21.2 C
Bruxelles
Domenica, luglio 14, 2024
AmbienteInizia il conto alla rovescia per la ratifica del Trattato d'Alto Mare 

Inizia il conto alla rovescia per la ratifica del Trattato d'Alto Mare 

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

COMUNICATO STAMPA / Alleanza per l'Alto Mare / Le nazioni si preparano alla sua entrata in vigore - New York, 19 giugno 2024: Un anno dallo storico Trattato sull'Alto Mare1 per proteggere la biodiversità oltre la giurisdizione nazionale (BBNJ) è stato formalmente adottato dagli Stati membri delle Nazioni Unite2 il 19 giugno 2023, l’High Seas Alliance ha avviato il conto alla rovescia di un anno per raggiungere l’obiettivo di garantire le 60 ratifiche necessarie affinché il Trattato entri in vigore da parte della Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani (UNOC3) nel giugno 2025, in Francia. 

Il conto alla rovescia è iniziato una settimana prima che gli Stati membri delle Nazioni Unite si riunissero presso la sede delle Nazioni Unite a New York per pianificare l'entrata in vigore del Trattato in occasione della prima riunione della Commissione preparatoria sull'accordo BBNJ del 24-26 giugno 20243.

"Oggi è iniziato il conto alla rovescia affinché tutte le nazioni ratifichino il Trattato sull’alto mare entro un anno. Il Trattato rappresenta un passo avanti storico per l’umanità: è un’opportunità fondamentale per proteggere la vita nell’oceano globale oltre i nostri confini nazionali. Per raggiungere il nostro obiettivo collettivo di garantire le 60 ratifiche necessarie affinché il Trattato entri in vigore entro giugno 2025, tutte le nazioni devono accelerare la corsa alla ratifica4 affinché possiamo trasformare al più presto le parole in protezioni attive degli oceani. L'orologio sta ticchettando!" disse Rebecca Hubbard, direttrice dell'High Seas Alliance. 

Una volta che 60 paesi avranno ratificato il Trattato sull'alto mare, esso entrerà in vigore e diventerà la prima legge internazionale al mondo a imporre la conservazione e la gestione della biodiversità al di là delle giurisdizioni nazionali (BBNJ), consentendo l'istituzione di Aree marine protette d'alto maree regolamentare le attività potenzialmente dannose attraverso valutazioni esaustive di impatto ambientale. Ad oggi, 90 nazioni hanno firmato5 il Trattato e molte altre sono in fase di ratifica; tuttavia, a un anno dall’adozione, solo sette – Palau, Cile, Belize, Seychelles, Monaco, Mauritius e gli Stati federali della Micronesia – lo hanno formalmente ratificato. . Nel frattempo, lo slancio politico sta crescendo 34 nazioni si sono impegnate a garantire le 60 ratifiche necessarie affinché entri in vigore entro giugno 2025.

L’alto mare – l’oceano oltre i confini marittimi dei paesi – copre metà del pianeta e svolge un ruolo essenziale nella regolazione del nostro clima assorbendo circa il 30% della CO2 prodotta ogni anno dall’uomo. Questa vasta area oceanica sostiene alcuni degli ecosistemi più importanti della Terra, ma in grave pericolo di estinzione, ma la mancanza di governance l’ha resa sempre più vulnerabile allo sfruttamento eccessivo da parte dell’uomo. Attualmente è l’area meno protetta del nostro pianeta; solo l’1.5% è completamente protetto. 

Trasformare in azione il Trattato sull'alto mare è un passo fondamentale per garantire gli obiettivi internazionali volti a invertire la crisi climatica e della biodiversità, compreso l'obiettivo internazionale di proteggere almeno il 30% delle terre e dei mari del mondo entro il 2030, concordato durante la conferenza globale delle Nazioni Unite. Summit sulla biodiversità nel dicembre 2022. 

1. La High Seas Alliance utilizza talvolta il termine “Trattato sull’alto mare” come abbreviazione per l’accordo BBNJ. Riconosce che l'ambito di applicazione dell'accordo BBNJ comprende tutte le aree al di fuori della giurisdizione nazionale, compresi il fondale marino e la colonna d'acqua. Questa scelta di formulazione ha lo scopo di facilitare la comprensione ad un vasto pubblico e non trasmette una priorità tra le componenti o i principi dell'Accordo BBNJ.

2. Ci sono 193 Stati membri delle Nazioni Unite. Consulta l'elenco completo su Tracker di ratifica dell'Alleanza d'alto mare.

3. Dal 24 al 26 giugno 2024, gli Stati membri delle Nazioni Unite lo faranno convocare una riunione della commissione preparatoria per l'accordo BBNJ5 per preparare l'entrata in vigore dell'Accordo BBNJ e la convocazione della prima riunione della Conferenza delle Parti (CoP) dell'Accordo. Discuteranno questioni organizzative, compresa l'elezione dei copresidenti e dell'ufficio di presidenza, le date delle riunioni e il programma di lavoro della Commissione. Leggi i nostri consigli qui

4. Tieni traccia dei progressi dei paesi riguardo al Trattato sull'alto mare e scopri di più sul #RaceForRatification at www.highseasalliance.org/treaty-ratification o leggi di più sul Trattato sull'alto mare qui factsheet e domande frequenti.

5. Firma non stabilisce il consenso affinché gli Stati siano vincolati al Trattato, ma esprime la volontà dello Stato firmatario di continuare il processo di elaborazione del trattato e di procedere alla ratifica. La firma comporta anche l'obbligo di astenersi, in buona fede, da atti che possano vanificare l'oggetto e lo scopo del Trattato. Dopo la firma, i paesi possono ratificare l'accordo in qualsiasi momento. Il testo del Trattato specifica che il presente Accordo sarà aperto alla firma di tutti gli Stati a partire dal 20 settembre 2023 e rimarrà aperto alla firma presso la sede delle Nazioni Unite a New York fino al 20 settembre 2025. Trascorso questo periodo, gli Stati potranno aderire aderendo all'Accordo Accordo. L'adesione si riferisce all'atto con cui uno Stato esprime il proprio consenso ad essere vincolato da un accordo. Ciò può avvenire dopo l’entrata in vigore di un trattato.

Ratifica avviene quando le nazioni acconsentono formalmente al nuovo diritto internazionale, e ciò spesso implica garantire che le loro leggi nazionali siano coerenti con esso. La velocità e il processo di ratifica variano a seconda del paese. In alcuni paesi l'atto di ratifica è semplicemente un decreto del Leader, mentre in altri è necessaria l'approvazione parlamentare.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -