9.7 C
Bruxelles
Thursday, June 13, 2024
AfricaAppello urgente: persecuzione religiosa dei cristiani ortodossi in Etiopia

Appello urgente: persecuzione religiosa dei cristiani ortodossi in Etiopia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Il 30 aprile 2024, una coalizione globale del Tavola rotonda sulla libertà religiosa internazionale (IRF)., comprendente 70 organizzazioni e sostenitori interessati, consegnati a mano a lettera multireligiosa riguardante la crescente persecuzione dei cristiani ortodossi in Etiopia al Senatore Cory Booker, al Senatore Tim Scott, al Rappresentante John James e alla Rappresentante Sara Jacobs.

Questa lettera sollecita il Congresso degli Stati Uniti ad agire collaborando con il gruppo di lavoro IRF Roundtables Africa per redigere una risoluzione della Camera che chieda un’indagine sulle atrocità e chieda responsabilità attraverso procedimenti e sanzioni. La lettera sottolinea l'importanza di tenere un'udienza sulle violazioni dei diritti umani in Etiopia.

Esprimono preoccupazione per gli attacchi mirati e le violenze contro questa comunità sottolineando la necessità di un intervento per tutelare la loro libertà religiosa, la pace e la protezione nel Paese. La lettera fa luce su incidenti inquietanti che hanno preso di mira coloro che appartengono al credo ortodosso, compresi attacchi a chiese, membri del clero e fedeli che hanno provocato vittime e profanazione di luoghi sacri. “I leader religiosi cristiani subiscono maltrattamenti e violenze mentre le loro famiglie sopportano orrori. Si incendiano le chiese, si distruggono i tesori e si vandalizza il patrimonio culturale” si legge in un passaggio della lettera.

Il massacro dell'ottobre 2019 e di Burayu sono citati come esempi delle difficoltà sopportate dai cristiani ortodossi. Secondo quanto riferito, gli autori selezionano le vittime in base a simboli religiosi come la croce cristiana. La lettera evidenzia anche la discriminazione e l'esclusione vissute dai cristiani ortodossi in Etiopia; producendo restrizioni alle loro pratiche e negazione dei diritti.

Le recenti azioni del governo, come l’ingerenza negli affari ecclesiastici, hanno portato ad un aumento delle tensioni con conseguenti violenze, arresti e perdite di posti di lavoro per i dissidenti contro i vescovi oppositori. La lettera sottolinea che le restrizioni del governo sulle celebrazioni ortodosse e gli sforzi per prendere il controllo dei luoghi di culto stanno minando l’unità. La condotta del governo è vista come una minaccia alla pace poiché esacerba le divisioni invece di promuovere il rispetto reciproco per la dignità umana. In risposta vari gruppi hanno fatto appello al Congresso americano affinché sostenga i diritti dei credenti ortodossi in Etiopia.

La lettera si conclude sottolineando l'urgenza di affrontare questo tema; “Non vediamo l’ora di lavorare con voi mentre agite per correggere questi errori e andare verso un futuro in cui tutti gli etiopi possano vivere insieme armoniosamente”. Come passo successivo, i leader della coalizione programmeranno incontri di follow-up con gli uffici congressuali destinatari.

Leggi la lettera completa

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -