16.5 C
Bruxelles
Venerdì, Settembre 30, 2022

Il metropolita di Kiev Onuphrius ha incontrato prigionieri di guerra russi

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

0
I dirigenti della Chiesa belga hanno ricevuto una formazione per garantire la sicurezza nelle comunità religiose.
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stiano dando speranza al mondo

La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stanno dando speranza a...

0
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol, teologa battista, è un membro del consiglio della CEC. Di seguito, riflette su come la creatività e lo sforzo potrebbero essere ciò che è necessario per inaugurare la CEC in una nuova era piena di sfide, ma anche con grande speranza.

Il metropolita Onuphrius di Kiev (UPC) ha incontrato i prigionieri di guerra russi alla Kyiv-Pechersk Lavra su loro richiesta. L'incontro è stato organizzato dal giornalista Vladimir Zolkin, noto per le sue interviste ai prigionieri di guerra russi, e dal metropolita di Boryspil Antony (Pakanich). Dopo aver servito un servizio di preghiera, il metropolita Onufrio si rivolse ai prigionieri di guerra con le parole:

“Vorrei augurare a Dio di riportarvi nella vostra patria, nelle vostre famiglie. Per vedere le vostre madri, sorelle, mogli, figli, fratelli, amici. Vorrei che diceste loro le seguenti parole: "Non vogliamo una guerra come quella in corso in Ucraina in questo momento". Non vogliamo che le nostre città ei nostri villaggi vengano distrutti, non vogliamo che la nostra gente e la vostra gente muoiano. Non vogliamo che le madri né in Ucraina né in Russia incontrino i loro figli morti e piangano su di loro con lacrime amare e inconsolabili. Questo deve essere fermato, può essere fermato”.

“Dobbiamo trovare una parola d'amore che metta a tacere le armi, fermi i razzi. Vogliamo che ci sia pace. La nostra Chiesa ortodossa ucraina ha fatto di tutto affinché il popolo russo e ucraino potessero vivere in pace, comprensione e amore. Tuttavia, è successo così. Ma anche se il male è accaduto, deve essere fermato! Possa Dio dare ai nostri governanti coraggio, ragione e saggezza per trovare la parola d'amore che ferma ogni male. Auguro a Dio di proteggere te e tutte le persone che sono sul campo di battaglia. La guerra non è la via per raggiungere l'unità tra nazioni, famiglie, persone. La violenza non crea l'unità, l'unità è creata dall'amore. E l'amore è Dio. Se uno prega e obbedisce ai comandamenti di Dio, è un uomo di Dio. Che Dio benedica le nostre terre con la pace”.

Il metropolita Onufrio non ha benedetto i soldati russi con la croce, ma li ha invitati nel suo ufficio per una conversazione informale. Lì disse:

“Non so se capisci o no, ma non deve essere così. Non dovreste uccidervi a vicenda. La morte non porta alcun beneficio a nessuno, solo dolore a ogni casa. È un peccato che i popoli usciti dallo stesso fonte battesimale siano in guerra tra loro. E dobbiamo fare di tutto per porre fine a questa follia”, ha concluso.

Probabilmente, l'incontro del metropolita Onufriy con i soldati russi catturati ha il carattere di un'intercessione alle autorità di Kiev per il loro scambio con i prigionieri di guerra ucraini.

"È un peccato che i popoli usciti dall'unico fonte battesimale si combattano. E dobbiamo fare di tutto per fermare questa follia”, ha concluso Onufriy.

In conclusione, lui distribuito agli occupanti un libro di preghiere, un'icona e una barretta di cioccolatoe al servizio di preghiera tutti i prigionieri presenti venivano nominati per nome ha cantato "molte estati". Dopo un breve servizio divino e una conversazione informale in ufficio, Onufriy ha parlato personalmente, faccia a faccia, con ogni occupante.

Mons. Evstratiy, portavoce dell'OCU, ha prestato attenzione alle tre principali tesi espresse da Onufrio durante l'incontro.

1. "È andata come è andata"– queste parole del capo della chiesa del Patriarcato di Mosca, dice l'arcivescovo, suonano “come una scusa per coloro che sono venuti a prenderci prigionieri”.

2. "Voglio augurare che Dio protegga te, tutte le persone che sono sul campo di battaglia".

“Non una parola sul male che hanno portato. Non una parola di un appello a pentirsi per gli omicidi e la distruzione. Ebbene, davvero: se tutto è successo da solo, allora questi prigionieri di guerra, come i soldati russi, sono stati “portati sul campo di battaglia”, i loro colleghi “non sono colpevoli”, pensa Eustrazio.

3. «È un peccato che i popoli usciti dall'unico fonte battesimale abbiano combattuto tra loro».

Il portavoce dell'OCU è certo: queste parole sono concrete la formula della guerra civile e la narrativa del Cremlino. In effetti, è stata la Russia ad attaccare l'Ucraina e ad occupare parte del nostro territorio.

Fonte: TSN

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti