18.4 C
Bruxelles
Thursday, May 23, 2024
EuropaOrganizzazioni religiose che migliorano il mondo attraverso il lavoro sociale e umanitario

Organizzazioni religiose che migliorano il mondo attraverso il lavoro sociale e umanitario

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Una conferenza al Parlamento Europeo per rendere il mondo migliore

Le attività sociali e umanitarie delle organizzazioni religiose o di credo minoritarie nell’UE sono utili per i cittadini e la società europei, ma sono troppo spesso ignorate dai leader politici e dai media.

Willy Fautre Organizzazioni religiose che migliorano il mondo attraverso il lavoro sociale e umanitario

Questo è stato il messaggio inviato da un'ampia gamma di relatori provenienti da diversi contesti religiosi e di credo Vertice Fede e Libertà III ospitato al Parlamento Europeo a Bruxelles il 18 aprile.

Tuttavia, il lavoro di queste organizzazioni minoritarie con le loro campagne di sensibilizzazione sul cambiamento climatico o contro la droga, i loro programmi di aiuto ai rifugiati e ai senzatetto, sui luoghi dei terremoti e di altri disastri naturali, merita di essere evidenziato, riconosciuto e conosciuto al fine di sfuggire all’invisibilità e alla stigmatizzazione talvolta infondata.

Nel quadro di questa conferenza, ho utilizzato il tempo del dibattito per condividere alcuni punti di vista e riflessioni dal punto di vista dei diritti umani che riassumo in modo strutturato di seguito.

Le attività sociali e umanitarie delle organizzazioni religiose o di credo vengono ignorate e messe a tacere

Le numerose presentazioni di portavoce di organizzazioni religiose e filosofiche minoritarie che hanno arricchito questa conferenza hanno evidenziato l'importanza e l'impatto delle loro attività umanitarie, caritative, educative e sociali per rendere il mondo un posto migliore in cui vivere. Hanno dimostrato anche di essere utili agli Stati dell'Unione Europea che non possono risolvere da soli tutti i problemi sociali senza il contributo di questo segmento della società civile.

Tuttavia, non c'è praticamente traccia delle loro attività nei media. Potremmo chiederci quali siano le ragioni di fondo di questa situazione. Il servizio sociale è una forma di espressione pubblica e visibile di queste organizzazioni. Esprimere la propria fede personale contribuendo a queste attività non dà fastidio a nessuno. Tuttavia, farlo in nome di un soggetto religioso è talvolta percepito dai movimenti laici e dai loro organi politici come competitivo con le proprie convinzioni filosofiche e come un potenziale pericolo di ritorno dell'influenza delle Chiese storiche che per secoli hanno dettato la loro legge agli Stati e i loro sovrani. Anche i media sono permeati da questa cultura di secolarizzazione e neutralità.

All’ombra di questa sfiducia, le minoranze religiose o filosofiche sono sospettate da questi stessi attori, ma anche dalle Chiese dominanti, di utilizzare le loro attività sociali e umanitarie come strumento di autopromozione pubblica e per attrarre nuovi membri. Ultimo ma non meno importante, alcune minoranze si trovano da più di 25 anni nelle liste nere delle cosiddette “sette” dannose e indesiderabili, redatte e approvate da numerosi Stati dell’UE e ampiamente diffuse dai media. Tuttavia, nel diritto internazionale, il concetto di “setta” non esiste. Inoltre, la Chiesa cattolica dovrebbe ricordare che la famosa Madre Teresa in India, nonostante il suo premio Nobel per la pace, è stata accusata di voler convertire gli intoccabili, e altri, al cristianesimo nei suoi ospedali e istituzioni educative cattoliche.

Ciò che è in questione qui è la libertà di espressione dei gruppi minoritari religiosi o filosofici come entità collettive e visibili, che non nascondono la propria identità nello spazio pubblico.

Queste organizzazioni religiose sono viste come “indesiderabili” in alcuni paesi europei e considerate una minaccia per l’ordine costituito e il giusto pensiero. La reazione degli ambienti politici e dei media è quindi quella di tacere sulle loro attività sociali e umanitarie costruttive come se non fossero mai esistite. Oppure, attraverso l’attivismo ostile a questi movimenti, essi vengono presentati in una luce del tutto negativa, come “è un proselitismo indebito”, “si tratta di reclutare nuovi membri tra le vittime”, ecc.

Verso società più inclusive nell’Unione europea

È necessario evitare fondamentalmente doppi standard nel trattamento politico e mediatico degli attori della società civile per evitare tensioni dannose e ostilità tra i gruppi sociali. La segregazione che porta alla frammentazione della società e al separatismo genera odio e crimini generati dall’odio. L'inclusività porta rispetto, solidarietà e pace sociale.

La copertura delle attività sociali, caritative, educative e umanitarie dei gruppi religiosi e filosofici deve essere equa. La giustizia deve essere resa, secondo il suo giusto valore e senza pregiudizi, a chiunque contribuisca al benessere dei cittadini dell’Unione europea.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -