18.2 C
Bruxelles
Tuesday, July 16, 2024
Scelta dell'editoreAttenzione alle infiltrazioni di giornalisti pro-Putin nella bolla Bruxelles-UE 

Attenzione alle infiltrazioni di giornalisti pro-Putin nella bolla Bruxelles-UE 

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Ricercatori della ONG con sede a Bruxelles Human Rights Without Frontiers (HRWF) hanno appena scoperto un tentativo di infiltrazione da parte di un attivista mediatico ucraino pro-Putin nella bolla Bruxelles-UE, dove intende diffondere false informazioni sulla guerra della Russia all'Ucraina e danneggiare l'immagine dell'Ucraina. Il suo nome è Nikolay Moiseenko (Moysienko Mykola Viktorovich). 

È giornalista e direttore dell’agenzia di informazione”Primo canale cosacco” (ПЕРВЫЙ КОЗАЦКИЙ КАНАЛ) fondata nel 2017 e con sede a Kiev. 

In qualità di amministratore, è inevitabilmente coinvolto nel procedimento penale n. 22023101110000608 del 21 luglio 2023 contro il suddetto mezzo di informazione creato nel dicembre 2020 e qualificato dall'accusa come gruppo criminale organizzato. Nel caso vengono menzionati come partner anche altri giornalisti e organi di stampa.  

Gli obiettivi del “Primo Canale cosacco” erano creare, archiviare e diffondere informazioni, notizie e comunicati stampa; fornire foto e altri prodotti informativi ai media, alle autorità pubbliche, nonché ad altre persone giuridiche e persone fisiche in Ucraina e all'estero, attraverso la distribuzione tramite un'agenzia di stampa. Bruxelles era ed è uno degli obiettivi. 

Secondo l'accusa, "dal febbraio 2014 ad oggi, le organizzazioni pubbliche russe e le associazioni ortodosse filo-russe operanti in Ucraina e finanziate da organizzazioni non governative della Federazione Russa, nonché fondazioni religiose in Ucraina, hanno condotto attività volte a danneggiare lo Stato sicurezza dell’Ucraina nel campo dell’informazione”.

Del caso si sta occupando il tribunale distrettuale di Solomyanskyi di Kiev, che è ancora nella fase delle indagini preliminari. Ad oggi sono già state emesse 49 sentenze, l'ultima a cui HRWF ha avuto accesso 6 Giugno 2024

Le accuse 

Il procedimento penale include accuse di presunte attività

  • diretto contro le basi della sicurezza nazionale dell’Ucraina,
  • incitamento all'inimicizia religiosa basata sulla fede nella supremazia della nazione russa sulle altre nazioni,
  • intendeva distruggere lo Stato ucraino e tutti i suoi attributi,
  • sostegno alla Chiesa ortodossa ucraina (UOC) “in comunione con la Chiesa ortodossa russa/Patriarcato di Mosca” (ROC/MP)) che ha benedetto l’aggressione armata della Federazione Russa all’Ucraina.  
  • condotta in collaborazione con lo Stato aggressore e sostenendolo,
  • di alto tradimento, ovvero di minaccia intenzionale alla sovranità, all'integrità territoriale e all'inviolabilità, nonché alla sicurezza informatica dell'Ucraina, ovvero fornendo assistenza a uno Stato straniero nello svolgimento di attività sovversive contro l'Ucraina sotto la legge marziale.

Diverse persone sono indagate “per aver screditato l’Ucraina, indebolito la fiducia nella società patriottica ucraina e riportato l’Ucraina nella zona di influenza religiosa, culturale e politica della Russia”.

Secondo la sentenza del tribunale del 6 giugno 2024, il “Primo canale cosacco” utilizzava entità commerciali ufficialmente registrate legate alla sfera dei media. Uno di questi, secondo l'accusa, "viene utilizzato sistematicamente per pubblicare informazioni distorte ed è anche duplicato in altre risorse controllate dalla Chiesa ortodossa ucraina e dalla Repubblica ortodossa russa, compresi i canali federali russi". 

Secondo il parere degli esperti n. 23309/23-36/23310/23-61 dell'Istituto di ricerca scientifica di competenza forense di Kiev del Ministero della Giustizia dell'Ucraina del 2 febbraio 2024, le informazioni contenute nelle pubblicazioni del "Primo cosacco Channel” mirava a “umiliare l’onore e la dignità del clero e dei credenti della Chiesa ortodossa dell’Ucraina (Chiesa ortodossa dell’Ucraina)”. La Chiesa è indipendente da Mosca, è stata posta sotto la giurisdizione ecclesiastica del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli il 15 dicembre 2018 e le è stata concessa l'autocefalia il 5 gennaio 2019. 

La perizia sottolineava inoltre che il “Primo Canale cosacco” mirava anche a “creare ostilità nei confronti della “Chiesa ortodossa dell’Ucraina” e dei rappresentanti del Patriarcato ecumenico, nonché ad assistere la Federazione Russa nelle attività sovversive contro l’Ucraina nella sfera dell’informazione e della religione”.  

L’accusa denuncia inoltre le seguenti posizioni: 

  • la smentita che la Russia abbia minato la diga della centrale idroelettrica di Kakhovka 
  • dichiarazioni che negano che l’aggressione armata della Russia contro l’Ucraina sia iniziata nel 2014 e la presentano come un conflitto interno 
  • la giustificazione dell’aggressione armata su vasta scala della Russia contro l’Ucraina nel 2022, sostenendo che fosse stata causata dalle azioni illegali di alcune figure religiose della Chiesa ortodossa ucraina (Chiesa ortodossa dell’Ucraina), indipendente da Mosca. 

Sanzioni dell'UE contro i media di propaganda 

Per contrastare la propaganda russa, l’UE ha sospeso le attività di trasmissione e le licenze di diversi organi di disinformazione sostenuti dal Cremlino:  

  • Sputnik e filiali tra cui Sputnik Arabic  
  • Russia Today e filiali tra cui Russia Today inglese, Russia Today UK, Russia Today Germania, Russia Today Francia, Russia Today spagnolo, Russia Today arabo  
  • Rossiya RTR / RTR Planeta  
  • Rossiya 24 / Russia 24  
  • Rossiya 1  
  • Centro televisivo internazionale  
  • NTV/NTV Mir  
  • TV PULITA  
  • Pervyi Kanal  
  • Recensione orientale  
  • Canale televisivo di Tsargrad  
  • New Eastern Outlook  
  • catecone  
  • Canale televisivo delle terme  

See Spiegazione delle sanzioni UE contro la Russia  

Conclusione 

È necessaria vigilanza nella bolla europea a Bruxelles poiché diversi membri del Parlamento europeo e il loro personale sono stati recentemente accusati di complicità con il regime di Putin e di agire come agenti di influenza. 

Giornalisti, media e le istituzioni religiose sono altri canali abusati anche dalla propaganda russa. 

Il 18 dicembre 2023, il Consiglio dell’Unione Europea ha imposto misure restrittive nei confronti del canale televisivo Tsargrad (Царьград ТВ), appartenente e finanziato dal cosiddetto “oligarca ortodosso” Konstantin Malofeev, nell’ambito del progetto 12° pacchetto di sanzioni. In quell'occasione, il SPAS Canale televisivo della Chiesa ortodossa russa è stato anche sottoposto alle sanzioni dell’UE. 

All'inizio di quest'anno, Human Rights Without Frontiers identificati anche i giornalisti moldavi e un'associazione mediatica moldava danneggiando a Bruxelles l’immagine dell’attuale presidente moldava filo-UE Maia Sandu.  

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -