7.2 C
Bruxelles
Mercoledì, giugno 12, 2024
NewsLa nuova tecnologia cambia il modo in cui vengono studiate le proteine ​​nelle singole cellule

La nuova tecnologia cambia il modo in cui vengono studiate le proteine ​​nelle singole cellule

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Secondo un nuovo studio pubblicato su Nature Methods, i ricercatori del Karolinska Institutet, insieme a Pixelgen Technologies, hanno sviluppato e applicato una tecnica che consente di mappare le proteine ​​in singole cellule in un modo completamente nuovo. Ora è possibile misurare la quantità di proteine, come sono distribuite nella membrana cellulare e come interagiscono tra loro.

In precedenza, i ricercatori potevano studiare solo un numero limitato di proteine ​​nelle singole cellule utilizzando la citometria a flusso. Ma la nuova tecnica, chiamata pixelizzazione molecolare, fa un ulteriore passo avanti. Ora è possibile analizzare centinaia di proteine ​​contemporaneamente e ottenere un quadro più dettagliato della loro distribuzione e delle loro interazioni nelle singole cellule. Questo è importante perché le proteine ​​sono cruciali nella funzione cellulare e nella segnalazione. 

“Capendo come si comportano le proteine ​​nelle singole cellule, possiamo studiare meglio malattie come il cancro e i disturbi infiammatori. Inoltre, possiamo utilizzare la tecnica per valutare nuovi farmaci e il loro impatto sulla distribuzione delle proteine ​​nelle cellule”, afferma uno degli autori dello studio, Peter Brodin, Professore al Dipartimento per la salute delle donne e dei bambini, Karolinska Institutet, e continua:

“Nessun altro ha precedentemente segnalato un caso simile la tecnologia, ecco perché è così unico.

Secondo Petter Brodin, il prossimo passo sarà utilizzare la pixelizzazione molecolare nella ricerca sul cancro, sul sistema immunitario e su altri processi in cui la distribuzione delle proteine ​​cambia nel tempo. 

"Questo è entusiasmante perché aprirà nuove possibilità nell'analisi di singole cellule e contribuirà alla nostra comprensione dei processi biologici", afferma Petter Brodin. 

Fonte: Karolinska Institutet

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -