11.3 C
Bruxelles
Giovedi, settembre 29, 2022

PER LA SALUTE MENTALE: Dichiarazione dei diritti umani sulla salute mentale

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Miti astrali

0
Costruire la cooperazione interregionale per combattere la criminalità nel settore della pesca

Costruire la cooperazione interregionale per combattere la criminalità nel settore della pesca  

0
L'immensa scala e la crescita del settore della pesca hanno anche portato gli attori a commettere reati nel settore della pesca.
La Corte africana sostiene il diritto all'autodeterminazione e all'indipendenza del popolo sahrawi

La Corte africana sostiene il diritto del Sahara occidentale all'autodeterminazione e all'indipendenza

0
In una recente sentenza storica, la Corte africana ha denunciato l'occupazione marocchina del Sahara occidentale come una grave violazione del diritto all'autodeterminazione.
ONU: cooperazione con l'Armenia per affrontare le sfide legate alla droga e alla criminalità

ONU: cooperazione con l'Armenia per affrontare le sfide legate alla droga e alla criminalità

0
Firmata una nuova tabella di marcia per la cooperazione con l'Armenia per affrontare le sfide legate alla droga e alla criminalità
cchr logo blue modern - PER LA SALUTE MENTALE: Dichiarazione dei diritti umani sulla salute mentale

Molti di coloro che hanno lottato durante la pandemia potrebbero cercare aiuto per tornare a una "vita normale". Conoscere i propri diritti umani sulla salute mentale è un primo passo importante.

WASHINGTON, DC, USA, 31 maggio 2021 /EINPresswire.com/ — La Dichiarazione dei diritti umani sulla salute mentale, come la Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite che l'ha preceduta, è così fondamentale che dovrebbe essere ampiamente conosciuta dal grande pubblico, ma molti ancora non conoscono i propri diritti. Un gruppo sta lavorando per cambiarlo. Tutto diritti umani le organizzazioni stabiliscono codici con cui allineano i loro scopi e le loro attività. La Dichiarazione dei diritti umani sulla salute mentale articola i principi guida e gli obiettivi di Commissione dei cittadini per i diritti umani (CCDU).

Nel 2017, il Dr. Dainius Pūras, il Relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto alla salute, ha chiesto una rivoluzione nell'assistenza sanitaria mentale in tutto il mondo per "porre fine a decenni di abbandono, abuso e violenza", affermando: "Ora ci sono prove inequivocabili dei fallimenti di un sistema che fa troppo affidamento sul modello biomedico dei servizi di salute mentale , compreso l'uso in prima linea e l'uso eccessivo di farmaci psicotropi, eppure questi modelli persistono".

I diritti umani includono il diritto alla propria mente ea proteggere se stessi e i propri cari da qualsiasi “trattamento” abusivo o dannoso somministrato con il pretesto della salute mentale.

Ogni uomo, donna e bambino ha diritto ai diritti umani fondamentali enunciati nella presente Dichiarazione dei diritti umani sulla salute mentale, indipendentemente dalla razza, dall'ideologia politica, dalle convinzioni religiose, culturali o sociali.

Dato che praticamente nessun diritto umano o civile protegge adeguatamente i cittadini dagli abusi della salute mentale, è fondamentale che i seguenti diritti siano riconosciuti e che tutti i paesi adottino questa Dichiarazione.

LA DICHIARAZIONE SULLA SALUTE MENTALE DEI DIRITTI UMANI

A. Il diritto al pieno consenso informato, compreso:

  1. Il test medico/scientifico che conferma eventuali presunte diagnosi di disturbo psichiatrico e il diritto a confutare eventuali diagnosi psichiatriche di “malattia mentale” che non possono essere confermate dal punto di vista medico.
  2. Divulgazione completa di tutti i rischi documentati di qualsiasi farmaco o "trattamento" mentale proposto.
  3. Il diritto di essere informato di tutte le cure mediche disponibili che non comportino la somministrazione di farmaci o cure psichiatriche.
  4. Il diritto di rifiutare i farmaci psichiatrici documentati dalle agenzie internazionali di regolamentazione dei farmaci come dannosi e potenzialmente letali.
  5. Il diritto di rifiutarsi di sottoporsi a elettroshock o psicochirurgia.

B. Nessuna persona sarà obbligata a sottoporsi ad alcun trattamento psichiatrico o psicologico contro la propria volontà.

C. A nessuna persona, uomo, donna o bambino, può essere negata la libertà personale a causa di malattia mentale, senza un equo processo con giuria da parte di laici e con adeguata rappresentanza legale.

D. Nessuna persona può essere ricoverata o trattenuta in un istituto, ospedale o struttura psichiatrica a causa delle sue convinzioni e pratiche politiche, religiose o culturali o sociali.

E. Ogni paziente ha:

  1. Il diritto ad essere trattato con dignità come essere umano.
  2. Il diritto alle strutture ospedaliere senza distinzione di razza, colore, sesso, lingua, religione, opinione politica, origine sociale o status per diritto di nascita o proprietà.

  3. Il diritto a un esame fisico e clinico approfondito da parte di un medico generico competente di propria scelta, per assicurarsi che la propria condizione mentale non sia causata da malattie, lesioni o difetti fisici non rilevati e non curati e il diritto di rivolgersi a un secondo medico parere di propria scelta.

  4. Il diritto a strutture mediche completamente attrezzate e personale medico adeguatamente formato negli ospedali, in modo che possano essere eseguiti esami fisici e clinici competenti.

  5. Il diritto di scegliere il tipo o il tipo di terapia da impiegare e il diritto di discuterne con un medico generico, un guaritore o un ministro di propria scelta.

  6. Il diritto a rendere chiari e comprensibili al paziente tutti gli effetti collaterali di qualsiasi trattamento offerto, in forma scritta e nella lingua madre del paziente.

  7. Il diritto di accettare o rifiutare le cure ma in particolare il diritto di rifiutare la sterilizzazione, il trattamento con elettroshock, shock insulinico, lobotomia (o qualsiasi altra operazione psicochirurgica cerebrale), terapia di avversione, narcoterapia, terapia del sonno profondo e qualsiasi farmaco che produca effetti collaterali indesiderati.

  8. Il diritto di sporgere denuncia ufficiale, senza ritorsioni, a un collegio indipendente composto da personale non psichiatrico, avvocati e laici. I reclami possono comprendere qualsiasi trattamento o punizione tortuoso, crudele, disumano o degradante ricevuto durante l'assistenza psichiatrica.
    9. Il diritto di avere una consulenza privata con un consulente legale e di agire in giudizio.

  9. Il diritto di dimettersi in qualsiasi momento e di essere dimesso senza restrizioni, senza aver commesso reato.

  10. Il diritto di gestire i propri beni e affari con un consulente legale, se necessario, o se ritenuto incompetente da un tribunale, di avere un esecutore testamentario nominato dallo Stato per gestirli fino a quando non viene giudicato competente. Tale esecutore testamentario è responsabile nei confronti del parente prossimo del paziente, del consulente legale o del tutore.

  11. Il diritto di prendere visione e di possedere la propria cartella clinica e di agire in giudizio contro ogni falsa informazione in essa contenuta e che possa arrecare danno alla propria reputazione.

  12. Il diritto di intraprendere un'azione penale, con la piena assistenza delle forze dell'ordine, contro qualsiasi psichiatra, psicologo o personale ospedaliero per qualsiasi abuso, falsa detenzione, aggressione a seguito di trattamento, abuso o stupro sessuale, o qualsiasi violazione della salute mentale o di altra legge. E il diritto a una legge sulla salute mentale che non indennizzi o modifichi le sanzioni per il trattamento penale, abusivo o negligente dei pazienti commesso da qualsiasi psichiatra, psicologo o personale ospedaliero.

  13. Il diritto di citare in giudizio gli psichiatri, le loro associazioni e collegi, l'istituzione o il personale per detenzione illegale, false segnalazioni o trattamento dannoso.

  14. Il diritto a lavorare oa rifiutarsi di lavorare, e il diritto a ricevere un giusto compenso su una scala retributiva paragonabile a quella sindacale o statale/nazionale per lavoro analogo, per qualsiasi lavoro svolto durante il ricovero.

  15. Il diritto all'istruzione o alla formazione in modo da consentire di guadagnarsi da vivere meglio una volta dimesso, il diritto di scelta sul tipo di istruzione o formazione da ricevere.

  16. Il diritto di ricevere visitatori e un ministro della propria fede.

  17. Il diritto di effettuare e ricevere telefonate e il diritto alla privacy in relazione a tutta la corrispondenza personale da e verso chiunque.

  18. Il diritto di associarsi liberamente o meno a qualsiasi gruppo o persona in un istituto, ospedale o struttura psichiatrica.

  19. Il diritto ad un ambiente sicuro senza avere nell'ambiente persone ivi collocate per motivi penali.

  20. Il diritto di stare con altri della propria fascia d'età.

  21. Il diritto di indossare indumenti personali, di avere effetti personali e di avere un luogo sicuro in cui conservarli.

  22. Il diritto all'esercizio fisico quotidiano all'aperto.

  23. Il diritto a una corretta alimentazione e nutrizione ea tre pasti al giorno.

  24. Il diritto a condizioni igieniche e strutture non sovraffollate, nonché a uno svago e riposo sufficienti e indisturbati.

Ristampato dal sito web della Citizens Commission on Human Rights Colorado, www.cchrcolorado.org

La Citizens Commission on Human Rights National Office di Washington, DC, ha sostenuto i diritti della salute mentale a livello statale e federale. La mostra itinerante del CCHR è stata esposta a Washington, DC, presso il Congressional Black Caucus Foundation Annual Legislativo Caucus, così come in altre località. La mostra ha girato più di 441 grandi città in tutto il mondo e ha educato oltre 800,000 persone sulla storia e le pratiche contemporanee della psichiatria che sono ancora dilaganti con gli abusi.

Informazioni sulla Commissione dei cittadini sui diritti umani: il CCHR è un organismo di controllo della salute mentale senza scopo di lucro, apolitico e non religioso. La sua missione è sradicare gli abusi commessi con il pretesto della salute mentale e tutelare pazienti e consumatori. Il CCHR è stato co-fondato nel 1969 dalla Chiesa di Scientology e Professore Emerito di Psichiatria Dr. Thomas Szasz.

<

p class=”contatto c6″ dir=”auto”>Relazioni con i media
Commissione dei Cittadini per i Diritti Umani, Ufficio Nazionale
+1 202-349-9267
E-mail qui

<

p class="pr_video_title">CCHR Ciò in cui crediamo

articolo - PER LA SALUTE MENTALE: Dichiarazione dei diritti umani sulla salute mentale

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti