17.7 C
Bruxelles
Martedì, Giugno 25, 2024
EuropaIl Qatar salva regolarmente i bambini ucraini trasferiti e trattenuti illegalmente dalla Russia

Il Qatar salva regolarmente i bambini ucraini trasferiti e trattenuti illegalmente dalla Russia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Il 22 maggio è stato annunciato che 13 bambini ucraini sono stati riportati in patria dai territori occupati dalla Russia grazie al ruolo di mediazione del Qatar e di una ONG ucraina. 

Il Qatar ha mediato il rilascio di sei bambini ucraini, tutti maschi e di età compresa tra i sei e i 17 anni, trattenuti in Russia, come parte dei suoi sforzi per riunire le famiglie separate dal conflitto in corso tra Mosca e Kiev. ministero degli Esteri del Qatar ha annunciato.  

L’ambasciata del Qatar a Mosca ha ospitato i bambini e le loro famiglie durante il processo di riunificazione per garantire il loro ritorno sicuro in Ucraina via Minsk. 

Durante la loro permanenza sotto la protezione del Qatar, ai bambini è stato fornito supporto medico, psicologico e sociale per facilitarne il recupero e il reinserimento. 

I restanti bambini sono stati rimpatriati nell'ambito della ONG Riporta indietro i bambini UA piano, avviato dal presidente Volodymyr Zelenskyj. 

Ci si può chiedere perché l’UE o alcuni dei suoi Stati membri, gli Stati Uniti, il Canada o qualsiasi altra democrazia occidentale non siano riusciti a organizzare simili operazioni di mediazione direttamente o indirettamente, soprattutto attraverso la Coalizione internazionale per il rimpatrio dei bambini ucraini. I media ucraini si occupano regolarmente di casi di ricongiungimento familiare, ma hanno menzionato solo un caso sponsorizzato dalle Nazioni Unite e nessun caso dal Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR).  

La mediazione del Qatar ha coinvolto il commissario per i diritti dei bambini presso il presidente della Federazione Russa Maria Lvova-Belova e il commissario per i diritti umani del parlamento ucraino Dmytro Lubinets. 

Le operazioni di salvataggio del Qatar 

Nel 2023, su ottobre 16, il Qatar ha ottenuto il primo rimpatrio di quattro bambini ucraini dalla Russia su richiesta di Kiev.  

On novembre 19, La mediazione congiunta del Qatar e delle Nazioni Unite ha portato al rilascio dell'adolescente ucraino orfano, Bohdan Yermokhin, da Mariupol, dopo essere stato portato in Russia durante la guerra. 

On Dicembre 5 Il Qatar ha riunito altri sei bambini ucraini con le loro famiglie. 

Nel 2024, su Febbraio 19Lo Stato del Golfo ha mediato il rilascio di 11 bambini ucraini, tra cui uno con disabilità, detenuti in Russia. 

A marzo 21, Il Qatar ha riunito i bambini con le loro famiglie e facilitato il loro trasferimento sicuro dall’Ucraina alla Russia attraverso la Bielorussia. 

On 20 aprile, Il Qatar ha annunciato che 20 famiglie ucraine e russe, tra cui 37 bambini, sono arrivate a Doha come parte degli sforzi di mediazione in corso da parte del Qatar per riunire le persone separate dal conflitto. 

Il Qatar ha ospitato le famiglie dal 18 al 27 aprile, dove hanno ricevuto supporto medico e psicologico. 

La guerra del Qatar e della Russia contro l'Ucraina 

Il Qatar ha mantenuto una politica estera equilibrata dall’inizio del conflitto Russia-Ucraina, comunicando con entrambe le parti e chiedendo ripetutamente la necessità del dialogo per porre fine al conflitto. 

Nel luglio dello scorso anno Doha si è impegnata a farlo $100 milioni in aiuto a Kiev durante un incontro tra il primo ministro e ministro degli Affari esteri del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. 

La visita dello sceicco Mohammed in Ucraina è avvenuta un mese dopo la sosta a Mosca del 22 giugno, dove ha incontrato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Il funzionario del Qatar aveva chiesto il rispetto della dignità territoriale e dell'indipendenza dell'Ucraina, nonché della Carta delle Nazioni Unite. 

Nel marzo 2022, il Qatar è stato tra i 141 paesi che hanno votato una risoluzione delle Nazioni Unite che chiedeva il ritiro “immediato e completo” della Russia dall’Ucraina. 

Il Qatar, un mediatore esperto, aveva precedentemente espresso la sua apertura a facilitare il dialogo tra i rivali Russia e Ucraina “se richiesto” dai suoi partner internazionali. 

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -