17.4 C
Bruxelles
Martedì, Giugno 18, 2024
AmbienteItalia in guerra con l’overtourism: Milano vieta la vendita di gelati...

Italia in guerra con l’overtourism: Milano vieta la vendita di gelati e pizza dopo la mezzanotte

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Dopo che Venezia ha introdotto una tassa di visita e le Cinque Terre hanno reso i percorsi turistici della zona a senso unico, ora un'altra città italiana sta entrando nella battaglia contro l'overtourism. Trovare il miglior gelato passeggiando per le stradine di Milano è parte dell'esperienza non solo per i turisti ma anche per i residenti della capitale italiana della moda. Ma presto le cose cambieranno.

Tuttavia, una nuova legge potrebbe porre fine a questa lunga tradizione. Marco Granelli, vicesindaco della città per la sicurezza, ha recentemente annunciato l'intenzione di vietare la vendita di cibo e bevande da asporto dopo la mezzanotte per preservare la "pace" in 12 dei quartieri più trafficati della città, ha riferito la CNN.

“Il nostro obiettivo è cercare un equilibrio tra socialità e intrattenimento e tranquillità e salute dei residenti”, ha scritto Grenelli sui social media. Ha aggiunto: “Crediamo nella città viva, dove sia i giovani che gli anziani hanno spazi da condividere insieme”.

Il divieto, che secondo la città è necessario per far fronte al rumore eccessivo nelle zone residenziali, impedirà inoltre agli esercizi commerciali di servire cibo e bevande all'aperto tra le 12:30 e le 6:1 nei giorni feriali e tra l'30:6 e le 00:XNUMX nei giorni feriali. fine settimana.

I critici sostengono che il divieto va contro la cultura italiana e chiedono che la legge venga modificata. Se approvato, il divieto entrerebbe in vigore già dal mese prossimo e durerebbe fino a novembre, dopo la fine dell’intensa stagione turistica.

Le gelaterie di Milano sono conosciute come tra le migliori al mondo. Lo dice Luca Finardi, direttore generale del Mandarin Oriental della città Hotel, gli italiani discutono appassionatamente quale sia la gelateria migliore della città.

“Tutti ne abbiamo almeno uno che preferiamo”, dice. Brera, il quartiere artistico della città, e Garibaldi, noto per i suoi negozi di fascia alta, sono tra le 12 zone della città che dovrebbero essere controllate dalle nuove regole.

Gli altri quartieri sono: Nolo, Lazzareto, Melzo, Isola, Sarpi, Cesariano, Arco della Pace, Corso Como-Gae Aulenti, Tichinese e Darsena-Navigli.

Va bene per aver comprato la pizza

Per alcuni, le sanzioni rappresentano un passo troppo radicale. Marco Barbieri, segretario generale della sede milanese di Confcommercio, ha dichiarato alla Galileus Web che il divieto va contro il “buon senso”.

“Se una famiglia italiana esce a mangiare una pizza e poi vuole uscire a fare una passeggiata e mangiare un gelato, verrà multata ai sensi di questa ordinanza”, dice. Ammette che alcuni residenti siano disturbati dal rumore, ma aggiunge che c’è spazio per un compromesso, come ad esempio mantenere i parchi e altri spazi aperti più a lungo.

«A Milano ci sono molte zone perfette per la movida (feste) che non disturbano i residenti, dovrebbero aprire più tardi e non chiudere prima», dice.

Anche Barbieri ritiene che la mezzanotte sia troppo presto per fermare le vendite. Dice che la maggior parte dei giovani milanesi non pensa nemmeno di uscire a cena prima delle 10, soprattutto nelle sere d'estate.

L'esperto è fermamente convinto che la nuova proposta verrà accettata, ma spera che sia in forma modificata. “Speriamo che tolgano dalla lista il gelato, l'acqua e la pizza. Abbandonare il divieto di alcolici a tarda notte”, dice.

Tuttavia, un cambiamento nella legge non è garantito. Piani simili per inasprire il divieto erano stati proposti dalle autorità locali nel 2013, ma hanno dovuto essere abbandonati dopo una significativa reazione pubblica e la formazione di un movimento di protesta chiamato “Occupy Gelato”.

Non è chiaro se questa volta ci sarà lo stesso livello di resistenza. I residenti della città hanno tempo fino alla prossima settimana per dire la loro sulla nuova proposta prima che il destino della passeggiata notturna dei gelati venga finalmente deciso.

Foto illustrativa di Muffin Creatives: https://www.pexels.com/photo/close-up-photo-of-person-holding-pizza-1653877/

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -