12.2 C
Bruxelles
Sabato, settembre 24, 2022

I primi esami del sangue per lesioni cerebrali traumatiche possono prevedere con precisione quali pazienti moriranno

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

codeimg jpg 6 - Gli esami del sangue precoci per lesioni cerebrali traumatiche possono prevedere con precisione quali pazienti moriranno

Un grafico di trauma cranico con fiale per analisi del sangue. Credito: Justine Ross, Medicina del Michigan


Nello studio, il metodo prevedeva scarsi risultati sei mesi dopo l'infortunio con alti precisione.

Uno studio rileva che gli esami del sangue effettuati il ​​giorno di una lesione cerebrale traumatica (TBI) possono prevedere con precisione quali pazienti potrebbero morire o sopravvivere con una grave disabilità. Ciò potrebbe consentire ai medici di prendere decisioni prima sul possibile trattamento del trauma cranico. 


I ricercatori hanno analizzato gli esami del sangue del giorno della lesione di quasi 1,700 pazienti con trauma cranico. I risultati rivelano che valori più elevati di due biomarcatori proteici, GFAP e UCH-L1, sono associati a morte e lesioni gravi. Lo studio, condotto da Michigan Medicine, University of California San Francisco e University of Pennsylvania, è stato pubblicato in The Lancet Neurologia.

Secondo il primo autore Frederick Korley, MD, Ph.D., questo è il primo studio a esaminare l'associazione tra i livelli di biomarcatori di queste due proteine ​​e la mortalità per tutte le cause a seguito di trauma cranico. Korley è professore associato di medicina d'urgenza presso la University of Michigan Medical School.

"La previsione precoce e accurata degli esiti di trauma cranico aiuterà i medici a valutare la gravità di una lesione cerebrale e a informare il modo migliore per consigliare i familiari sull'assistenza ai propri cari con lesioni cerebrali e su cosa aspettarsi per quanto riguarda la loro guarigione", ha affermato Korley. "Aiuterà anche i ricercatori a indirizzare in modo più preciso terapie promettenti per TBI ai pazienti con TBI giusti".


La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha autorizzato l'uso di GFAP e UCH-L1 nel 2018 per aiutare i medici a decidere se ordinare scansioni TC per lesioni cerebrali traumatiche lievi.

Gli scienziati hanno misurato le proteine ​​utilizzando due dispositivi di Abbott Laboratories, i-STAT Alinity e ARCHITECT. I risultati sono stati confrontati con le valutazioni effettuate sei mesi dopo l'infortunio utilizzando la Glasgow Outcome Scale-Extended, un sistema che classifica lo stato funzionale dei pazienti con trauma cranico.

Gli investigatori hanno scoperto che rispetto a quelli con valori GFAP nel 20° percentile inferiore, quelli con valori GFAP nel 20° percentile superiore avevano un rischio di morte 23 volte più alto durante i sei mesi successivi. Allo stesso modo, rispetto a quelli con valori UCH-L1 nel 20° percentile inferiore, quelli con valori UCH-L1 nel 20° percentile superiore avevano un rischio di morte 63 volte maggiore durante i 6 mesi successivi.

"La moderna cura dei traumi può portare a buoni risultati in quelle che una volta credevamo fossero lesioni non sopravvissute", ha affermato il co-autore senior Geoffrey Manley, MD, Ph.D., professore e vicepresidente di neurochirurgia presso l'UCSF. "Questi esami del sangue sono sia diagnostici che prognostici, nonché facili da somministrare, sicuri ed economici".


Sebbene il metodo sia promettente per determinare esiti negativi in ​​caso di trauma cranico moderato e grave, i ricercatori affermano che è necessario fare di più per esaminare il suo ruolo nei casi lievi.

"Come passo successivo, il team di TRACK-TBI sta pianificando una sperimentazione clinica che esaminerà l'efficacia di agenti terapeutici promettenti che possono aiutare i pazienti con lesioni cerebrali traumatiche a riprendersi rapidamente", ha affermato Korley. “Come parte di questo studio clinico, questi biomarcatori saranno utilizzati come metodo obiettivo per selezionare i pazienti giusti da arruolare in questo studio. Utilizzeremo anche questi biomarcatori per monitorare la risposta individuale del paziente a queste promettenti terapie”.

Riferimento: “Valore prognostico del giorno della lesione plasma Concentrazioni di GFAP e UCH-L1 per predire il recupero funzionale dopo una lesione cerebrale traumatica nei pazienti della coorte statunitense TRACK-TBI: uno studio osservazionale di coorte” di Frederick K Korley, MD PhD; Prof Sonia Jain, PhD; Xiaoying Sun, SM; Ava M Puccio, PhD; John K Yue, MD; Raquel C Gardner, MD; Prof Kevin KW Wang, PhD; Prof David O Okonkwo, MD PhD; Prof Esther L Yuh, MD PhD; Prof Pratik Mukherjee, MD; Lindsay D Nelson, PhD ABPP-CN; Sabrina R Taylor, PhD; Amy J Markowitz, JD; Prof Ramon Diaz-Arrastia, MD PhD; Prof Geoffrey T Manley, MD PhD and the TRACK-TBI Study Investigators, 1 settembre 2022, Il neurologo di Lancet.
DOI: 10.1016/S1474-4422(22)00256-3

Korley aveva già consultato gli Abbott Laboratories. Korley e Robertson hanno ricevuto finanziamenti per la ricerca da Abbott Laboratories. Manley ha ricevuto finanziamenti per la ricerca da una collaborazione tra Abbott Laboratories e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Diaz-Arrastia si è consultato per MesoScale Discoveries, BrainBox Solutions e NovaSignal. Tutti gli altri autori e collaboratori non dichiarano interessi concorrenti.


- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti