24.6 C
Bruxelles
Venerdì, luglio 19, 2024
EuropaIl professor Mar Leal, dell'Università di Siviglia, ha affermato che la libertà religiosa deve...

Il professor Mar Leal, dell'Università di Siviglia, ha affermato che la libertà religiosa deve essere tutelata e non data per scontata

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

KingNewsWire // Bruxelles, Bruxelles, Belgio, 12 giugno 2024 – Voci di spicco per la promozione e la difesa della libertà religiosa in Spagna e in Europa si sono riunite presso l’Università di Siviglia il 27 maggio 2024 per la presentazione di un nuovo libro intitolato “10 anni di promozione e difesa della libertà religiosa.Il corposo libro di 560 pagine, finanziato dalla Pluralism and Coexistence Foundation e pubblicato da Dykinson e FoRB Publications, comprende gli scritti di circa 30 esperti, nei campi del diritto, dell'antropologia e della pubblica amministrazione, e che hanno vinto negli ultimi 10 anni il prestigioso premio “Premi per la libertà religiosa".

L'evento è stato organizzato dalla Fondazione per il miglioramento della vita, della cultura e della società (fondata dall' Chiesa di Scientology) e tenutosi presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Siviglia. Tra i relatori c'erano:

  • Mar Leal, Professore di Diritto Ecclesiastico dello Stato presso l'A Università di Siviglia
  • Zoila Combalia, Professore di Diritto Ecclesiastico dello Stato presso l'A Università di Saragozza
  • Rafael Valencia Candalija, Professore di Diritto Ecclesiastico dello Stato presso l'A Università di Siviglia
  • Ricardo Garcia Garcia, Professore di Diritto Ecclesiastico dello Stato presso l'A Università autonoma di Madrid
  • Isabel Ayuso Puente, avvocato specializzato in diritto penale e segretario generale della Fondazione per il miglioramento della vita e della società
  • Ivan Arjona-Pelado, Presidente della Fondazione per il miglioramento della cultura della vita e della società, in qualità di rappresentante di Scientology all’UE e alle Nazioni Unite.

I relatori hanno sottolineato l'importanza di proteggere la libertà religiosa come elemento centrale delle società democratiche. Sebbene sia protetta dalle leggi, hanno avvertito che la libertà religiosa è spesso trascurata e violata a livello globale e non deve essere data per scontata.

Professoressa Mar Leal, che ha ospitato la presentazione presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Università di Siviglia, ha sottolineato che se c'è un diritto indispensabile in una democrazia, quello è proprio la libertà religiosa. “Se c’è un diritto che veramente non è riconosciuto, protetto o salvaguardato, è altrettanto quello la libertà religiosa”, ha affermato. Leal ha elogiato il libro come un prezioso contributo alla difesa di questa libertà essenziale.

Isabel Ayuso Puente, avvocatessa specializzata in diritto penale e segretaria generale della Fundacion Mejora, ha condiviso la sua esperienza decennale come testimone di crimini contro la libertà religiosa che non sono stati giudicati. Dagli attacchi alla reputazione alla discriminazione totale, Ayuso ha lamentato il grande danno causato agli individui, alle famiglie e alle comunità religiose. Pur riconoscendo che non tutti questi reati rientrano perfettamente nelle leggi penali esistenti, ha sostenuto protezioni legali più solide.

La professoressa Zoila Combalìa, che ha prestato servizio nel Gruppo di esperti dell'OSCE sulla libertà di religione o di credo, ha evidenziato la natura sempre più pluralistica delle società spagnole ed europee in termini di demografia religiosa. Ha sostenuto che il rispetto della libertà religiosa è fondamentale per la coesistenza pacifica in mezzo a tale diversità. Combalía ha anche messo in guardia contro le politiche volte a rendere la religione invisibile nella sfera pubblica, affermando che “Una religione compressa, rinchiusa, ha molte più probabilità di provocare polarizzazione e confronto”.

Dall'arena sportiva, Professor Rafael Valencia Candalija ha esaminato come le principali federazioni sportive hanno progressivamente modificato le proprie regole e politiche sulle attrezzature per accogliere abiti e simboli religiosi per gli atleti come l'hijab musulmano. Ha criticato la recente proposta del ministro dello sport francese di vietare tali espressioni religiose da parte degli atleti francesi alle Olimpiadi di Parigi del 2024 come un passo regressivo.

Partecipare a distanza, Professor Ricardo García García ha incentrato il suo intervento sulla dimensione collettiva della libertà religiosa per le comunità e le istituzioni di fede. Ha esaminato la giurisprudenza che fornisce indicazioni su quando le espressioni pubbliche danneggiano potenzialmente l'onore e la reputazione di un ente religioso.

L'evento si è concluso con Il presidente della Fondazione Ivan Arjona-Pelado evidenziando le diverse prospettive del libro sottolineando al contempo la loro convergenza nel sostenere la libertà religiosa. Arjona ha celebrato il lavoro come una risorsa educativa che presto sarà distribuita a 200 biblioteche universitarie a livello nazionale.

Con un gesto toccante, Arjona-Pelado ha letto parte della pagina di dedica del libro, basata su una preghiera per la libertà totale di L Ron Hubbard, rivolgendolo a “coloro la cui libertà è stata minacciata dalla schiavitù o dal martirio” e a tutte le vittime dei trattamenti brutali inflitti a causa delle loro convinzioni. Il loro messaggio sonoro: nella società del 21° secolo, la libertà di pensiero, di coscienza e di esercizio religioso dovrebbe essere universalmente garantita a tutti, ovunque e in ogni momento.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -