15.4 C
Bruxelles
Venerdì, giugno 14, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteL'esodo di Rafah supera gli 810,000, dice l'UNRWA

L'esodo di Rafah supera gli 810,000, dice l'UNRWA

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

“Ogni volta che le famiglie vengono sfollate, le loro vite sono in serio pericolo. Le persone sono costrette a lasciare tutto alle spalle in cerca di sicurezza. Ma non esiste una zona sicura”, afferma l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. UNRWA, ha detto in un post su X.

Insieme all'allerta, le immagini mostravano famiglie con i loro averi ammucchiati sul retro di auto e rimorchi improvvisati; un'altra fotografia scattata con vista sulla costa mostrava una massa di rifugi per gli sfollati, tutti realizzati con semplici teloni e che si estendevano fino all'orizzonte.

Secondo le autorità sanitarie di Gaza, almeno 35,300 abitanti di Gaza sono stati uccisi e più di 79,260 feriti sotto i bombardamenti israeliani da quando gli attacchi guidati da Hamas in Israele il 7 ottobre hanno provocato circa 1,250 morti e più di 250 presi in ostaggio nel sud di Israele.

Gli ultimi dati dell'UNRWA piattaforma logistica online ha indicato che la consegna di aiuti umanitari si è interrotta quasi interamente attraverso i principali punti di ingresso a Gaza – il valico di Rafah e Kerem Shalom nel sud.

Nel mezzo di un’escalation di attività militare nella parte orientale di Rafah, domenica nessuna fornitura di aiuti delle Nazioni Unite ha raggiunto l'enclave Il 19 maggio, e solo 27 camion umanitari sono entrati via Kerem Shalom sabato, secondo il portale dell'agenzia delle Nazioni Unite, che ha anche mostrato che solo 33 ulteriori camion umanitari hanno utilizzato Kerem Shalom dal 6 maggio, e nessuno è entrato via Rafah. 

Nel nord-ovest dell’enclave, il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (Il PAM) ha riferito di aver utilizzato Erez ovest – noto anche come Zikim – per trasportare rifornimenti e "cercare di procurarsi abbastanza cibo per fermare la carestia sul nascere". 

Ma Matthew Hollingworth, direttore del WFP per la Palestina, ha insistito sul fatto che gli operatori umanitari avevano bisogno di ulteriori punti di ingresso per gli aiuti.

"Ogni nuovo punto di ingresso è una nuova arteria, che pompa linfa vitale a Gaza, quindi lavoreremo duramente per continuare a trovare nuovi punti di ingresso e ottenere maggiore assistenza, in volume, in modo coerente", ha affermato nel comunicato dell'agenzia umanitaria. ultimo aggiornamento.

 

Difficoltà a raggiungere gli sfollati

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) La responsabile della squadra per le comunicazioni di emergenza, Nyka Alexander, ha recentemente visitato Gaza e ha notato in un'intervista di lunedì con Notizie ONU che solo un terzo degli ospedali di Gaza – circa 12 su 36 – sono funzionanti e che i continui combattimenti hanno reso difficile per gli operatori sanitari svolgere il proprio lavoro. 

È diventato sempre più difficile curare gli sfollati poiché sono costantemente in movimento.

"Se non c'è continuità assistenziale, chi ha la tua cartella clinica? Chissà di quale trattamento hai bisogno?", ha detto la signora Alexander. 

Inoltre, ha affermato, la recente chiusura dei valichi di Gaza ha costretto il personale medico a razionare le già limitate forniture mediche, esercitando ulteriore stress sugli operatori sanitari. 

Ha ribadito che nessun posto a Gaza è sicuro e ha applaudito gli operatori umanitari e sanitari che continuano a lavorare duro nonostante circostanze estremamente difficili.

"È davvero commovente, in effetti, vedere come le persone, nonostante non sia sicuro, facciano tutto il possibile per aiutare gli altri", ha detto la signora Alexander. Ascolta l'intervista completa qui sotto:

 

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -