14.8 C
Bruxelles
Domenica, Giugno 23, 2024
EuropaSpettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni (II): verifica dei fatti...

Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni (II): verifica dei fatti dell'operazione a Buthiers, Francia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Uso sproporzionato delle forze di polizia alla ricerca di… vittime inesistenti del MISA

Il 28 novembre 2023, poco dopo le 6 del mattino, una squadra SWAT composta da circa 175 poliziotti con maschere nere, elmetti e giubbotti antiproiettile è scesa contemporaneamente su otto case e appartamenti separati a Parigi e dintorni ma anche a Nizza, brandendo fucili semiautomatici.

Centro di ritiro spirituale per praticanti di yoga a Buthiers
Centro di ritiro spirituale per praticanti di yoga a Buthiers

Questi luoghi ricercati venivano utilizzati per ritiri spirituali da praticanti di yoga collegati alla scuola di yoga MISA in Romania. Quella fatidica mattina, la maggior parte di loro era ancora a letto e fu svegliata da rumori e urla molto forti.

Il primo obiettivo delle forze di polizia era identificare, arrestare, detenere e incriminare i sospettati di “traffico di esseri umani”, “confinamento forzato” e “abuso di vulnerabilità”, in bande organizzate. Il secondo obiettivo era ottenere le dichiarazioni delle vittime come elementi di prova.

A Buthiers (regione parigina), 20 persone – 15 donne e 5 uomini – erano in ritiro al momento del raid. Tra loro c'erano ingegneri, designer, insegnanti, psicologi, uno studente di psicologia, un filologo, un sociologo, un medico, un attore e così via. Si erano diplomati nei licei, nelle facoltà di sociologia, psicologia, elettronica, matematica, informatica a Bucarest, Cluj Napoca, Chisinau (Moldavia), Buenos Aires (Argentina)…

Human Rights Without Frontiers ha intervistato una delle residenti, la signora SC (*), una donna ortodossa che pratica Hatha, tibetano e altre forme di yoga in Romania da 32 anni. Era venuta da Iasi a Buthiers con l'auto del suo fidanzato che aveva altro da fare a Parigi. Entrambi conoscevano quel centro di ritiri dove avevano già trascorso diverse settimane qualche anno fa. Era spazioso, confortevole e ben attrezzato.

MISA FRANCIA Buthiers02 Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni (II): verifica dei fatti dell'operazione a Buthiers, Francia
Spazio abitativo per praticanti di yoga a Buthiers

Colloquio

D.: Cosa è successo nel centro di ritiri spirituali di Buthiers la mattina presto del 28 novembre 2023?

A.: Sono stato svegliato all'improvviso da un sacco di rumore e da urla. Fuori era ancora buio e tutto ciò che potevo vedere guardando fuori dalla finestra erano i raggi di luce delle torce elettriche. Potevo sentire persone che urlavano, correvano e sbattevano violentemente oggetti in giro per casa.

All'inizio non mi rendevo nemmeno conto di cosa stesse succedendo. Pensavo che una banda di delinquenti fosse entrata in casa e ci avrebbero ucciso. Poco dopo questo primo pensiero spaventoso, ho cominciato a capire alcune parole delle urla e ho capito che in realtà si trattava di un raid della polizia francese.

In quel momento ho cominciato a interrogarmi sulle ragioni di un gesto così brutale e inaspettato. In casa c'erano solo persone pacifiche che erano venute al centro di ritiri spirituali per rigenerarsi attraverso pratiche di rilassamento e passeggiate nel meraviglioso ambiente naturale.

MISA FRANCIA Buthiers03 Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni (II): verifica dei fatti dell'operazione a Buthiers, Francia

Ignorando la proposta degli ospiti di aprire silenziosamente le porte con le chiavi di casa, la polizia ha sfondato le porte d'ingresso dell'edificio e diversi locali con degli arieti, provocando ingenti danni.

Diversi uomini e donne sono stati immobilizzati violentemente a terra e ammanettati con le mani dietro la schiena, nonostante non avessero mostrato alcun segno di resistenza.

Dopo circa tre ore ci è stato detto di fare velocemente le valigie perché saremmo stati portati in un altro luogo per essere interrogati e non ci sarebbe stato permesso di tornare al centro di ritiro.

La polizia ha controllato attentamente le cose che mettevamo nei nostri bagagli: vestiti, biancheria intima, quaderni, ecc. I nostri oggetti elettronici personali sono stati confiscati perché erano "prove", anche se non ci è mai stata informata di alcuna accusa. Abbiamo dovuto lasciare molti dei nostri effetti personali, anche le medicine. Non ci era permesso portare con noi cibo o acqua, ma sono riuscita a tenere una bottiglia.

D.: Dove sei stato portato e cosa è successo lì?

R.: Siamo stati mandati in autobus alla sede dell'Accademia nazionale di polizia a Cannes-Ecluse e riuniti in una sala conferenze. Erano già passate otto ore dall'inizio del raid. Per la prima volta una delle poliziotte ci ha raccontato i motivi del raid e il fatto che eravamo considerate possibili vittime di tratta, privazione della libertà e abusi sessuali. 

Lo abbiamo chiesto a tutti, molto sorpresi di sentire una simile spiegazione. Abbiamo risposto che le uniche persone che ci avevano privato della nostra libertà in Francia erano la polizia che ci aveva confiscato i documenti d'identità e i telefoni personali.

La maggior parte di noi era ancora in uno stato di shock emotivo, spaventato e traumatizzato da tutti gli eventi accaduti. Abbiamo chiesto più volte l'assistenza di un avvocato ma la nostra richiesta è stata respinta perché il nostro status non ce lo permetteva. Hanno tentato in vari modi di farci “parlare”, anche sotto la pressione di tenerci rinchiusi fino a 96 ore (durata legale della “garde à vue”, privazione della libertà).

Senza un avvocato, mi sono rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda perché ero ancora sotto lo shock emotivo di quell'evento.

MISA FRANCIA Buthiers04 Spettacolari raid SWAT simultanei nei centri yoga rumeni (II): verifica dei fatti dell'operazione a Buthiers, Francia

Ci è stato proposto anche di parlare con un rappresentante di un'associazione che aiuta le vittime di tratta e/o di abusi sessuali ma ho rifiutato perché non ero una vittima.

Continuavano a dirci che eravamo vittime e che ci avevano salvati ma questa era una situazione kafkiana, un vero dialogo della morte. Non eravamo stati vittime della tratta in Francia, non eravamo vittime del MISA e non avevamo bisogno di essere soccorsi.

D.: Come sei stato finalmente rilasciato e in quali condizioni?

R.: Dopo circa due o tre ore mi hanno restituito la carta d'identità ma non sono riuscito a recuperare i miei effetti personali. Non ho ricevuto copia dell'elenco degli oggetti personali confiscati e non ho firmato alcun verbale o dichiarazione. Sono stato scortato fino al cancello dell'enorme proprietà dell'Accademia Nazionale di Polizia e mi è stata mostrata solo la fermata dell'autobus locale.

Praticamente sono stato lasciato per strada in un paese straniero e in una città che non sapevo nemmeno dove fosse. Non ho avuto la possibilità di tornare al centro MISA di Buthiers perché era stato sigillato. Il mio telefono era stato sequestrato per le indagini, non potevo chiamare nessuno per chiedere aiuto e non avevo soldi con me, solo una carta bancaria con sopra una piccola somma.

Dopo alcune ore trascorse per strada al freddo, uno dei miei amici si è ricordato del numero di telefono di un amico e ha chiesto a qualcuno per strada di chiamare quella persona per chiedere aiuto. Dopo ancora qualche ora abbiamo raggiunto quella persona che ci ha ospitato e ci ha aiutato a ritornare in Romania.

D.: Che ne dici di viaggiare di nuovo in Francia in futuro?

R.: Mai più. Cinque mesi dopo quell’esperienza, sono ancora emotivamente fragile. Quando vedo una foto della Torre Eiffel in un film o quando sento un rumore improvviso e forte, comincio a tremare. È come una sindrome post-traumatica. Ci vorrà del tempo per liberarsene.

Alcuni commenti

Ci si può chiedere su quali basi sia stato deciso di lanciare diversi raid SWAT simultanei di tale portata – 175 poliziotti pesantemente armati – nei centri yoga di tutta la Francia. Persone pericolose, armi e droga non sembravano essere ciò che avrebbero potuto aspettarsi di affrontare se i luoghi fossero stati sottoposti a un serio esame preliminare da parte della polizia.

Ci si può chiedere perché siano stati utilizzati arieti distruttivi mentre i residenti offrivano le chiavi per aprire in sicurezza l'ingresso e altre porte senza alcun danno.

Ci si può chiedere perché e su quali basi diversi praticanti di yoga sono stati ammanettati, sebbene non abbiano opposto resistenza quando sono stati arrestati.

Ci si può chiedere perché sia ​​stata loro negata l'assistenza degli avvocati francesi.

Ci si può chiedere perché, a distanza di cinque mesi dall'irruzione, i praticanti di yoga rumeni non abbiano più avuto notizie né della polizia francese né del pubblico ministero e non abbiano recuperato i loro telefoni e altri beni confiscati.

Ci si può chiedere come andranno avanti le autorità francesi con un caso in cui sei persone sono state messe in custodia cautelare (molte erano ancora detenute dopo cinque mesi) e nessuna denuncia è stata presentata da nessuno delle dozzine di praticanti di yoga interrogati.

(*) Per rispetto della privacy dell'intervistata, mettiamo solo le sue iniziali ma abbiamo il suo nome completo e i suoi dati di contatto.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -