11.6 C
Bruxelles
Venerdì, Maggio 24, 2024
ReligioneFORBRussia, al bando i Testimoni di Geova dal 20 aprile 2017

Russia, al bando i Testimoni di Geova dal 20 aprile 2017

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Sede mondiale dei Testimoni di Geova (20.04.2024) – 20 aprileth segna il settimo anniversario della messa al bando nazionale dei Testimoni di Geova da parte della Russia, che ha portato all'incarcerazione di centinaia di credenti pacifici e ad alcuni brutalmente torturati.

I difensori internazionali dei diritti umani stanno accusando la Russia di perseguitare i Testimoni di Geova, il che ricorda stranamente la repressione che i Testimoni hanno dovuto affrontare durante l'era sovietica. Gli esperti affermano che la persecuzione dei Testimoni di Geova in Russia è stata il preludio al ritorno dell'oppressione stalinista su larga scala.

“È difficile credere che questo attacco a livello nazionale ai Testimoni di Geova continui da sette anni. Per ragioni che sfuggono alla comprensione, la Russia utilizza enormi risorse locali e nazionali per dare la caccia a Testimoni innocui, compresi quelli anziani e infermi, spesso irrompendo nelle loro case nelle prime ore del mattino o nel cuore della notte”, disse Jarrod Lopes, portavoce dei Testimoni di Geova.

“Durante queste irruzioni nelle case o durante gli interrogatori, uomini e donne innocenti vengono talvolta picchiati o addirittura torturati affinché rivelino i nomi e il luogo in cui si trovano i compagni di fede. I Testimoni vengono criminalizzati semplicemente perché leggono la Bibbia, cantano canzoni e parlano pacificamente della loro fede cristiana. Le autorità russe, nutrite da un infondato animismo nei confronti dei cristiani non ortodossi, continuano a calpestare in modo inconcepibile i diritti umani e la libertà di coscienza dei Testimoni. Pienamente consapevoli che la loro fede e integrità personali vengono attaccate, i Testimoni sono diventati determinati a restare fedeli alle loro convinzioni”.

Persecuzione in massa in Russia e Crimea dal divieto del 2017

  • Hanno fatto irruzione oltre 2,090 case di testimoni di Geova 
  • 802 uomini e donne sono stati accusati penalmente per la loro fede cristiana
  • 421 hanno trascorso qualche tempo dietro le sbarre (inclusi 131 uomini e donne attualmente in carcere)
  • 8 anni * è la pena detentiva massima, rispetto a 6 anni [Dennis Christensen è stato il primo ad essere giudicato colpevole (2019) e condannato al carcere]
  • Dopo la messa al bando, oltre 500 uomini e donne sono stati aggiunti alla lista federale degli estremisti/terroristi

In confronto:

  • Secondo l'Articolo 111 Parte 1 del Codice Penale della Federazione Russa, lesioni personali gravi disegna un pena massima di 8 anni
  • Secondo l'articolo 126, parte 1, del codice penale, rapimento porta a fino a 5 anni di reclusione.
  • Secondo l'articolo 131, parte 1, del codice penale, stupro è punibile con Da 3 a 6 anni di carcere.

Il divieto: domande frequenti

Come è iniziato tutto questo?

La legge federale russa “Sulla lotta alle attività estremiste” (n. 114-FZ) è stata adottata nel 2002, in parte per affrontare le preoccupazioni sul terrorismo. Tuttavia, la Russia ha modificato la legge nel 2006, 2007 e 2008 in modo che si estenda “ben oltre ogni timore di estremismo legato al terrorismo”, secondo l’articolo “La legge russa sull’estremismo viola i diritti umani," pubblicato in The Moscow Times.

La legge "si limita a sfruttare il vocabolario "terrorista" che è diventato comune a livello internazionale dopo l'assalto dell'9 settembre alle Torri Gemelle di New York, e lo usa per descrivere i gruppi religiosi indesiderati in tutta la Russia”, spiega Derek H. Davis, ex direttore del JM Dawson Institute of Church-State Studies presso la Baylor University. Quindi, "l'etichetta di "estremista" è stata usata ingiustamente e in modo sproporzionato contro i Testimoni di Geova", dice Davis.

Agli inizi degli anni 2000, le autorità russe iniziarono a bandire decine di pubblicazioni basate sulla Bibbia dei Testimoni in quanto “estremiste”. Le autorità hanno poi incastrato i Testimoni (vedi link1link2) piantando pubblicazioni vietate nei luoghi di culto dei Testimoni.

Ben presto venne creato il sito ufficiale dei Testimoni, jw.org vietatoe le spedizioni di Bibbie furono sequestrate. Questa campagna si è intensificata fino alla messa al bando a livello nazionale dei Testimoni di Geova nell'aprile 2017. Successivamente, decine di milioni di dollari delle proprietà religiose dei Testimoni sono stati confiscato.

Le cose sono peggiorate?

SÌ. La Russia sta emettendo alcune delle pene detentive più dure dal divieto del 2017. Ad esempio, il 29 febbraio 2024, Aleksandr Chagan, 52 anni, è stato condannato a otto anni di carcere, una punizione tipicamente riservata a coloro che infliggono gravi lesioni personali. Chagan è il sesto Testimone a ricevere una condanna così dura semplicemente per la pratica pacifica della sua fede cristiana. Al 1° aprile 2024, in Russia sono imprigionati 128 Testimoni.

Abbiamo riscontrato picchi anche nelle incursioni domestiche. Ad esempio, nel 183 sono state perquisite 2023 case di Testimoni, con una media di 15.25 case al mese. C'è stato un aumento nel febbraio 2024, con 21 raid segnalati.

"In genere, le incursioni nelle case vengono condotte da ufficiali armati per il combattimento mortale”, dice Jarrod Lopes, portavoce dei Testimoni di Geova. “I Testimoni vengono spesso trascinati giù dal letto e non completamente vestiti, mentre gli agenti registrano con arroganza tutto ciò. Le riprese video** di questi ridicoli raid sono diffuse su Internet e sui social media. La polizia locale e i funzionari dell'FSB vogliono creare uno spettacolo teatrale come se stessero rischiando la vita combattendo pericolosi estremisti. È una farsa assurda, con conseguenze disastrose! Durante le incursioni o durante gli interrogatori, alcuni testimoni di Geova sono stati brutalmente picchiati o torturati. Come puoi immaginare, questo non viene mai registrato. Tuttavia, i Testimoni di Geova non sono né sorpresi né intimiditi dalla sistematica persecuzione della Russia. È ben documentato nella storia della Russia, della Germania nazista e di altri paesi che la fede dei Testimoni è sempre sopravvissuta al regime persecutore. Ci aspettiamo che la storia si ripeta."

**Vedere metraggio sul sito ufficiale dello Stato

Repressione sovietica dei testimoni di Geova | Operazione Nord

Questo mese segna il 73rd anniversario dell'“Operazione Nord” – la più grande deportazione di massa di un gruppo religioso nella storia dell'URSS – in cui migliaia di testimoni di Geova furono deportati in Siberia.

Nell'aprile del 1951, circa 10,000 testimoni di Geova e i loro figli provenienti da sei repubbliche sovietiche (Bielorussia, Estonia, Lettonia, Lituania, Moldavia e Ucraina) furono sostanzialmente rapiti quando le autorità li deportarono in treni stipati nel paesaggio ghiacciato e desolato della Siberia. Questa deportazione di massa fu chiamata “Operazione Nord. "

In soli due giorni le case dei testimoni di Geova furono confiscate e i pacifici aderenti furono esiliati in remoti insediamenti della Siberia. Molti Testimoni dovevano lavorare in condizioni difficili e pericolose. Soffrivano malnutrizione, malattie e traumi mentali ed emotivi dovuti alla separazione dalle loro famiglie. La deportazione forzata provocò anche la morte di alcuni Testimoni.

Molti Testimoni furono finalmente rilasciati dall’esilio nel 1965, ma le loro proprietà confiscate non furono mai restituite.

Nonostante il tentativo del governo di eliminare circa 10,000 testimoni di Geova dalla regione, "l'Operazione Nord non ha raggiunto il suo obiettivo", secondo il dottor Nicolae Fustei, ricercatore scientifico coordinatore dell'Istituto di Storia della Moldavia. “L’organizzazione dei testimoni di Geova non fu distrutta e i suoi membri non smisero di promuovere la loro fede ma cominciarono invece a farlo con ancora più audacia”.

Dopo la caduta del regime sovietico il numero dei testimoni di Geova crebbe vertiginosamente.

Crescita esponenziale

Nel giugno 1992 i Testimoni ne ospitarono un gran numero convenzione internazionale in Russia a San Pietroburgo. Hanno partecipato circa 29,000 persone provenienti dall'ex Unione Sovietica insieme a migliaia di delegati da tutto il mondo.

La maggioranza dei Testimoni deportati durante l’Operazione Nord provenivano dall’Ucraina: oltre 8,000 da 370 insediamenti. Eppure, dal 6 all’8 luglio 2018, i Testimoni di Geova in Ucraina hanno accolto migliaia di persone per un’altra grande convenzione tenutosi a Leopoli, in Ucraina. Oltre 3,300 delegati provenienti da nove paesi si sono recati in Ucraina per il programma, che appropriatamente presentava il tema “Sii coraggioso”! Oggi ce ne sono più di 109,300 I Testimoni di Geova in Ucraina.

Visita qui per resoconti sull'impatto della persecuzione della Russia sui testimoni di Geova.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -