ricercato dalla Finlandia con l'accusa di abuso sessuale su donne finlandesi in Francia diversi anni fa. Nell’ambito di un documento di ricerca intitolato “Le controversie attorno al Centro Natha Yoga di Helsinki: contesto, cause e contesto”, la defunta prof.ssa Liselotte Frisk (Università di Dalarna, Falun, Svezia) ha indagato approfonditamente sulle accuse contro Bivolaru in Finlandia (pagg. 20, 21, 27).

Finché una decisione del tribunale non avrà confermato le accuse, Gregorian Bivolaru dovrà continuare a godere della presunzione di innocenza, come ogni comune cittadino o personaggio pubblico famoso.

Nessuna donna interrogata nell’ambito dell’operazione SWAT del 23 novembre 2023 ha sporto denuncia contro di lui.

Dopo il raid, Bivolaru e altre cinque persone sono rimaste in custodia cautelare in Francia.

Human Rights Without Frontiers ha contattato la signora CC (*), una professionista MISA da 20 anni. Si trovava al centro yoga di Villiers-sur-Marne al momento del raid. Nel 2002-2006 ha studiato presso la Facoltà di Storia e Filosofia dell'Università Babeș-Bolyai, Cluj-Napoca (Romania). Nel 2005-2006 è stata giornalista presso il quotidiano nazionale Romania Liberă. Ecco la sua testimonianza sull'operazione SWAT:

D.: Sono 20 anni che pratichi yoga nel gruppo MISA in Romania ma mentre eri in ritiro spirituale a Villiers-sur-Marne, c'è stata un'operazione Swat contro il gruppo. Puoi dirmi cosa è successo?

A.: Sono stato molte volte in Francia per ritiri di questo tipo dal 2010 e mi è piaciuto molto. Per questo motivo l'anno scorso avevo programmato di restare ancora due mesi a Villiers-sur-Marne, da fine settembre a fine novembre. Ho prenotato un volo per Parigi e gli amici sono venuti a prendermi all'aeroporto per portarmi al centro yoga.

Di prima mattina, una squadra SWAT ha fatto un ingresso spettacolare nel nostro centro dove decine di praticanti di yoga erano ospitati per il loro ritiro. I poliziotti hanno messo tutto sottosopra, creando un disordine terribile e rompendo anche molte cose.

Nel mio caso mi hanno portato via le borse, i documenti, il telefono, il tablet, il computer, una busta con 1000 euro e il portafoglio con circa 200 euro. Quattro mesi dopo, non mi sono ancora stati restituiti i miei soldi e il mio materiale. Faceva freddo nella mia stanza perché la porta era aperta ed ero solo in pigiama. Gli agenti hanno portato me e molti altri alla stazione di polizia.

D.: Cos'è successo alla Questura?

A.: Innanzitutto devo dire che indossavo semplicemente il pigiama, un cappotto e un paio di scarpe da strada. Quando siamo arrivati ​​alla stazione di polizia, nessuno mi ha spiegato nulla sulla procedura, sull’accesso al cibo e all’acqua o su altre cose basilari. Spesso avevo bisogno di bere, ma ricevevo solo un piccolissimo bicchiere d'acqua di plastica. C'è stato anche un malinteso riguardo al cibo. Mi hanno messo in una cella fredda con il pavimento di cemento. Sul letto c'era un materasso sottile e ho preso solo un lenzuolo sottile. Non c'era il bagno nella cella, non potevo lavarmi la mattina o lavarmi i denti.

Ogni volta che dovevo andare in bagno dovevo salutare la telecamera di sorveglianza interna ma molto spesso dovevo aspettare una o due ore prima che qualcuno si prendesse cura di me. La toilette non poteva essere chiusa bene e fuori c'era un poliziotto.

Mi è stato detto che ero sospettato di complicità in stupro e tratta. Volevo essere assistito da un avvocato ma mi hanno risposto che era impossibile perché erano state arrestate troppe persone e dopo due ore avrebbero potuto iniziare l'interrogatorio se non ci fosse stato un avvocato disponibile.

Il secondo giorno della mia detenzione, mi hanno preso le impronte digitali e la foto. Durante l'interrogatorio era chiaro che volevano che dicessi che stavo ricoprendo un ruolo importante nel MISA, ma non era così. Mi hanno rilasciato alle 9.30:XNUMX ma prima ho dovuto firmare un modulo di liberatoria in cui non veniva menzionato alcun elenco degli oggetti sequestrati o l'importo del denaro confiscato. Purtroppo non ne ho ricevuto una copia.

Senza soldi e senza telefono, sono rimasto fuori dalla stazione di polizia in quella fredda notte di fine novembre per quasi 9 ore, fino alle 6 del mattino, quando finalmente ho potuto raggiungere qualcuno che poteva aiutarmi.

D.: Franck Dannerelle, il capo dell'Ufficio centrale per la repressione della violenza contro le persone (OCRVP) incaricato delle indagini, è stato citato da alcuni giornali francesi dicendo che i praticanti di yoga erano “ospitato in condizioni difficili, con notevole promiscuità, senza privacy.” (**) Puoi dirmi di più sulle tue condizioni di vita a Villiers-sur-Marne?

R.: Non è affatto vero. Nel mio caso, avevo scelto di vivere in un piccolo e confortevole padiglione (circa 7 metri quadrati) esterno all'edificio principale perché volevo praticare il mio ritiro yoga da solo e meditare in silenzio, a volte senza dormire né mangiare per 24 ore.

2024 04 16 10.09.52 Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni in Francia: verifica dei fatti
Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni in Francia: verifica dei fatti 3

Altri avevano scelto di condividere una camera da letto nella casa principale: 2, 3 o 4 insieme, uomini e donne separatamente. L'edificio appartiene a Sorin Turc, violinista che ha suonato nell'orchestra di Monaco ed è sostenitore del MISA. È spazioso e confortevole: ci sono abbastanza bagni e docce per i praticanti di yoga. C'è una grande sala per la pratica collettiva dello yoga. C'è una grande cucina con fornelli, due grandi congelatori, un distributore di bevande con spremiagrumi, tostapane e altri servizi come lavatrici e asciugatrici.

2024 04 16 10.10.38 Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni in Francia: verifica dei fatti
Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni in Francia: verifica dei fatti 4

Per i nostri pasti, andavamo al supermercato locale per fare la spesa e preparavamo il cibo da soli.

Se le condizioni di vita fossero state così pessime come diceva Danerolle, non ci sarebbero così tanti praticanti e non sarei mai tornata così tante volte a Villiers-sur-Marne.

Al momento del raid il Natale era nell'aria e molte decorazioni erano già state installate. Tutto sembrava a posto, ma dopo l'operazione SWAT, i locali erano rimasti in un disastro disastroso.

D. Come mai sei entrato a far parte del gruppo MISA yoga?

R.: Adesso ho 39 anni ma da adolescente ero, e sono tuttora, alla ricerca della verità sul senso della vita e sull'esistenza di Dio. All'età di 16 anni feci addirittura un ritiro di due mesi in un monastero ortodosso e volevo diventare suora. Poi ho incontrato i battisti. Successivamente, i seguaci indù e Hare Krishna prima di entrare in contatto con il gruppo yoga MISA. Ero attratto dalla meditazione e dalla spiritualità. Credo in Dio, sono ortodosso e mi trovo bene con MISA.

A proposito di una certa copertura mediatica: la presunzione di colpevolezza

Un certo numero di media francesi si sono scatenati nella copertura dell'intera vicenda e hanno tenuto un proprio tribunale, come possono mostrare alcuni dei loro titoli deliranti, sebbene nessun tribunale francese abbia stabilito la verità sui presunti fatti in questa fase:

L'homme qui a contribué à faire tomber la secte de yoga tantrique / L'uomo che ha contribuito a far crollare la setta dello yoga tantrico
Viols, lavage de cerveau, yoga tantrique: l'effrayant parcours de Gregorian Bivolaru, le gourou roumain mis en examen et écroué en France / Stupro, lavaggio del cervello, yoga tantrico: lo spaventoso viaggio di Gregorian Bivolaru, il guru rumeno incriminato e imprigionato in Francia.
Secte Misa: « Le gourou Bivolaru aurait pu faire de moi ce qu'il voulait » / Misa Cult: “Guru Bivolaru avrebbe potuto fare di me quello che voleva”
Viols, fuite et yoga ésotérique: qui est le gourou Gregorian Bivolaru arrêté ce mardi? / Stupro, fuga e yoga esoterico: chi è il guru Gregorian Bivolaru arrestato questo martedì?
Agressions sexuelles sur fond de yoga tantrique: un gourou interpellé en France. “Il préférait les vierges”: des Victimes du gourou Bivolaru témoignent / Violenze sessuali sullo sfondo dello yoga tantrico: arrestato un guru in Francia. “Preferiva le vergini”: testimoniano le vittime del guru Bivolaru

Due punti comuni di tutti questi articoli. In primo luogo, gli autori non sono riusciti a incontrare e intervistare i praticanti di yoga che sono stati arrestati e detenuti per interrogatori (“garde à vue”) per un massimo di 48 ore. In secondo luogo, hanno fatto eco a pettegolezzi e affermazioni non provate, che non sono giornalismo e sfigurano la nobile immagine del giornalismo.

Ci sono standard etici nel giornalismo e in Francia esiste un’autorità superiore responsabile di garantirne il rispetto.

Nel 2016, la copertura mediatica delle questioni MISA in Romania è stata oggetto di un documento di ricerca intitolato “L’effetto della campagna mediatica persistente sulla percezione pubblica – Caso di studio MISA e Gregorian Bivolaru" e pubblicato da Giornale mondiale delle scienze sociali e umanistiche. Gli studiosi francesi di studi religiosi sarebbero ben ispirati a realizzare uno studio comparativo sullo stesso argomento nel loro paese.

Human Rights Without Frontiers difende la libertà di stampa e la libertà di espressione dei giornalisti ma combatte anche l'incitamento all'odio, le fake news e la stigmatizzazione. Human Rights Without Frontiers difende il rispetto del principio della presunzione di innocenza e riconosce le decisioni definitive dei tribunali come verità giudiziaria.

(*) Per rispetto della privacy dell'intervistata, mettiamo solo le sue iniziali ma abbiamo il suo nome completo e i suoi dati di contatto.

(**) Il centro di ritiri spirituali di Villiers-sur-Marne non è mai stato accusato e nemmeno sospettato di condizioni antigeniche. Vedi il galleria di immagini del posto.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -