13.5 C
Bruxelles
Sabato, Maggio 25, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteNotizie dal mondo in breve: Il capo dei diritti umani è sgomento per la legge anti-LGBT in Uganda e Haiti...

Notizie dal mondo in breve: Il capo dei diritti umani è sgomento per la legge anti-LGBT dell'Uganda, aggiornamenti su Haiti, aiuti al Sudan, allarme esecuzioni in Egitto

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

In una dichiarazione, Volker Türk ha esortato le autorità di Kampala ad abrogarla nella sua interezza, insieme ad altre leggi discriminatorie approvate dalla maggioranza parlamentare.

"Si dice che quasi 600 persone siano state sottoposte a violazioni e abusi dei diritti umani basati sul loro orientamento sessuale o sulla loro identità di genere, effettivi o imputati", da quando è stata promulgata lo scorso maggio, ha affermato Türk.

“Deve essere abrogato nella sua interezza altrimenti purtroppo questo numero non potrà che aumentare”.

Ha invitato i politici a difendere i diritti e la dignità di tutti, indipendentemente dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere.

“La criminalizzazione e l’applicazione della pena di morte alle relazioni consensuali tra persone dello stesso sesso sono contrarie agli obblighi dell’Uganda derivanti dal trattato internazionale sui diritti umani”.

Diritti costituzionali

Ha sottolineato che anche la stessa costituzione dell'Uganda richiede parità di trattamento e non discriminazione.

"È fondamentale che le autorità abroghino anche l'articolo 145 della legge sul codice penale, che prevede anche sanzioni penali per i rapporti sessuali consensuali tra persone dello stesso sesso", ha aggiunto, oltre a consacrare l'orientamento sessuale e l'identità di genere "come motivi vietati di discriminazione".

Türk ha affermato che è necessario che ci sia “un ambiente favorevole affinché tutti i difensori dei diritti umani – compresi i difensori dei diritti LGBTQ – possano svolgere il loro legittimo lavoro in materia di diritti umani”, anche consentendo loro di lavorare apertamente senza discriminazioni e di esercitare i loro diritti alla libertà di espressione, associazione e assemblea pacifica.

Sanità ad Haiti sotto attacco da parte di bande armate

Ospedali della capitale di Haiti sono stati sempre più attaccati da bande armate, alcune delle quali sono state saccheggiate nel mezzo dei disordini in corso, l'ufficio di coordinamento umanitario delle Nazioni Unite, OCHA, ha riferito mercoledì.

Un'équipe sanitaria mobile sostenuta dall'UNFPA visita un sito di sfollati vicino alla capitale di Haiti, Port-au-Prince.

Due strutture sanitarie a Port-au-Prince sono state costrette a chiudere, mentre altre due rimangono chiuse nonostante i piani di riapertura, dopo essere state chiuse a causa della crescente violenza.

Solo l'ospedale universitario La Paix rimane operativo nell'area della capitale ed è sottoposto a notevoli pressioni a causa della crescente domanda dei suoi servizi.

L'ospedale Delmas 18 e il centro sanitario Saint Martin sono stati entrambi saccheggiati il ​​26 e 27 marzo.

L’OPS, l’Organizzazione Panamericana della Sanità amministrata dalle Nazioni Unite, sta fornendo forniture essenziali come medicinali, carburante e assistenza logistica per aiutarla a mantenere i servizi in funzione.

Rastrellate le farmacie

Secondo l'OCHA, gruppi armati hanno anche preso di mira e fatto irruzione in circa 10 farmacie nella capitale di Haiti, ostacolando gravemente l'accesso del pubblico ai farmaci.

L’aumento della violenza ha avuto ripercussioni anche sul lavoro dei centri di assistenza contro l’HIV e la tubercolosi. Locale UNAIDS i servizi stanno collaborando con il Ministero della Salute di Haiti, dando priorità al test dell'HIV.

In un vuoto politico, da febbraio le potenti bande haitiane hanno lanciato attacchi coordinati contro vari obiettivi, tra cui stazioni di polizia, carceri, aeroporti e porti marittimi, provocando le dimissioni del primo ministro Ariel Henry tre settimane fa.

Mentre è in vigore lo stato di emergenza, un governo transitorio deve ancora essere istituito.

Martedì il Programma alimentare mondiale (WFP) ha distribuito pasti caldi a oltre 28,000 persone nella capitale e la settimana scorsa l'agenzia delle Nazioni Unite per la salute (OMS), l'agenzia per l'infanzia (UNICEF) e i partner locali hanno effettuato quasi 600 consultazioni nei siti di sfollamento.

Le Nazioni Unite in Sudan e nel Sud Sudan si uniscono per fornire aiuti cruciali

Rispondendo ai bisogni critici dei civili colpiti dalla guerra in corso in Sudan, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) squadre nazionali lì e nel vicino Sud Sudan hanno fatto squadra per fornire rifornimenti al Nilo Azzurro e ai Monti Nuba.

La crisi in corso ha ostacolato in modo significativo la capacità dell’ufficio dell’OMS in Sudan di accedere e fornire forniture mediche di emergenza essenziali alle due regioni, ha affermato l’OMS in una dichiarazione mercoledì.

Sfruttando le competenze logistiche dell’ufficio del Sud Sudan e le risorse disponibili, sono stati predisposti kit sanitari di emergenza provenienti dalle scorte esistenti nelle aree lungo il confine tra Sudan e Sud Sudan, garantendo un’assistenza tempestiva ed efficace a chi ne ha disperato bisogno.

Impegno alla collaborazione

Lo sforzo congiunto testimonia l’impegno di entrambi gli uffici nella collaborazione transfrontaliera e si prevede che le forniture sanitarie di emergenza inter-agenzia serviranno circa 830,000 persone nelle aree colpite dal conflitto del Nilo Azzurro e dei Monti Nuba per i prossimi tre mesi.

La spedizione è la seconda che l’OMS Sud Sudan è stata in grado di consegnare oltre confine dallo scoppio del brutale conflitto tra eserciti rivali quasi un anno fa.

L'invio delle forniture fa parte dei continui sforzi di soccorso dell'OMS a sostegno del popolo sudanese, ha affermato l'agenzia.  

L’Egitto deve fermare le esecuzioni, sollecitano gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite

Mercoledì un gruppo di esperti indipendenti delle Nazioni Unite sui diritti umani ha espresso grave preoccupazione dopo che la più alta corte egiziana ha condannato a morte sette persone a gennaio, nell'ambito della cosiddetta "Brigata Helwan" antiterrorismo. Custodie.

Le loro esecuzioni costituirebbero omicidi arbitrari in violazione del diritto alla vita a causa di processi iniqui e altre violazioni dei diritti umani, hanno affermato in una nota.

I presunti membri della Brigata Helwan sono stati accusati di aver preso di mira le forze di sicurezza in seguito al colpo di stato militare contro l'ex presidente democraticamente eletto Mohamed Morsi più di 10 anni fa.

Seguire il diritto internazionale

“La pena capitale può essere eseguita solo dopo un procedimento legale che garantisca tutte le tutele necessario dal diritto internazionale dei diritti umani”, il Consiglio per i diritti umani- hanno detto gli esperti nominati.

I casi riguardavano presumibilmente gravi violazioni del diritto internazionale, tra cui sparizioni forzate e detenzioni in incommunicado, tortura e confessioni forzate, rifiuto di accesso ad avvocati e visite familiari, detenzione preventiva prolungata, isolamento e processi di massa dinanzi a tribunali speciali per il terrorismo che non soddisfare gli standard del giusto processo.

“Inoltre, l’Egitto non è riuscito a indagare in modo indipendente ed efficace e a porre rimedio a queste presunte violazioni come richiesto dal diritto internazionale ed egiziano”, hanno affermato.

Le condanne a morte ulteriormente violare diritto internazionale perché si basano su condanne per reati terroristici vaghi ed eccessivamente ampi, hanno aggiunto gli esperti.

Esiste anche il rischio reale che le esecuzioni nella pratica possano costituire tortura proibita o trattamenti crudeli, inumani e degradanti.

"Esortiamo l'Egitto a fermare queste esecuzioni, a indagare in modo indipendente sulle presunte violazioni dei diritti umani e a rivedere i procedimenti giudiziari alla luce degli obblighi internazionali dell'Egitto", hanno affermato.

I relatori e gli altri esperti in materia di diritti delle Nazioni Unite sono indipendenti da qualsiasi governo, non fanno parte dello staff delle Nazioni Unite e non ricevono alcun compenso per il loro lavoro.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -