9.8 C
Bruxelles
Thursday, June 13, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteGaza: benvenuta la consegna degli aiuti tramite pontili galleggianti, ma le rotte terrestri “più importanti”

Gaza: benvenuta la consegna degli aiuti tramite pontili galleggianti, ma le rotte terrestri “più importanti”

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

OCHA ha avvertito che il corridoio marittimo non può sostituire le rotte terrestri critiche, che rappresentano il modo più rapido ed efficace per fornire aiuti umanitari nell’enclave assediata, dove più di due milioni di palestinesi hanno un disperato bisogno di cibo, riparo e altra assistenza. 

“Qualsiasi aiuto a Gaza è benvenuto in qualunque direzione”, ha detto il portavoce Jens Laerke ai giornalisti a Ginevra. “Ma è un’aggiunta e non toglie il fatto che gli attraversamenti terrestri saranno più importanti”. 

Percorso di aiuti aggiuntivi 

Il Comando Centrale dell'esercito americano ha annunciato che i camion hanno iniziato a muoversi intorno alle 9 del mattino, ora locale, di venerdì, e che nessuna truppa è scesa a terra.

Il pontile galleggiante era ancorato a una spiaggia di Gaza il giorno precedente. Con la maggior parte dei valichi di frontiera verso l’enclave chiusi o non sicuri, ciò fornirà un ulteriore percorso per la consegna degli aiuti all’enclave in battaglia. 

Le Nazioni Unite accolgono con favore qualsiasi sforzo volto a garantire che gli aiuti raggiungano Gaza, disse Il vice portavoce dell'ONU, Farhan Haq, parlerà venerdì a New York.

“Siamo quindi grati agli Stati Uniti, così come a Cipro, con il sostegno di altri Stati membri, per aver sostenuto il corridoio marittimo come rotta aggiuntiva per gli aiuti a Gaza”, ha affermato.

Ha spiegato che “dopo mesi di discussioni con tutte le autorità competenti, l’ONU ha accettato di sostenere la ricezione e l’organizzazione dell’invio di aiuti a Gaza dal bacino galleggiante, purché rispetti la neutralità e l’indipendenza delle operazioni umanitarie”.

Aperti tutti gli incroci 

Laerke ha affermato che le agenzie delle Nazioni Unite stanno finalizzando i loro piani di preparazione per gestire gli aiuti una volta che il bacino galleggiante sarà correttamente funzionante, tenendo presente la necessità di garantire la sicurezza del personale. 

“La consapevolezza e l’accettazione da parte della comunità sono fondamentali per garantire la sicurezza e la protezione di questa operazione”, ha insistito. 

“Tuttavia, portare aiuti alle persone bisognose dentro e attraverso Gaza non può e non deve dipendere da un bacino galleggiante lontano da dove i bisogni sono più acuti”, ha affermato. 

“Le rotte terrestri rappresentano il metodo più praticabile, efficace ed efficiente per la distribuzione degli aiuti, motivo per cui abbiamo bisogno che tutti i punti di passaggio siano aperti”. 

Lo sfollamento di Rafah continua

Aggiornando la situazione a Rafah, l'OCHA ha riferito che quasi 640,000 persone sono state sfollate dall'area dall'inizio dell'offensiva militare israeliana. Molti sono fuggiti nel sovraffollato governatorato di Deir al Balah, nel centro di Gaza, dove le condizioni sono terribili.

Il continuo afflusso di sfollati lì, e a Khan Younis, continua a mettere a dura prova la risposta umanitaria, che è già sovraccarica.

“La situazione è in costante cambiamento a causa dei combattimenti così intensi”, ha detto Yasmina Guera, responsabile degli affari umanitari dell’OCHA a Rafah. Notizie ONU il Venerdì.

“Una delle sfide per la risposta è che nel momento in cui metti in atto qualcosa, nel momento in cui pensi di sapere qualcosa, in realtà devi cambiare di nuovo tutto e devi ricominciare da zero”.

L’OCHA ha affermato che le squadre che lavorano per fornire cibo alla popolazione di Gaza riferiscono che solo cinque panifici rimangono operativi nell’enclave: quattro nella città di Gaza e uno a Deir al Balah. Quasi una dozzina di altri hanno smesso di lavorare a causa della carenza di carburante e di forniture, nel mezzo delle ostilità in corso.

Di conseguenza, i partner umanitari sono stati costretti a condurre distribuzioni su piccola scala con scorte limitate, fornendo razioni ridotte e dando priorità a Khan Younis e Deir al Balah.

Un bambino cammina tra le macerie di Rafah.

Crisi idrica e igienico-sanitaria

Lo sfollamento in corso da Rafah a Khan Younis ha esacerbato la crisi idrica e igienico-sanitaria, con straripamenti di liquami e rifiuti solidi che si diffondono sulle strade, nei campi per sfollati e sulle macerie delle case distrutte, con un impatto catastrofico sulla salute.

"I nostri colleghi che lavorano per garantire che le persone a Gaza abbiano un riparo adeguato dicono che non ci sono scorte rimanenti di materiali per rifugi all'interno di Gaza", ha detto l'OCHA.

Carenza di carburante

Intanto l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sottolineato che il problema più grande adesso è il carburante. 

Il portavoce Tarik Jašarević ha riferito che solo 13 dei 36 ospedali di Gaza sono ora parzialmente funzionanti, sottolineando che il carburante è necessario per l'elettricità e per far funzionare i generatori.

Ha detto che i partner sanitari necessitano tra 1.4 e 1.8 milioni di litri al mese affinché gli ospedali possano funzionare, ma solo 159,000 litri sono entrati a Gaza dalla chiusura del confine, “e questo non è chiaramente sufficiente”.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -