5.6 C
Bruxelles
Venerdì, Settembre 30, 2022

La guida interreligiosa per il consolidamento della pace della United Religions Initiative

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Miti astrali

0
Costruire la cooperazione interregionale per combattere la criminalità nel settore della pesca

Costruire la cooperazione interregionale per combattere la criminalità nel settore della pesca  

0
L'immensa scala e la crescita del settore della pesca hanno anche portato gli attori a commettere reati nel settore della pesca.
La Corte africana sostiene il diritto all'autodeterminazione e all'indipendenza del popolo sahrawi

La Corte africana sostiene il diritto del Sahara occidentale all'autodeterminazione e all'indipendenza

0
In una recente sentenza storica, la Corte africana ha denunciato l'occupazione marocchina del Sahara occidentale come una grave violazione del diritto all'autodeterminazione.

Guida nel contesto della costruzione della pace

Peacebuilding è un termine relativamente nuovo. È stato coniato circa un decennio fa dall'allora Segretario Generale delle Nazioni Unite Boutrous Boutrous-Ghali per riferirsi a un insieme di attività ideate per promuovere relazioni pacifiche tra le parti in conflitto, soprattutto dopo la firma di un accordo di pace. Molti studiosi e professionisti ora usano il termine per riferirsi ad attività svolte in qualsiasi fase di un processo di pace. Adottiamo quella visione più ampia della costruzione della pace in questa guida, usandola come termine generico che assume un approccio non violento e si riferisce a tutti gli atteggiamenti e le attività volti ad assistere le persone nella risoluzione dei conflitti e nella costruzione di relazioni sostenibili.

Nella sua accezione più ampia, la costruzione della pace riguarda la costruzione di comunità e società pacifiche e stabili.1 Peacebuilding riconosce che la pace è "un processo attivo in cui le persone possono, in alcuni casi, promuovere il conflitto [attraverso un'azione non violenta] al fine di migliorare le condizioni e le relazioni degli altri o di se stesse".2 In definitiva, il peacebuilding mira a prevenire ulteriori violenze e conflitti distruttivi; guarire gli individui e le società dagli effetti della violenza; e riconciliare individui e comunità, “affinché sia ​​possibile un futuro condiviso”.3

Peacebuilding è orientato a trasformare il sistema nel suo insieme, non solo singole parti di esso. Si riferisce all'individuo, alla comunità, alla società e al sistema internazionale. Ha un impatto su presupposti, valori, atteggiamenti, problemi e relazioni. La costruzione della pace è composta da innumerevoli piccole e grandi azioni, alcune in risposta a bisogni immediati come il sollievo della sofferenza o l'attenuazione delle tensioni e altre progettate per un impatto a lungo termine. Alcune strategie di costruzione della pace possono richiedere un'azione prolungata nel corso di decenni per produrre risultati, in particolare quelle progettate per apportare cambiamenti nelle strutture e nei sistemi sociali, politici ed economici.

La costruzione della pace è sia un campo di pratica che di studio accademico. Si basa su decenni di ricerca sulla pace e sviluppo di teorie e pratiche di risoluzione dei conflitti, attivismo non violento e lavoro in campi correlati come i diritti umani e lo sviluppo socioeconomico. È un campo dinamico in cui l'attenzione si è estesa dalla prevenzione e fine di conflitti sociali violenti allo studio delle cause sistemiche e di altro tipo di conflitto allo studio dei processi di ripristino e ricostruzione postbellici. Copre molte discipline diverse come storia, psicologia, sociologia, antropologia, biologia, scienze politiche, educazione, comunicazione, politiche pubbliche, tra le altre.

Il ruolo dei cittadini comuni nella costruzione della pace non può essere sottovalutato. Come ha affermato la veterana pacificatrice americana Louise Diamond, "il potere per la costruzione della pace risiede nei molti e non solo nei pochi".4 Per costruire una pace efficace e sostenibile, abbiamo bisogno di sviluppare leadership e partecipazione a tutti i livelli della società, dai cittadini che lavorano a livello locale alla "base" per creare una base di fiducia tra le persone che si trovano sui diversi lati di un conflitto, alle persone attive in molte diverse capacità a livello nazionale, regionale e internazionale.

Il contributo interreligioso alla costruzione della pace

Gruppi e individui che lavorano per la comprensione interreligiosa detengono potenti chiavi per sbloccare il conflitto, ovunque si trovi. Intrinsecamente, la maggior parte delle fedi mira a portare la pace ai loro seguaci e all'umanità. Allo stesso tempo, le differenze religiose sono spesso facilmente manipolate e utilizzate per mobilitare comunità e individui alla violenza. Così, imparare a comprendere il significato delle differenze religiose - e sentirsi a proprio agio con le molte diverse "voci" dell'espressione religiosa e spirituale - riduce la possibilità del radicalismo religioso e l'intolleranza, l'odio e la violenza che così spesso lo accompagnano. Può anche motivare le persone a impegnarsi attivamente nella costruzione di connessioni e relazioni attraverso le divisioni religiose e ad agire per correggere l'ingiustizia.

Ogni gruppo di fede di lunga data possiede un serbatoio storico di significati che danno forma all'identità. Hanno potenti simboli e rituali che danno espressione a bisogni e desideri collettivi. Hanno anche una ricchezza di principi, valori e pratiche che possono costruire pace e relazioni di cooperazione tra i nemici.

La costruzione della pace religiosa - che include la costruzione della pace interreligiosa - è ora un'area riconosciuta di pratica e studio nel più ampio campo della costruzione della pace. Mette in gioco insiemi distinti di significati e interpretazioni, motivazioni, cause ed effetti e strategie. I suoi contributi includono la voce profetica e morale e l'autorità della fede, le risorse istituzionali di molti gruppi e comunità di fede, i ruoli di intermediario e di advocacy spesso svolti da aderenti religiosi e spirituali, e anche un focus sul ripristino delle relazioni e della comunità.

La disciplina e il potere trasformativo degli insegnamenti e delle pratiche religiose e spirituali sono un ingrediente speciale che i gruppi interreligiosi apportano alla costruzione della pace nel suo insieme. Questi includono le qualità vitali di empatia e compassione, coraggio e sacrificio di sé, consapevolezza di sé e autocontrollo; una convinzione nel potere trasformativo dell'amore e della considerazione positiva; fede di fronte a ostacoli apparentemente impraticabili; e una predisposizione alla guarigione e alla riconciliazione.

La costruzione della pace interreligiosa è un modo per accedere a queste riserve di significato e pratica a beneficio di tutti. È anche un modo per includere un segmento della società che spesso è escluso dalle politiche di potere e dai processi formali di pace.

La costruzione della pace interreligiosa comprende molti tipi di iniziative e attività volte a costruire comprensione, rispetto e azione comune tra le persone di fede. Gli esempi includono il dialogo interreligioso e la condivisione di rituali e pratiche di fede; azione interreligiosa sul benessere sociale e lo sviluppo economico; e un'attiva pacificazione progettata per riunire le parti in conflitto, per citare solo alcune categorie chiave di azione.

Dato che la maggior parte delle persone attive nei gruppi interreligiosi sono privati ​​cittadini senza una formazione speciale ma che sono preoccupati per la situazione nelle loro comunità e nel loro paese e hanno un profondo impegno a lavorare per la pace, le attività di base sono spesso le più appropriate.

Le attività di costruzione della pace che sono particolarmente adatte agli sforzi interreligiosi di base sono quelle che aiutano a costruire la comprensione e la cooperazione attraverso le linee di divisione in una società e che sviluppano nuovi modi per affrontare le differenze in modo pacifico e produttivo. I gruppi interreligiosi creano spazi per la sicurezza, l'accettazione, la comprensione, l'intuizione e la trasformazione. Il semplice fatto di riunirsi per lavorare in modo collaborativo in un contesto interreligioso è un'azione di costruzione della pace. Sviluppa culture di pace

I costruttori di pace interreligiosi di base fanno la differenza:

riunendo gruppi diversi

ascoltare con apertura agli altri

educare e abbattere gli stereotipi

speranza ispiratrice

costruire la fiducia per affrontare problemi difficili

creare un senso inclusivo di comunità che abbracci coloro che sono “altro”

essere modelli di modi costruttivi per affrontare le differenze

sostenere la volontà di cambiare i sistemi e le strutture ingiusti che causano dolore agli altri

1 Peacebuilding: un manuale di formazione della Caritas (Città del Vaticano: Caritas Internationalis, 2002), 4.

2 Susan L. Carpenter, Un repertorio di abilità pacificatrici (Consortium on Peace Research, Education, and Development, 1977), 4.

3 Paula Green, "Contatto: formare una nuova generazione di costruttori di pace", Pace e cambiamento 27:1 (gennaio 2002), 101.

4 "Costruire la pace: chi è responsabile?" Diario dei percorsi (Autunno 1996), http://www.pathwaysmag.com/9-96diamond.html.

Iniziativa delle religioni unite ~ Guida interreligiosa per il consolidamento della pace, agosto 2004 Introduzione, pp. 12-15.

Web: www.uri.org

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti