21.2 C
Bruxelles
Domenica, luglio 14, 2024
AfricaBambini albini: superstizioni in Africa

Bambini albini: superstizioni in Africa

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Gabriel Carion López
Gabriel Carion Lópezhttps://www.amazon.es/s?k=Gabriel+Carrion+Lopez
Gabriel Carrión López: Jumilla, Murcia (SPAGNA), 1962. Scrittore, sceneggiatore e regista. Ha lavorato come giornalista investigativo dal 1985 nella stampa, radio e televisione. Esperto di sette e nuovi movimenti religiosi, ha pubblicato due libri sul gruppo terroristico ETA. Collabora con la stampa libera e tiene conferenze su diversi argomenti.

Essere un bambino albino in Africa è come portare sulle spalle una lapide permanente. Quando nascono vengono, in molti casi, ripudiati, in altri venduti a chi li uccide e ne commercia i resti. In altri, i peggiori, vengono allevati come cani finché non crescono e in tenera età vengono uccisi e smembrati per vendere di tutto, dai capelli ai genitali, come afrodisiaci. I bambini albini in Africa valgono oro.

Quando Europa parla di evoluzione, di Agenda 2030, di valori, dimentichiamo il trattamento che ricevono milioni di persone nel mondo. Le donne vengono allontanate dalla formazione accademica, sottoposte a matrimoni umilianti e nascoste dietro abiti più tipici del Medioevo che del XXI secolo. Noi europei e americani ci sentiamo in dovere di protestare, inventando genocidi inesistenti oppure ci divertiamo consolidando convinzioni che ci impediscono di avvicinarci all’oscurità che regna nel caos dell’Africa nera. Confezioniamo il cibo e lasciamo che siano gli altri a fare il lavoro sporco per noi. Come direbbe il poeta: che altri parlino del governo del mondo e delle sue monarchie, mentre burro e pane molle governano le mie giornate. Ma ci sono questioni che non possono essere ignorate e quella dei bambini albini (maledetti) dell’Africa è una di queste.

Quando un bambino albino nasce, deve essere accettato dalla famiglia. Altrimenti la loro vita sarà molto breve. Questa accettazione è l’unico modo che hanno per sopravvivere. In aree come la Sierra Leone e i paesi circostanti, dove prevalgono credenze magiche e superstizioni, il riconoscimento da parte della famiglia significa che sia il bambino che il suo ambiente sono considerati afflitti. Non viene ripudiato, ma viene additato.

La zeru o invisibili come vengono chiamati nel lingua swahili, di solito vengono strangolati alla nascita e vengono persino sepolti lontano dal villaggio affinché i loro resti riposino in pace. Le loro tombe non sono contrassegnate per evitare che vengano profanate e la famiglia le dimentichi. Tra molti popoli africani è diffusa la convinzione che siano sfortune, esseri che se vivono portano sfortuna alla gente. Tuttavia, se muoiono, le cose cambiano. In un articolo dell'aprile 2009, sulla rivista XL Semana, in Spagna, sulla base della testimonianza di uno di questi bambini, arrivato in barca sulla costa mediterranea, di nome Moszy, si può leggere quanto segue:

…Dice che non vuole tornare nel suo Paese perché teme di essere ucciso e divorato in un rituale di magia nera. Prima di morire gli sarebbero state amputate le braccia e le gambe con il machete. Con il loro sangue gli stregoni preparavano un brodo chiamato muti. Con le dita delle sue mani amuleti. Con i suoi genitali una pozione sessuale efficace quanto il Viagra. Ognuna delle sue ossa vale tanto oro quanto pesa. Ogni falange può essere utilizzata per una collana...

Tutto quanto sopra è vero. Per questi resti vengono pagate somme significative di denaro. Nel 2009 un osso poteva costare fino a 1,500 dollari. Immagina adesso. Nel corso dei secoli gli albini, come gli ebrei, sono stati sterminati in un lento genocidio. Alcuni dei primi continuano a essere carne da cannone, gli altri cercano di difendersi dal resto del mondo che li condanna per aver cercato di vivere in pace. Credenze maledette, idee perverse, alla fine prevalgono in un mondo globalizzato dove prevale la paura.

I dati dell’epoca sono scioccanti (2009): nella sola Tanzania, nell'ultimo anno sono state rapite e uccise 41 persone. Altri 10 in Burundi. Sette in Mali in Camerun… E così paese dopo paese il dato aumenta senza pietà.

Salif Keita, eminente musicista albino nato in Mali, di cui si può ancora ascoltare la musica, è nato nel 1949 a Djoliba, all'epoca centro-sud-ovest del Sudan francese. È considerato la voce d'oro dell'Africa e sfuggì all'assassinio perché discendente diretto del re Sundiata Keita (1190-1255), fondatore dell'Impero del Mali. Nonostante ciò, confessa in tutte le interviste in cui viene affrontato l'argomento, di essere sfuggito alla morte a causa del suo lignaggio, ma di essere stato ripudiato dalla famiglia e nascosto alla società perché considerato un portafortuna nella cultura Mandingo. Assicura che gli albini continuano ad essere sacrificati oggi e in generale quando in uno qualsiasi dei paesi dove prevalgono queste credenze miserabili e superstiziose, questi bambini vengono rapiti e con loro si fanno sacrifici per ottenere risultati migliori alle elezioni. In generale, lo stesso Keita confessa che nel suo Paese, ancora oggi, se vanno in ospedale, i medici sono soliti non toccarli per evitare che prendano sfortuna.

Nel 2023, appena un anno fa, sul quotidiano La República (1) si leggeva uno dei titoli: Vivere nella paura: bambini e adulti albini in Africa vengono uccisi per il traffico di organi. Sono trascorsi più di 24 anni dal riferimento a questo nell'articolo precedente (2009) e tutto è rimasto uguale. Ma la cosa peggiore è che non esiste una legislazione che regoli questa questione. Dall’Interpol, a Bruxelles, passando per i diversi governi nel corso degli anni, nessuno sembra aver agito in modo efficace. Gli stregoni che praticavano queste pratiche sono stati arrestati, ma nella maggior parte dei casi hanno dovuto essere rilasciati perché nessuno avrebbe testimoniato contro di loro. Europa se ne lava le mani e questa non è una questione che sembra interessare al Tribunale penale dell’Aja, anche se si tratta di un vero e proprio genocidio.

Nell'introduzione dello stesso quotidiano precedente si leggeva: Un singolo osso di una persona albina può valere circa 1,000 euro al mercato nero. Un recente rapporto delle Nazioni Unite afferma che un “set completo” arriva fino a 60,000 euro. Sappiamo esattamente cosa significano 1,000 euro o 60,000 euro nell'inesistente economia di quella zona del mondo. Perché esiste un rapporto delle Nazioni Unite datato 2023 e non si fa nulla al riguardo? Chi compra questi amuleti? Perché sia ​​il venditore che l'acquirente non vengono perseguitati in modo reale?

Alla fine, è un mercato nefasto per il traffico di resti umani che promuove un genocidio praticato in un’area del mondo da centinaia di anni. Ma chi se ne frega, in fin dei conti non è sufficiente per un reality show televisivo, né la sua diffusione contribuirebbe assolutamente a nessun media decente. La società in generale e la nostra, quella del benessere in più, hanno troppi ombelichi in cui guardarsi, mentre continuiamo  combattere" per diritti umani nel mondo. Ma è davvero combattuta? Mi chiedo, o è solo propaganda.          

Riferimento LaRepublica.PE qui 

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -