22.3 C
Bruxelles
Lunedi, luglio 22, 2024
Pubblica AmministrazioneNazioni uniteGli alti funzionari delle Nazioni Unite sollecitano un approccio globale alla prolungata crisi della Siria

Gli alti funzionari delle Nazioni Unite sollecitano un approccio globale alla prolungata crisi della Siria

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Martin Griffiths, coordinatore degli aiuti di emergenza delle Nazioni Unite, ha sottolineato il peggioramento della crisi umanitaria, sottolineando che 16.7 milioni di persone ora necessitano di assistenza umanitaria, il numero più alto dall’inizio del conflitto 13 anni fa.  

Ha sottolineato che la situazione sta peggiorando di anno in anno, con particolare attenzione alla crisi della protezione in corso poiché i bambini continuano a essere uccisi e le donne e le ragazze affrontano livelli crescenti di violenza sessuale e di genere.

Il Sottosegretario Generale Martin Griffiths informa la Sicurezza sulla situazione umanitaria in Siria.

Inoltre, una situazione economica instabile sta aggravando la sofferenza e perpetuando l’instabilità. Secondo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (Il PAM), il costo della vita è più che raddoppiato nell'ultimo anno e non vi sono segnali di miglioramento nel prossimo futuro.

"Più di sette milioni di persone rimangono sfollate in Siria, con altri milioni che vivono come rifugiati nei paesi vicini”, ha affermato Griffiths.

Ha sottolineato la necessità di un accesso umanitario duraturo attraverso operazioni sia transfrontaliere che transfrontaliere.

Accogliendo con favore la recente estensione concessa dal governo siriano per l'utilizzo del valico di frontiera di Bab al-Salam, il capo dei soccorsi delle Nazioni Unite ha sottolineato la necessità di impegni a lungo termine basati sulle esigenze piuttosto che su periodi di tempo prestabiliti.

I problemi di sicurezza

Geir O. Pedersen, inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria, descritta l’impasse politica è profondamente radicata, senza un chiaro percorso politico per implementare le Nazioni Unite Consiglio di Sicurezza risoluzione 2254, che delineava una tabella di marcia per la transizione politica della Siria.  

Ha messo in guardia dai rischi di una prolungata divisione e disperazione, che minacciano non solo i siriani ma la più ampia comunità internazionale.

“Una serie vertiginosa di attori locali e internazionali e di gruppi terroristici elencati rimangono impegnati in conflitti, all’interno e sul territorio siriano, in molteplici teatri”, ha affermato Pedersen.

Ha dettagliato gli scontri in corso nel nord del paese e le tensioni sulla sicurezza all’interno delle aree di controllo, complicate dalle ricadute della guerra a Gaza, compresi gli attacchi aerei israeliani all’interno della Siria e gli attacchi di razzi e droni dal territorio siriano verso il Golan siriano occupato da Israele e Israele. .

L'inviato speciale Geir Pedersen ha informato il Consiglio di Sicurezza sulle dinamiche politiche e di sicurezza.

“Se queste dinamiche continuano, inevitabilmente vedremo ancora più sofferenze civili. E potremmo anche vedere grandi escalation e ulteriore instabilità diffondersi in tutta la regione”, ha avvertito, ribadendo anche la necessità di un cessate il fuoco a Gaza.

“Gli sforzi di de-escalation regionali iniziano con a Il cessate il fuoco umanitario a Gaza è assolutamente essenziale”, ha sottolineato.

L’approccio frammentario non funzionerà

Pedersen ha inoltre sottolineato la necessità di una soluzione politica globale che coinvolga il governo siriano, l'opposizione, la società civile e i principali attori internazionali come l'Iran, la Russia, la Turchia, gli Stati Uniti, le nazioni arabe ed europee e il Consiglio di Sicurezza.

"Nessun attore da solo può risolvere la crisi, e nemmeno i gruppi diplomatici esistenti possono farlo. Una diplomazia internazionale costruttiva con il contributo di tutti è l’unica via da seguire”, ha sottolineato.

Allo stesso tempo, è necessario riprendere le riunioni del Comitato costituzionale e adottare misure concrete di rafforzamento della fiducia per stabilizzare la situazione.

“Molti capiscono che la situazione in Siria è pericolosa, che l’attuale approccio frammentario non sarà sufficiente ad arginare la marea e che una strategia di contenimento e alleviamento non stabilizzerà la situazione pericolosa e imprevedibile in Siria, proprio come non è avvenuto altrove in Siria. della regione”, ha detto.

Un'ampia veduta della camera del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite mentre i membri si incontrano per discutere la situazione in Siria.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -