23.8 C
Bruxelles
Domenica, Giugno 23, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteSono necessarie "parole nuove di zecca" per descrivere la devastazione di Gaza, afferma l'organizzazione umanitaria delle Nazioni Unite |

Sono necessarie "parole nuove di zecca" per descrivere la devastazione di Gaza, afferma l'organizzazione umanitaria delle Nazioni Unite |

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

"Non importa dove guardi, non importa dove vai, c'è distruzione, c'è devastazione, c'è perdita", ha detto Yasmina Guerda, che recentemente è tornata a Gaza per un secondo dispiegamento con l'ufficio per gli affari umanitari delle Nazioni Unite, OCHA.

Ha parlato con Notizie ONU da Rafah, in precedenza rifugio per più di un milione di palestinesi in fuga dalle ostilità in altre parti di Gaza. L’inizio delle operazioni militari israeliane ha sradicato più di 600,000 persone in poco più di una settimana.

La signora Guerda ha parlato francamente dell’immensa sofferenza e dell’insicurezza a Gaza, della grave mancanza di aiuti e di servizi di base e delle difficoltà che devono affrontare gli operatori umanitari che lavorano in mezzo “alla costante colonna sonora della guerra”.

La madre di due ragazzi ha anche esortato le persone di tutto il mondo, sconvolte dal conflitto, a chiedersi: “Cosa posso fare oggi al mio livello per contribuire a porre fine a questo incubo?”

Questa intervista è stato modificato per chiarezza e la lunghezza.

Yasmina Guerda: Avremmo bisogno di inventare parole nuove di zecca per descrivere adeguatamente la situazione in cui si trovano oggi i palestinesi di Gaza. Non importa dove guardi, non importa dove vai, c'è distruzione, c'è devastazione, c'è perdita. Manca tutto. C'è dolore. C'è semplicemente una sofferenza incredibile. Le persone vivono sopra le macerie e i rifiuti che un tempo costituivano la loro vita. Hanno fame. Tutto è diventato assolutamente insostenibile. Ho sentito l'altro giorno che alcuni le uova venivano vendute a 3 dollari ciascuna, cosa impensabile per qualcuno che non ha stipendio e ha perso ogni accesso ai propri conti bancari.

L’accesso all’acqua pulita è una battaglia quotidiana. Molte persone non sono riuscite a cambiarsi d'abito in sette mesi perché sono dovute scappare con quello che indossavano. Hanno ricevuto un preavviso di 10 minuti e sono dovuti scappare. Molti sono stati sfollati sei, sette, otto volte o più.

Una delle cose che trovo assolutamente sorprendente è la determinazione delle persone ad andare avanti, a guardare sempre in alto, qualunque cosa accada.

Di recente stavo camminando in un campo e c'erano diverse famiglie che avevano scavato una fossa settica improvvisata con cucchiai nella sabbia, afferrando tubi e serbatoi di WC dagli edifici distrutti in modo da poter avere qualcosa che assomigli a un bagno, perché la situazione qui per l’acqua e i servizi igienico-sanitari sono estremamente disastrosi. Gli umanitari lo sono non è consentito importare le forniture per costruire latrine nei luoghi di sfollamento, quindi ogni famiglia deve trovare il proprio modo creativo per risolvere il problema. Sono stato protagonista di diverse crisi umanitarie e non si incontra questo tipo di grinta ovunque.

Gli sfollamenti forzati e le operazioni militari a Rafah stanno peggiorando una situazione già catastrofica.

Notizie ONU: sei a Rafah. Qual è il livello di distruzione lì e quanto sono ravvicinati i combattimenti? 

Yasmina Guerda: Attualmente ci troviamo nella parte occidentale di Rafah, i combattimenti si svolgono soprattutto nella parte orientale e sentiamo la distruzione che sta avvenendo. Andiamo in missioni di ricognizione che, ovviamente, sono estremamente pericolose. Due dei nostri colleghi sono andati in missione di “ricognizione” all’inizio di questa settimana e, sfortunatamente, uno di loro non ne è uscito vivo e l'altro ha dovuto essere evacuato dal punto di vista medico. Quindi, la distruzione a Rafah è in corso. Non l'ho ancora visto personalmente con i miei occhi.

Abbiamo potuto vedere cosa è successo nelle altre aree che gli israeliani hanno attaccato, quindi Khan Younis, Deir al Balah e le parti settentrionali di Gaza. Quello che posso dirvi è che ci sono macerie ovunque. Il livello di distruzione è inimmaginabile, e l'eccezione è trovare edifici ancora in piedi. Vedrai un mare di macerie e poi ogni tanto troverai un edificio ancora in piedi.

UN News: Quali sono le sfide che devono affrontare le agenzie umanitarie nel fornire aiuti ai civili bisognosi, in particolare mentre i civili sono in movimento?

Yasmina Guerda: Questo è il mio secondo dispiegamento a Gaza. Sono stato qui quattro settimane fa, e tra quattro settimane tutto è cambiato, compreso il modo in cui entri e esci da Gaza e il modo in cui porti i rifornimenti. La maggior parte della popolazione era a Rafah perché allora quella era la zona più sicura. Ma ora, ovviamente, 630,000 persone in 10 giorni hanno fatto le valigie e sono andate a nord o verso le zone costiere.

La situazione è in costante cambiamento a causa dei combattimenti così intensi. Una delle sfide per la risposta è che nel momento in cui metti in atto qualcosa, nel momento in cui pensi di sapere qualcosa, devi cambiare tutto e ricominciare da zero. Quindi questo è estremamente impegnativo e sta rallentando molto la risposta.

La seconda questione è che, onestamente, è estremamente pericoloso essere qui e questo sta davvero mettendo in ginocchio la risposta. Non sono rimasti posti sicuri a Gaza.

Nell'ultima settimana del mio schieramento, sette colleghi umanitari, che erano anche loro amici, sono stati uccisi dagli attacchi aerei israeliani. E il giorno in cui sono arrivato per la mia seconda missione, due operatori umanitari sono stati nuovamente colpiti. Dobbiamo costantemente stare attenti ad ogni mossa. Dobbiamo informare le parti in conflitto di ogni movimento. Passiamo ore a presentare documenti, passiamo ore ad aspettare ai posti di blocco e molto spesso è inutile perché molte delle missioni che abbiamo pianificato non sono agevolate, quindi non possiamo realizzarli.

Poi ci sono tutte le altre cose che puoi immaginare. La pessima connettività telefonica e Internet rende molto, molto difficile il coordinamento tra gli attori umanitari. Le condizioni di vita sono stressanti a causa della costante colonna sonora della guerra – i droni, gli attacchi aerei – e in alcune zone ci sono corpi nelle strade che dobbiamo rimuovere per garantire loro una sepoltura dignitosa.

Vediamo molte cose molto difficili. È molto impegnativo dal punto di vista mentale ed emotivo, e direi che molti operatori umanitari sono stanchi, e penso che questo sia anche dannoso per la risposta perché è una risposta molto impegnativa. Ma la cosa peggiore di tutte sono i problemi e gli ostacoli che dobbiamo affrontare.

È davvero senza precedenti quanto sia estremamente difficile portare personale e rifornimenti a Gaza. È sempre stato così dal 7 ottobre, ma dal 7 maggio, quando è stato chiuso il principale valico di frontiera per gli aiuti – il valico di Rafah – le nostre strutture di stoccaggio sono state distrutte e saccheggiate. Non c'è quasi più nulla da distribuire a Gaza. E così non appena qualcosa arriva sulla Striscia – ed è un rivolo – deve essere distribuito e, naturalmente, non è neanche lontanamente abbastanza vicino. Dobbiamo fare scelte molto difficili ogni giorno e dobbiamo dare priorità ai più vulnerabili. Dobbiamo consegnare razioni parziali. E questo è davvero straziante ogni giorno.

Due ragazzi guardano l’oceano su una spiaggia, a Rafah, Gaza, aprile 2024.

Due ragazzi guardano l’oceano su una spiaggia, a Rafah, Gaza, aprile 2024.

UN News: Molte persone in tutto il mondo sono sconvolte dal conflitto e dalla distruzione. Qual è il tuo messaggio per loro? 

Yasmina Guerda: Le persone qui non capiscono come il mondo permetta che ciò accada. Quando sono entrato a Gaza per la prima volta, il Ministero della Sanità aveva riferito che erano state uccise circa 29,000 persone. Quando me ne andai, cinque settimane dopo, il numero delle persone uccise era salito a 34,000. Ho calcolato che si tratta di circa sei persone uccise in media all'ora, per lo più donne e bambini. Lo sappiamo. Stiamo iniziando a identificare i corpi e stiamo lasciando che accada.

Sono fortunato. Sono mamma di due bambini, di due e quattro anni, e ho il terrore che un giorno mi chiedano come non abbiamo potuto impedire tutto questo; come mai il mondo non si è mostrato solidale ed ha espresso la propria indignazione ad alta voce, e abbastanza forte da farla cessare?

Non ho una risposta e penso che il mio messaggio sarebbe che le persone devono rivolgersi a chi prende le decisioni esigere il rispetto del diritto internazionale, che i diritti umani più elementari e la dignità umana più basilari siano rispettati.

Non chiediamo molto, solo che venga rispettata la legge che già esiste perché questa guerra è una macchia per tutti noi ed è responsabilità di tutti lavorare a tutti i livelli perché finisca adesso. Questo è il mio messaggio: che tutti si chiedano ogni giorno: "Cosa posso fare oggi al mio livello per contribuire a porre fine a questo incubo?"

 

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -