22.1 C
Bruxelles
Lunedi, luglio 15, 2024
Diritti umaniGli sforzi globali per porre fine alle mutilazioni genitali femminili sono indeboliti dal “taglio delle vacanze”

Gli sforzi globali per porre fine alle mutilazioni genitali femminili sono indeboliti dal “taglio delle vacanze”

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Sebbene molti Stati abbiano intensificato gli sforzi verso l’eradicazione, la pratica continua in tutto il mondo in parte a causa della “natura clandestina delle MGF transfrontaliere e transnazionali”.

“La mutilazione genitale femminile lo è parte di un continuum di violenza di genere e non trova posto in un universo rispettoso dei diritti umani, " disse l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Volker Türk.

“Deve essere eliminato in tutte le sue forme e gli stereotipi di genere e le norme patriarcali che lo ancorano e perpetuano sradicati”. 

Milioni a rischio

Secondo le stime, nel 4.3 circa 2023 milioni di ragazze correvano il rischio di essere sottoposte a MGF rapporto, che si basava su approfondite ricerche documentali e contributi provenienti da Stati e organizzazioni della società civile di tutto il mondo.

Si ritiene che più di 600,000 donne nell’Unione Europea vivano con le conseguenze delle MGF, secondo cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce come “tutte le procedure che comportano la rimozione parziale o totale dei genitali femminili esterni, o altre lesioni agli organi genitali femminili per ragioni non mediche”.

Viene effettuato principalmente su ragazze di età compresa tra l'infanzia e i 15 anni.

"La pratica non ha benefici per la salute delle ragazze e delle donne e causa gravi emorragie e problemi di minzione, e successivamente cisti, infezioni, nonché complicazioni durante il parto e aumento del rischio di morte neonatale", ha aggiunto l'OMS. 

"Taglio ferie" durante le vacanze scolastiche 

Il rapporto afferma che il cosiddetto “taglio delle vacanze” avviene quando le famiglie, in particolare in Europa e Nord America, portano le loro figlie nei paesi e nelle comunità di origine per sottoporsi alla MGF durante le vacanze scolastiche.

In alcuni casi, secondo quanto riferito, le ragazze vengono portate nei paesi che fungono da “hub transnazionali delle MGF”. In alcuni casi, sono i “tagliatori” che si spostano oltre confine per eseguire la procedura dannosa.

Il rapporto ha individuato movimenti transfrontalieri e transnazionali a scopo di MGF in tutto il mondo. Le ragazze e le giovani donne che vivono nelle comunità di confine sono particolarmente vulnerabili dato che le aree di confine spesso ospitano comunità con legami culturali ed etnici che trascendono i confini nazionali.

Affrontare le cause principali

“Gli stati di tutto il mondo hanno assunto impegni in materia di diritti umani per sradicare le MGF e promuovere l’uguaglianza di genere”, ha affermato Türk.

“Dovrebbero garantire un approccio globale congiunto che affronti le cause profonde e le conseguenze delle MGF, tra l’altro armonizzando i loro quadri giuridici e politici e garantendone l’attuazione, se vogliono veramente rispettare i loro impegni per porre fine a questa pratica dannosa ovunque. " 

Il rapporto chiedeva una maggiore cooperazione regionale e internazionale verso l'eradicazione.

Le misure suggerite includono lo stanziamento di risorse adeguate per la creazione e l’attuazione di quadri di politica regionale e accordi di cooperazione per affrontare la piaga transfrontaliera e per sostenere i sopravvissuti.  

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -