28.9 C
Bruxelles
Martedì, Giugno 25, 2024
Diritti umaniMyanmar: l’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite avverte della crescente crisi nello stato di Rakhine

Myanmar: l’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite avverte della crescente crisi nello stato di Rakhine

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Negli ultimi giorni si sono intensificate le feroci battaglie tra l’esercito birmano e l’esercito Arakan, un gruppo etnico armato, che hanno costretto allo sfollamento decine di migliaia di persone nelle township di Buthidaung e Maungdaw.

Si stima che circa 45,000 Rohingya siano fuggiti in un’area sul fiume Naf vicino al confine con il Bangladesh, in cerca di protezione. Oltre un milione di Rohingya sono già nel Paese, fuggiti dopo le purghe.

Accuse gravi 

L'Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, OHCHR, ha ricevuto “rapporti spaventosi e inquietanti” delle conseguenze del conflitto, ha affermato la portavoce Liz Throssell.

"Alcune delle accuse più gravi riguardano episodi di uccisione di civili Rohingya e incendi delle loro proprietà", ha detto ai giornalisti a Ginevra.

L'OHCHR ha affermato che Buthidaung è stato in gran parte bruciato, citando testimonianze, immagini satellitari e video online.

Le informazioni ricevute indicano che l'incendio è iniziato il 17 maggio dopo che i militari si erano ritirati dalla città e l'esercito di Arakan aveva affermato di averne preso il pieno controllo.

I civili fuggono da Buthidaung 

"Un sopravvissuto ha descritto di aver visto dozzine di cadaveri mentre fuggiva dalla città", ha detto James Rodehaver, caposquadra dell'OHCHR Myanmar, parlando da Bangkok.

“Un altro sopravvissuto ha detto che faceva parte di un gruppo di decine di migliaia di sfollati, che hanno tentato di spostarsi fuori città per mettersi in salvo lungo la strada occidentale verso Maungdaw. Ma l’Esercito Arakan ha impedito loro di andare in quella direzione”. 

I sopravvissuti hanno riferito che l'esercito Arakan aveva abusato di loro ed estorto loro denaro mentre si spostavano verso altri villaggi Rohingya vicini, dove i Rohingya già sfollati a causa di precedenti attacchi avevano precedentemente cercato rifugio. 

Per settimane, i Rohingya di queste zone hanno raccontato di essersi rifugiati presso famiglie che non conoscono e di non avere abbastanza cibo.

Sparatorie, decapitazioni, sparizioni 

L’OHCHR ha documentato nuovi attacchi contro i Rohingya da parte sia dell’esercito Arakan che dell’esercito birmano, il Tatmadaw, nelle settimane precedenti l’incendio di Buthidaung. 

"Naturalmente, molti di questi sono stati il ​​risultato di attacchi aerei perpetrati dai militari così come di altri attacchi perpetrati da veicoli aerei senza pilota o droni", ha detto Rodehaver.

“Abbiamo anche ricevuto segnalazioni di spari contro abitanti disarmati in fuga. Abbiamo confermato almeno quattro casi di decapitazioni e molteplici sparizioni forzate di individui, nonché diversi villaggi e case che sono stati bruciati”. 

Rischio di espansione 

L'OHCHR vede “chiari ed attuali rischi di una grave espansione della violenza con l'inizio della battaglia per la vicina città di Maungdaw”, ha affermato la Throssell. 

L’esercito del Myanmar mantiene avamposti nella città e lì vive una grande comunità Rohingya, tra cui centinaia di sfollati Rohingya che si sono trasferiti dai villaggi in cerca di sicurezza. 

Porre fine alla violenza 

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto la fine immediata delle violenze e la protezione di tutti i civili senza alcuna distinzione basata sull'identità.

“Deve essere consentito un flusso di aiuti umanitari tempestivo e senza ostacoli, e tutte le parti devono rispettare pienamente e incondizionatamente il diritto internazionale – comprese le misure già ordinate dal Corte internazionale di giustizia (ICJ), per la protezione dei Rohingya”, ha aggiunto.

È necessaria un’azione internazionale 

Separatamente, il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Myanmar avvertito che “migliaia di vite innocenti andranno perse se la comunità internazionale non riuscirà a rispondere ai segnali minacciosi di un altro massacro Rohingya nello stato di Rakhine”.

In una dichiarazione rilasciata giovedì, Tom Andrews ha affermato che “ancora una volta, il mondo sembra deludere un popolo disperato nell’ora del pericolo mentre un disastro innaturale guidato dall’odio si svolge in tempo reale nello stato di Rakhine in Myanmar”. 

Le informazioni emerse “più che meritano” una risposta immediata da parte della comunità internazionale, ha aggiunto.

Andrews ha esortato tutte le parti ad aderire al diritto internazionale umanitario e ad adottare tutte le misure per proteggere i civili, indipendentemente dalla loro religione o etnia.  

Un rifugiato Rohingya del Myanmar riceve sostegno dalle Nazioni Unite a Bhasan Char in Bangladesh.

Sostieni il Bangladesh 

Ricordando che il Bangladesh ha aperto i suoi confini ai Rohingya dopo la repressione del 2017, salvando così un numero indicibile di vite, ha osservato che, ancora una volta, questa generosità potrebbe essere la loro unica speranza di fronte allo sfollamento forzato. 

Ha avvertito, tuttavia, che il Bangladesh non ha la capacità di far fronte alle esigenze di questa crisi senza l’intervento di emergenza e il sostegno della comunità internazionale. 

“I tagli alle razioni, le infrastrutture inadeguate, la spirale di violenza e il reclutamento forzato da parte di gruppi militanti Rohingya hanno minacciato la vita e il benessere dei rifugiati Rohingya in Bangladesh”, ha affermato.

Ha lanciato un appello per “un’infusione di fondi di emergenza” sia per sostenere le famiglie disperate in fuga dal conflitto, sia per affrontare le attuali condizioni nei campi profughi Rohingya.

Informazioni sui relatori speciali delle Nazioni Unite 

I relatori speciali sono nominati dalle Nazioni Unite Consiglio per i diritti umani, che si trova a Ginevra. 

Questi esperti monitorano e riferiscono su situazioni nazionali specifiche o questioni tematiche a livello mondiale. Non fanno parte del personale delle Nazioni Unite e non vengono pagati per il loro lavoro. 

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -