17.4 C
Bruxelles
Thursday, May 30, 2024
ReligioneCristianesimoLa Chiesa estone si discosta dall'idea del mondo russo che sostituisce...

La Chiesa estone, diversa dall'idea del mondo russo, sostituisce l'insegnamento evangelico

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Charlie W. Grease
Charlie W. Grease
CharlieWGrease - Reporter su "Living" per The European Times Notizie

Il Santo Sinodo della Chiesa estone non può essere accettato, l'idea del mondo russo sostituisce l'insegnamento evangelico

Il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa estone, che è una chiesa autonoma sotto il Patriarcato di Mosca, ha rilasciato il 2 aprile una dichiarazione che differisce dal documento programmatico adottato dal Consiglio mondiale del popolo russo, tenutosi alla fine di marzo nella Chiesa di Cristo la Chiesa del Salvatore nella capitale russa.

Questo è un altro russo chiesa giurisdizione fuori dai confini della Federazione Russa, che è costretta a spiegare ai suoi parrocchiani e alle autorità secolari locali se condivide le idee del centro politico ed ecclesiastico di Mosca.

Il documento “Presente e futuro del mondo russo” parla dell’elezione divina del popolo russo e dell’esistenza di un “mondo russo” i cui confini vanno oltre i confini della Federazione Russa e il cui centro visibile è Mosca. Mosca sta conducendo una “guerra santa” per la liberazione del “mondo russo” sul territorio del paese vicino, chiamato “terre russe sud-occidentali”. Le democrazie occidentali sono definite “sataniche” e nemiche del popolo russo eletto da Dio, destinato a salvare il mondo.

Il silenzio del metropolita estone Evgeni, al quale è stato negato il permesso di soggiorno in Estonia e che gestisce la diocesi a distanza da Mosca, è stato letto dalle autorità estoni come un accordo politico con questo documento.

Nel parlamento estone hanno sollevato la questione del perché, una settimana dopo l'emanazione del cosiddetto “nakaz” (decreto di esecuzione russo), la Chiesa ortodossa estone non si sia espressa in merito. Il deputato estone A. Kalikorm del principale partito “Patria” ha proposto di rescindere i fruttuosi contratti di locazione della Chiesa estone per somme simboliche per un periodo di 50 anni: “L'affittuario dichiara pubblicamente il suo desiderio di intraprendere una guerra santa contro il suo padrone di casa. Un tale inquilino deve liberare i locali a causa di un comportamento senza scrupoli e fermare qui le sue azioni anti-estoni. Il governo non ha altra scelta se non quella di rescindere il contratto e trasferire le proprietà alla Chiesa Ortodossa Apostolica Estone (Patriarcato di Costantinopoli). Ciò preserverà la possibilità per tutti i credenti ortodossi di continuare a servire Dio nelle chiese”.

A causa di queste e altre azioni delle autorità secolari, il Sinodo della Chiesa estone ha rilasciato una dichiarazione.

Nel comunicato si afferma innanzitutto che il documento è opera di un'organizzazione pubblica e non ecclesiastica, sebbene sia presieduta dal patriarca russo Kirill e abbia coinvolto decine di metropoliti e membri del Sinodo della Chiesa ortodossa russa. Inoltre, i membri della Chiesa estone amano la loro patria, l'Estonia, e si considerano parte della società locale, che il documento definisce ostile al devoto “mondo russo”.

Infine si afferma che l'idea del mondo russo supera l'insegnamento evangelico e non può essere accettata dai cristiani in Estonia.

Ecco il testo integrale della dichiarazione:

“Alla fine di marzo di quest'anno si è tenuta a Mosca la riunione dell'Assemblea mondiale del popolo russo, le cui decisioni hanno avuto un grande impatto sulla società estone. Comprendendo la preoccupazione della società, il Sinodo della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca invia un messaggio ai parrocchiani delle nostre chiese e a tutti coloro che sono interessati alla posizione della Chiesa ortodossa estone.

L'Assemblea popolare russa è un'organizzazione pubblica di un altro Paese le cui decisioni, nonostante la partecipazione di rappresentanti della Chiesa ortodossa russa, non hanno alcuna relazione con la Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca. Molte volte negli interventi del nostro Sinodo abbiamo indicato l'autogoverno della nostra Chiesa in “materia ecclesiastico-economica, ecclesiastico-amministrativa, scolastico-educativa ed ecclesiastico-civile” (Tomos 1920). Non accettiamo il documento finale di questo Concilio perché, a nostro avviso, non corrisponde allo spirito dell'insegnamento evangelico.

I parrocchiani della Chiesa Ortodossa Estone (EOC), in quanto cittadini e residenti in Estonia, nutrono un profondo rispetto e amore per la cultura, i costumi e le tradizioni del loro paese e si considerano parte della società estone.

L'idea del mondo russo sostituisce l'insegnamento evangelico e noi cristiani non possiamo accettarla. La Chiesa è chiamata a predicare la pace e l'unità in Cristo. Nelle nostre chiese lo predichiamo ogni giorno. Grazie a ciò, persone di punti di vista diversi, nazionalità diverse, convinzioni diverse hanno l'opportunità di partecipare al servizio di culto e ricevere sostegno spirituale, sostegno e consolazione.

Invitiamo tutti i membri della Chiesa ortodossa estone (EOC) a pregare per la pace e la sicurezza di tutte le persone nella nostra Estonia indipendente”.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -