9.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

L'UE rischia bancarotte, prestiti inesigibili quando finisce l'aiuto del COVID-19 alle imprese — documento

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

FILE PHOTO: Le bandiere dell'Unione europea sventolano fuori dalla sede della Commissione europea a Bruxelles, Belgio, 21 agosto 2020. REUTERS/Yves Herman/file Photo/file Photo

BRUXELLES — L'Unione Europea sta affrontando un'ondata di fallimenti e crediti inesigibili una volta che la ripresa economica post-pandemia inizia a prendere piede e i governi iniziano a ritirare i regimi statali che stanno mantenendo molte aziende in vita, indica un documento dell'UE.

La nota della Commissione europea, preparata per i colloqui dei ministri delle finanze della zona euro lunedì, afferma che grazie a quasi 2.3 trilioni di euro (2.8 trilioni di dollari) in misure nazionali di sostegno alla liquidità, i governi della zona euro hanno finora evitato un aumento delle insolvenze.

PUBBLICITA

Without such help and new loans from banks, almost a quarter of EU companies would have had liquidity problems by the end of 2020 after exhausting their cash buffers because of the economic havoc wreaked by the COVID-19 pandemic, the note said.

"Una volta scadute le misure di sostegno pubblico senza precedenti, è probabile che un certo numero di aziende non adempia ai propri obblighi di debito, portando a un aumento dei prestiti deteriorati e delle insolvenze", afferma la nota, vista da Reuters.

STORIE IN EVIDENZA

Quasi la metà di tutte le aziende che avrebbero avuto problemi di liquidità l'anno scorso a causa della pandemia erano già ad alto rischio di insolvenza prima della crisi e ora venivano mantenute a galla solo dall'aiuto del governo. Probabilmente avrebbero quindi dovuto affrontare problemi di solvibilità dopo la crisi, afferma la nota.

I colloqui dei ministri di lunedì si concentreranno su come gestire il processo di svezzamento delle imprese dal sostegno statale in futuro e su come identificare al meglio, con l'aiuto degli investitori del settore privato, quali società sono redditizie e possono sopravvivere.

"Supporto più mirato"

"C'è un pieno accordo sul fatto che il sostegno fiscale deve essere mantenuto per ora, per un bel po'", ha affermato un alto funzionario della zona euro coinvolto nella preparazione dei colloqui.

"Ma c'è anche il riconoscimento che il supporto potrebbe dover cambiare forma, che sarà necessaria una transizione graduale verso un supporto più mirato".

La nota afferma che nel terzo trimestre del 2020 i prestiti bancari della zona euro soggetti a moratoria sono stati pari a 587 miliardi di euro, di cui circa il 60% erano prestiti alle imprese. Nel secondo trimestre la quota delle sofferenze nell'area dell'euro sul totale dei prestiti è stata del 5.23%.

"Nel complesso, il volume dei prestiti deteriorati dovrebbe aumentare in tutta l'UE, sebbene i tempi e l'entità di questo aumento rimangano incerti", ha affermato la Commissione.

Fortunatamente, la posizione patrimoniale più forte delle banche rispetto alla crisi finanziaria di dieci anni fa dovrebbe aiutarle ad assorbire meglio lo shock questa volta, ha affermato la Commissione.

PUBBLICITA

I più colpiti sono stati alberghi e ristoranti, di cui tre quarti hanno problemi di liquidità, ma anche trasporti, case automobilistiche, metalli di base e tessili. I servizi di comunicazione, i prodotti alimentari e farmaceutici, i computer e l'elettronica sono andati molto meglio.

Rapporti di prestiti inesigibili

I problemi con la liquidità aziendale non si riflettono ancora nei rapporti di sofferenze.

"Sebbene sia chiaro che la capacità di servizio del debito del settore privato è stata influenzata negativamente dalla pandemia, le garanzie di credito del governo e le moratorie sul rimborso dei prestiti hanno finora impedito un aumento delle inadempienze sui prestiti", si legge nella nota.

"Quindi, i rapporti principali degli NPL (prestiti deteriorati) - basati su uno stock di NPL piuttosto stabile e sul denominatore del prestito in aumento - non riflettono ancora il deterioramento sottostante del profilo di credito dei mutuatari", ha affermato la Commissione.

Dei quasi 2.3 trilioni di euro di misure di liquidità del governo a livello dell'UE, le imprese e le famiglie hanno assorbito circa il 32% del totale, principalmente in garanzie pubbliche, afferma la nota.

To keep going despite the lockdowns, companies burnt through their cash reserves and borrowed money as well as making use of government help. Borrowing from banks surged the most in France, Italy and Spagna, reversing 10 years of decline in corporate debt to banks, the note said.

I ministri dovranno ora capire come mantenere aperti i canali del credito alle imprese redditizie; i sondaggi hanno indicato che il fabbisogno di credito ha già superato la disponibilità in tutti i paesi dell'area dell'euro.

The Commission said that, while euro zone banks had been generally strong going into the crisis, they now believed corporate and and economia-wide risks had increased.

"Secondo l'indagine sui prestiti bancari della BCE, le banche prevedono di inasprire ulteriormente le condizioni di credito e aumentare i requisiti di garanzia", ​​ha affermato la Commissione.



Per ulteriori notizie sul nuovo coronavirus, fare clic su


Cosa devi sapere sul Coronavirus.




Per ulteriori informazioni su COVID-19, chiama la linea diretta DOH: (02) 86517800 1149/1150 locale.





La Fondazione Inquirer supporta i nostri frontliner sanitari e accetta ancora donazioni in contanti da depositare sul conto corrente del Banco de Oro (BDO) n. 007960018860 o donare tramite PayMaya utilizzando questo collegamento .


Leggi Avanti


SCELTA DEI REDATTORI

Non perdere le ultime notizie e informazioni.

Iscriviti a INQUIRER PLUS per accedere a The Philippine Daily Inquirer e ad altri 70+ titoli, condividere fino a 5 gadget, ascoltare le notizie, scaricare già alle 4 del mattino e condividere articoli sui social media. Chiama 896 6000.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti