14.7 C
Bruxelles
Martedì, 28, 2024
ReligioneCristianesimo"Che il mondo possa saperlo." L'invito del Global Christian Forum.

"Che il mondo possa saperlo." L'invito del Global Christian Forum.

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

Di Martin Hoegger

Accra, Ghana, 19 aprile 2024. Il tema centrale del quarto Global Christian Forum (GCF) è tratto dal Vangelo di Giovanni: “Perché il mondo conosca” (Gv 17). In molti modi l'assemblea ha approfondito questo grande testo, dove Gesù prega per l'unità dei suoi discepoli inviandoli nel mondo.

Questo forum aveva una grande logica. Il primo giorno abbiamo affermato che solo Cristo ci unisce. La seconda, con la visita alla fortezza di Cape Coast da dove passavano milioni di schiavi, abbiamo confessato la nostra infedeltà alla volontà di Dio. Il terzo giorno abbiamo riconosciuto il nostro bisogno di essere perdonati e guariti prima di essere inviati. L'invio è il tema del quarto giorno.

L’amore è il cemento dell’ecumenismo

Non è un caso che Giovanni 17 sia stato scelto come testo chiave. Infatti, «se la Bibbia è un santuario, Giovanni 17 è il “sancta sanctorum”: rivelazione di un dialogo intimo tra il Padre e il Figlio fatto carne», dice Ganoun Diop, della Chiesa avventista in Senegal. È un mistero grande: Gesù ci ha amato affinché rinascessimo a vita nuova. GCF è uno strumento che Dio usa per portare il Suo amore. E l'amore è il cemento dell'ecumenismo!

Nel Catherine Shirk Lukas, professore all'Università Cattolica di Parigi, il movimento ecumenico è un movimento d'amore perché Gesù ha pregato affinché l'amore divino si diffondesse nel mondo (Gv 3.16). “Che il mondo sappia”: questa promessa è innanzitutto per coloro che sono stati vittime di violenze e abusi. “Dobbiamo ascoltarli, vederli e sostenerli, essendo umili e pentendoci dei nostri errori”.

Il ghanese Gertrude Fefoame è coinvolta nella rete per i disabili del Consiglio Ecumenico delle Chiese. Lei stessa è cieca e testimonia che ci sono ancora molte barriere per accoglierli nella comunità: «Il perdono e la guarigione donata da Cristo sono una liberazione. Libera da ogni discriminazione e include le persone con disabilità”.

Per l'arcivescovo copto ortodosso Angelos, La chiamata di Gesù all'unità è una sfida che richiede pazienza e gentilezza. “Dobbiamo funzionare come un corpo con Cristo a capo. Ciò significa considerare le altre parti di questo organismo nelle nostre decisioni”. La preghiera di Gesù in Giovanni 17 lo chiama a vivere la verità che il Figlio di Dio è venuto affinché potessimo avere la vita in pienezza. Siamo ministri della sua riconciliazione affinché il mondo veda Lui e non noi.

La metodologia efficace del Forum

Ciò che piace Vittorio Lee, pentecostale della Malesia, è la metodologia di condivisione dei cammini di fede nel Forum. Permette ai pentecostali di far conoscere Gesù collaborando con le altre Chiese, attraverso la forza dello Spirito.

Teologo Riccardo Howell, dall'India, riconosce che queste condivisioni hanno trasformato la sua vita. “Dopo che mia madre fu miracolosamente guarita quando avevo 12 anni, diventai un pentecostale. Pensavo che solo i pentecostali fossero salvati. Sentendo cristiani di altre chiese condividere la loro fede al Forum, ho chiesto a Dio di perdonare la mia ignoranza. Ho scoperto fratelli e sorelle e che mi mancavano 2000 anni di eredità cristiana. È stata una nuova conversione”.

Allo stesso modo, un leader di una Chiesa africana indipendente ha scoperto la ricchezza dell’ascolto di storie di fede. “Mi sono reso conto che abbiamo la stessa fede in Cristo. Se cominciamo ad ascoltarci a vicenda, ci ameremo e supereremo le nostre separazioni”.

La metodologia del Forum abbina anche le presentazioni a momenti di dialogo tra sei e otto persone attorno ad un tavolo. Questo “lavoro a maglia” è molto efficace per conoscersi meglio a livello personale. Siamo stati quindi invitati a condividere queste tre domande: “Cosa vuoi che il mondo sappia? Come hai conosciuto Cristo? Come fai conoscere Cristo? » E, al termine dell'incontro, quest'altra domanda: «Che ispirazione hai ricevuto in questi giorni e che vorresti trasmettere a casa tua?»

Una strada verso Emmaus

La storia dei due discepoli in cammino verso Emmaus è al centro di ciò che cerca il Global Christian Forum. Per Arcivescovo Flavio Pace, segretario del dicastero per la promozione dell'unità dei cristiani, simboleggia la Chiesa in cammino, unita da Cristo. È lui che deve essere messo al centro, ed è con Lui che dobbiamo aprire le Scritture. Riflettendo sul recente sinodo della Chiesa cattolica, afferma che non può esserci un vero sinodo senza la dimensione ecumenica. La veglia di preghiera “Insieme” in Vaticano ha dato un segnale forte in questa direzione.

In due occasioni i delegati sono stati invitati ad un “Cammino Emmaus” per conoscere una persona che ancora non conoscevamo. Quanto a me, ho camminato con Sharaz Alam, giovane pastore, segretario generale della Chiesa Presbiteriana del Pakistan, nel parco annesso al centro congressi, poi all'ombra di grandi alberi attorno a una bibita fresca. Abbiamo condiviso il significato della storia di Emmaus. Mi ha parlato anche del suo lavoro di evangelizzazione con i 300 giovani della sua parrocchia e del suo progetto di dottorato sulle sfide che l'Islam pone alla Chiesa nel suo Paese.

La storia di Emmaus è al centro anche della spiritualità dei Focolari, che sottolinea l'importanza di sperimentare la presenza di Cristo in mezzo a noi. È presentato da Enno Dijkema, condirettore del Centro per l'Unità di questo grande movimento cattolico, aperto ai membri di altre Chiese. Il suo scopo, infatti, è quello di contribuire a realizzare il “testamento di Gesù” di Giovanni 17. Alla base c'è il Vangelo, in particolare il comandamento nuovo dell'amore reciproco donato da Cristo.

Infine, l’orizzonte del 2033 è come un cammino verso Emmaus verso il giubileo dei 2000 anni della risurrezione di Gesù. Gli svizzeri Olivier Fleury, presidente dell'iniziativa JC2033, parla con passione della meravigliosa opportunità di testimonianza nell'unità che questo Giubileo rappresenta… “affinché il mondo sappia” che Gesù-Cristo è risorto!

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -