18.9 C
Bruxelles
Domenica, Giugno 16, 2024
Salute e benessere Lia Kali sulla psichiatria: "un bambino legato al letto, anche per...

Lia Kali sulla psichiatria: “un bambino legato al letto, anche per dieci minuti… è una tortura”

"UCA" di Lia Kali, una melodia che rivela il lato oscuro della psichiatria adolescenziale

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil - at The European Times Notizie - Principalmente nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa e a livello internazionale, con particolare attenzione ai diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non viene ascoltato dai media generalisti.

"UCA" di Lia Kali, una melodia che rivela il lato oscuro della psichiatria adolescenziale

Ha colpito molti quando è stato rilasciato un anno fa. La canzone fa luce sui difetti e sui maltrattamenti prevalenti nelle strutture psichiatriche, attirando l'attenzione sia del pubblico che della critica. Recentemente, Lia Cali ha condiviso il suo viaggio dietro la canzone nel popolare programma televisivo spagnolo "El Hormiguero" su Antena 3TV, dove ha parlato delle lotte personali che hanno ispirato la sua musica.

“UCA” è più di un semplice pezzo musicale, è una potente testimonianza delle sfide affrontate da una giovane ragazza intrappolata in un sistema che non riesce a fornire sostegno e compassione genuini, perpetuando invece l’oppressione e la crudeltà. La canzone approfondisce la narrazione dei disordini all'interno di una dinamica familiare che sfocia rapidamente nella violenza, portando Lia Kali a cercare rifugio e alla fine a ritrovarsi rinchiusa in una struttura psichiatrica per adolescenti per disperazione.

La vita in un centro psichiatrico era come una tortura, dice Lia Kali

Durante la sua apparizione su “Il AnthillLia Kali ha raccontato come la sua libertà e la sua autonomia siano state portate via in nome del trattamento. Ha dipinto un quadro delle condizioni dell’UCA, dove i giovani sono spesso pesantemente sottoposti a cure mediche e tenuti isolati, somigliando più ai prigionieri che ai pazienti. La canzone parla di come le è stato fatto assumere farmaci senza una diagnosi, evidenziando la mancanza di empatia e di cura che ha peggiorato la sua sofferenza e quella di altri giovani in circostanze simili.

Lo showman Pablo Motos ha chiesto a Lia Kali “com'era la vita? Non gliel'ho mai chiesto.... Non sono mai stata con nessuno che ci fosse già stato... Com'era la vita lì?"

E Lia ha risposto categoricamente: “Tortura. Voglio dire... all'improvviso... è allora che te ne rendi conto ed è anche per questo che, quando io... quando mi sono chiesto se volevo pubblicare questa canzone o no, ho capito che lo facevo perché ho parlato con persone che ancora si occupavano di quelle centri e che sapevano ancora che venivano ancora praticate le stesse pratiche, che in definitiva sono torture, cioè legare le persone allo stesso modo al letto per una settimana.

Kali ha descritto le pratiche inumane e degradanti che ancora persistono in alcune unità di crisi adolescenziali, dove i giovani sono legati ai letti e sottoposti a cure eccessive, privati ​​di qualsiasi contatto umano e di trattamenti di base che, secondo lei, equivalgono alla tortura.

"Mi dirai che stai cercando di curare e aiutare qualcuno che è malato e che ciò di cui ha bisogno è un fottuto abbraccio, e che non le permetti di avere alcun contatto fisico o di parlare con nessuno e che la tua soluzione è curarti?" lei fino a quando non sa nemmeno chi è e la fa legare al letto senza preoccuparsi veramente della sua diagnosi? Penso che in Spagna ci sia un grosso problema perché quello che facciamo con le persone che si preoccupano è metterle a dormire. A loro non importa. Lia Kali ha detto.

Prosegue dicendo: “Quindi mi vergogno e sono molto triste che ancora oggi ci siano persone che hanno parenti che devono subire simili torture, torture che in Europa sono addirittura vietate, per esempio la contenzione meccanica, che ti lega a una letto, in molti posti in Europa, in cui è proibito perché è inteso come tortura, e di questo si tratta. Voglio dire, avere un figlio, anche un bambino legato a un letto, che sia per un'ora, dieci minuti, non importa, è una tortura. È un bambino… Per l’amor di Dio!””

La storia di grande impatto di Lia Kali in “UCA” ha scatenato conversazioni sulla moralità di trattamento psichiatrico per i minori e l’urgente necessità di cambiamenti all’interno di queste strutture. La cantante non solo critica il danno fisico ed emotivo che ha subito, ma condanna anche l'apatia e il maltrattamento sistematico da parte di individui che dovrebbero fornire protezione e guarigione.

L'apparizione di Lia Kali in “El Hormiguero” non solo ha aiutato a condividere il suo viaggio personale, ma ha anche amplificato il messaggio della canzone, entrando in risonanza con il pubblico che potrebbe non essere stato a conoscenza della realtà affrontata da molte unità di crisi adolescenziali, o di coloro che l'hanno subita e pensata così. “era normale”, o semplicemente non ha trovato la forza di parlare apertamente. Il suo coraggio nel condividere la sua storia è stato elogiato come un passo avanti verso il cambiamento, motivando gli altri a parlare apertamente e ad agire contro le ingiustizie e le torture nel settore della salute mentale.

Psichiatria, trattare i pazienti “come cani”

“Quello che ho trovato era un gruppo di psicopatici che erano lì, probabilmente sottopagati, ma che ci trattavano come se fossimo letteralmente cani. E all'UCA di Sant Boi lo dirò e beh, beh, anche divertendomi, per me la cosa più difficile è stata dire che ero lì per una settimana, perché dopo quella settimana hanno capito che non dovevo essere lì . Sono arrivato lì per qualcosa che non aveva alcun senso ed era un medico che non aveva voglia di fermarsi a guardare cosa mi stava succedendo a casa e perché ero così in quel momento e mi ha mandato in un posto dove non appartenevo."

Evidenziando una pratica denunciata diffusa negli ospedali psichiatrici, Lia ha affermato di “essere stata medicata senza diagnosi, giusto? Voglio dire, era davvero pazzesco ed ero consapevole di tutto e pensavo 'come possono esserci qui degli psicopatici del genere che si divertono a guardare e ridere anche quando costringono qualcuno e lo gettano a terra?'. Conoscete quelli…” parlando di quando il personale ospedaliero metteva le ginocchia sul petto del paziente, “Sì, mi è successo. E ricordo il volto. Ho la faccia di quel ragazzino impressa nella mia mente, quel mezzo sorriso, il piacere e il dire Loco, amico, abbiamo dei veri psicopatici. Come mai in Spagna non c'è un controllo molto maggiore? Cavolo, sono la nostra gente, sai? Sono anche persone. Sono persone che sentono, sono persone che amano e sono persone che a volte la vita ha avuto la meglio su di loro. A volte nascono così, diversi. E non credo che nessuno meriti questo. Se tutto va bene, non accadrà mai a nessuno nella tua famiglia, no e, si spera, si spera che le cose cambino. E quello che sto dicendo qui adesso, spero che domani ci sia più controllo su questi centri di merda dove le persone vengono letteralmente maltrattate”.

“UCA” di Lia Cali trascende l'essere una canzone, serve come un appello a provocare un cambiamento sottolineando che l'arte ha un ruolo nell'affrontare le verità più oscure della società per ispirare empatia. In un mondo in cui le voci dei giovani vengono spesso ignorate o messe a tacere, Lia Kali ha trovato un mezzo potente per garantire che la sua voce, insieme a quella degli altri, venga riconosciuta.

Maggiori informazioni su Lia Kali

Secondo il suo sito agenti:

"Lia Cali scoprì per la prima volta la musica a casa e quando aveva solo sedici anni andò in bicicletta per tutti gli ingorghi Barcelona. È lì che stringe amicizia con tanti musicisti e artisti della città e che inizia a dialogare con il reggae, il jazz, il soul e il rap. Da allora non ha mai smesso di cantare. Lia è passata dalle jam agli altri palchi live di Barcellona con una serie di progetti, come Amy Winehouse omaggio che ha guidato. È così che ha capito che il suo amore per il palco era molto più di un amore a prima vista: il palco è il suo posto dove stare. Alla fine si stancò di cantare le canzoni degli altri e iniziò a scrivere i suoi pezzi e ne scoprì la guarigione. Lia Kali scrive la colonna sonora originale dei suoi inciampi e cadute giorno dopo giorno e pubblica i suoi primi singoli nel 2022, diventando virali e raggiungendo milioni di stream e visualizzazioni su piattaforme musicali e TikTok. Nel marzo 2023 lancia il suo primo vero album 'Contra Todo Pronostico', dove riassume i featuring con il vero chi è chi nella scena urbana e rap spagnola come Toni Anzis, Acción Sanchez, J Abecia, Zatu Rey da SFDK e anche il massimo rispettato Il rapper colombiano Nanpa BásicoLia Cali è oggi la voce più richiesta della scena e con il suo album di debutto chiarisce soprattutto una cosa: qualunque etichetta non è all’altezza di lei!”

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -