14.8 C
Bruxelles
Venerdì, Maggio 24, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteÈ essenziale una “spinta globale concertata” per il cessate il fuoco in Sudan: Guterres

È essenziale una “spinta globale concertata” per il cessate il fuoco in Sudan: Guterres

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

“Il mondo si sta dimenticando del popolo del Sudan” ha avvertito lunedì il capo delle Nazioni Unite, chiedendo un aumento dei finanziamenti umanitari e una spinta globale per il cessate il fuoco e la pace in Sudan per porre fine a un anno di brutali combattimenti tra eserciti rivali.

“Il mondo si sta dimenticando del popolo sudanese” ha avvertito lunedì il capo delle Nazioni Unite, chiedendo un aumento dei finanziamenti umanitari e una spinta globale per la pace per porre fine a un anno di brutali combattimenti tra eserciti rivali.

Con l'attenzione concentrata nel fine settimana sul Medio Oriente, ha affermato che il conflitto tra l'esercito nazionale e la milizia delle Forze di supporto rapido si è trasformato in "una guerra intrapresa contro il popolo sudanese. "

“È una guerra contro le molte migliaia di civili che sono stati uccisi e altre decine di migliaia mutilati a vita”, hanno affermato le Nazioni Unite. Segretario Generale António Guterres.

“È una guerra contro i 18 milioni di persone che affrontano la fame acuta e contro le comunità che ora stanno affrontando la terrificante minaccia della carestia nei mesi a venire”.

Nessun aspetto della vita civile è stato risparmiato, compresa la dilagante violenza sessuale e gli attacchi ai convogli umanitari e agli operatori umanitari.

Nel frattempo, la violenza scoppiata nella capitale Khartoum e nei suoi dintorni un anno fa, ha costretto più di otto milioni di persone ad abbandonare le proprie case, mentre due milioni sono diventati rifugiati.

Un anno dopo, metà della popolazione del Sudan ha bisogno di assistenza salvavita. 

La polveriera El Fasher

Guterres ha affermato che le ultime notizie sull’escalation delle ostilità a El Fasher – la capitale del Nord Darfur – “sono un nuovo motivo di profondo allarme. "

Nel fine settimana, le milizie affiliate a RSF hanno attaccato e bruciato i villaggi a ovest della città, provocando nuovi e diffusi sfollamenti.

“Vorrei essere chiaro: qualsiasi attacco a El Fasher lo sarebbe devastante per i civili e potrebbe portare a un vero e proprio conflitto intercomunitario in tutto il Darfur”, ha detto il capo delle Nazioni Unite. 

“Inoltre, sconvolgerebbe le operazioni di aiuto in un’area già sull’orlo della carestia, dal momento che El Fasher è sempre stato un centro umanitario fondamentale delle Nazioni Unite. Tutte le parti devono facilitare il passaggio sicuro, rapido e senza ostacoli del personale e delle forniture umanitarie attraverso tutti i percorsi disponibili per El Fasher." 

Un percorso fuori dall'incubo

Riferendosi alla conferenza internazionale sulla crisi del Sudan che si terrà lunedì a Parigi, il Segretario generale ha affermato che i sudanesi:hanno disperatamente bisogno del sostegno e della generosità della comunità globale per aiutarli a superare questo incubo.

Il piano di risposta umanitaria per il Sudan da 2.7 miliardi di dollari è stato finanziato solo al 1.4%, mentre il piano di risposta regionale per i rifugiati da XNUMX miliardi di dollari è stato finanziato solo al XNUMX%. 

Ha detto che tutti i combattenti hanno promesso di garantire il pieno accesso umanitario per consentire agli aiuti vitali di raggiungere i civili. 

"Devono prestare attenzione a UN Consiglio di Sicurezzaè l’appello di garantire un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli e di proteggere i civili”.

Ma il popolo sudanese ha bisogno di più che di aiuti: “ha bisogno di porre fine allo spargimento di sangue. Hanno bisogno di pace”, ha continuato Guterres.

La soluzione politica è l’unica soluzione

“L’unica via d’uscita da questo orrore è una soluzione politica. In questo momento critico, oltre al sostegno globale agli aiuti, abbiamo bisogno di una spinta globale concertata per un cessate il fuoco in Sudan, seguito da un processo di pace globale. "

Ha notato che il suo inviato personale, Ramtane Lamamra, sta lavorando instancabilmente per mediare più colloqui tra i generali rivali. 

“Sforzi internazionali coordinati saranno essenziali per amplificare l’azione comune”, e occorre continuare a lavorare sulla transizione democratica del Sudan, che è stata ostacolata da una crisi colpo di stato militare alla fine del 2021.

Ha detto che questo deve essere un processo inclusivo: “Non cederò ai miei appelli a tutte le parti affinché zittiscano le armi e soddisfino le aspirazioni del popolo sudanese per un futuro pacifico e sicuro”.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -